Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/01/19 ore

LIBRI

Alle frontiere della libertà, come reagire alla società delle conseguenze. Presentazione a Roma

Mercoledì 4 marzo è stato presentato nella sala Santa Chiara presso il Pantheon il saggio “Alle frontiere della libertà” (Rubbettino Editore), lunga, articolata intervista a Giuseppe Rippa di Luigi Oreste Rintallo, in effetti una forma espositiva che ha consentito di agitare con piglio scorrevole le criticità più sofferte, e per questo più stimolanti, del tempo politico che attraversiamo, in rapporto con i condizionamenti, sovente determinanti, connessi al ruolo di frontiera del nostro paese nel corso della lunga stagione della guerra fredda – ormai quanto alle premesse – e con la perdita di questo ruolo a seguito della caduta del Muro di Berlino a partire dai primi anni novanta.

 

Intervista a Giuseppe Rippa su "Alle frontiere della libertà" (Petra Scognamiglio per Napoli TV)

Pitigliano. La Comunità Ebraica tra Ottocento e Novecento

Situato nella bassa Toscana fra le colline di tufo della Maremma grossetana, Pitigliano è un borgo medioevale che fra la fine del 1700 e gli inizi dell''800 fu definito la "Piccola Gerusalemme". In questa cittadina visse per circa cinquecento anni una comunità ebraica, esigua nei numeri, ma importante sia per la percentuale di presenze rispetto al resto della popolazione locale, sia per la sua vivacità e per la totale integrazione. A raccontarne la storia più recente "attraverso documenti inediti", è ora un libro pubblicato da Edizioni Effigi e curato da Franco Paioletti e Angelo Biondi: "Pitigliano. La Comunità Ebraica tra Ottocento e Novecento". di Elena Lattes

Punto di fuga Wallenberg di Davide Amante

Raoul Wallenberg, è un rampollo dell'alta borghesia svedese affidato alle cure del nonno paterno, quando giovanissimo rimane orfano. La sua illustre famiglia ha dato al Paese nordico grandi industriali, banchieri, politici e diplomatici e il suo futuro si prospetta altrettanto roseo. di Elena Lattes

Vittorio Sgarbi, Gli anni delle meraviglie

"Sto leggendo l’ultimo libro di Sgarbi, è bellissimo e ha magnifiche illustrazioni, leggilo". Guido, il cugino che mi dà questo consiglio, è una persona beneducata e della rozzezza romanesca, vive soprattutto a Roma, ha assorbito solo qualche tratto di una rude franchezza. "A me Sgarbi non sta simpatico, ma devo riconoscere che nessuno come lui riesce a spiegare l’arte che cos’è". Il libro è molto bello e conferma il fatto che pure coloro a cui il personaggio Sgarbi non piace non possono fare a meno di ammirarne la prosa, il sapere, l’essere, probabilmente, a mio avviso, il migliore storico e critico d’arte in circolazione. di Adriana Dragoni

Guida ai luoghi del culto e della tradizione ebraica in Italia

Fra alti e bassi, accoglienza e collaborazioni da una parte, e persecuzioni dall'altra, la presenza ebraica in Italia conta oltre due millenni. Le prime tracce ufficiali, infatti, risalgono al secondo secolo prima dell'era cristiana, ma probabilmente già da cento cinquant'anni prima gli ebrei avevano cominciato a stabilirvisi. di Elena Lattes

Giacomo Puccini, il gossip elegante sul “Bello e... possibile”

Chissà se il sottotitolo “Bello e... possibile” dell'ultimo libro di Vincenzo Ramon Bisogni è ispirato ad una famosa canzone “Bello e impossibile” di Gianna Nannini. A noi non è dato saperlo, ma riassume magistralmente la tesi espressa dall'autore in “Giacomo Puccini” pubblicato da Zecchini Editore. di Elena Lattes