Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/07/18 ore

LIBRI

Eresia e omosessualità, così l’anima nera Nogaret costruì il processo ai Templari

La storia narrata nel nuovo libro di Barbara Frale‘Crimine di Stato. La diffamazione dei Templari’ (Giunti Editore, pp. 192, euro 10), ruota intorno a grandi figure del Medioevo: Papa Clemente V, costretto a piegarsi ai voleri di un sovrano senza scrupoli, e il Gran Maestro templare Jacques de Molay, travolto dalle false accuse che lo porteranno al patibolo, con gli occhi fissi a Oriente. di Salvatore Balasco

‘Re Scorfano e il tesoro di Strombolicchio’, una fiaba che insegna il coraggio e l’amicizia contro le bandiere nere dei pirati

Ci sono storie che hanno un’anima. Senza tempo, perché sanno scendere in profondo raccontando voci e lotte con il destino. Favole come quelle narrate dai contadini d’inverno, accanto al camino di pietra, che educano i bambini ma riscaldano anche il cuore dei grandi. di Salvatore Balasco

Il passato che è in me

In tutto il mondo ne sono rimasti soltanto tre e Simcha "Kazik" Rotem è uno di questi. Anzi, è forse l'unico capo tuttora vivente della Rivolta degli ebrei di Varsavia nella primavera del 1943. Nato nel 1924 a Czerniakòw, sobborgo della capitale, combattente del ghetto e partigiano polacco, ha raccontato le sue tremende e rocambolesche vicissitudini ne "Il passato che è in me", tradotto recentemente per i Belforte Editori. di Elena Lattes

CicloInVerso Poesia in Bicicletta

Il geniale Enrico Pietrangeli è riuscito a fare un libro dove, con l’intento di trattare la poesia sul tema delle biciclette, è riuscito a metterci di tutto. Esso riguarda cioè essenzialmente la bicicletta come tema centrale, ma con un contesto di riferimenti talmente vasto da rendere il libro una vera opera storica e artistica insieme. di Giovanni Lauricella

Barbara Frale racconta ‘Respice Arcanum’, Bonifacio VIII e il segreto dell’alchimista

L’Alchimista prostrato a terra avvertiva sulla fronte il freddo del pavimento di pietra. Segnò una linea di potenza sul pavimento, Arnaldo da Villanova. Lo chiamavano il Catalano, ed era un medico saggio. "Le lacrime sono da Kronos - borbottava il vecchio recitando la formula degli antichi testi - da Zeus viene la generazione, da Ermes il Logos". Nel tempo del silenzio, risuonano parole magiche: io sono Aleph, Mem e Tav. Dall’anima di queste lettere prende corpo Ameth, la Verità. Nella vena delle tempie rimbomba un precetto: ‘Respice arcanum’. Contempla il segreto, ma tienilo per te soltanto. E’ scritto anche in un medaglione tondo lavorato a sbalzo, ageminato d’argento e metalli ignoti, che una misteriosa fanciulla, Maddalena, deve consegnare a Filippo IV il Bello. di Salvatore Balasco

Ebrei contro Israele, di Giulio Meotti

Ebrei contro Israele, l'ultimo libro di Giulio Meotti, ha suscitato un grande dibattito  e, probabilmente susciterà ancora per molto tempo. Soprattutto nel mondo ebraico dove, si dice, che la varietà dei punti di vista è maggiore delle persone che li esprimono e la vis polemica è sempre molto vivace, gente comune, intellettuali e opinionisti si sono suddivisi in due categorie grandi e una decisamente minoritaria: la prima, forse la maggiore, apertamente e polemicamente contro, la seconda, nettamente a favore e la terza, la meno consistente, si è mantenuta sostanzialmente e pacatamente neutrale. di Elena Lattes