Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/05/17 ore

CINEMA

A Bologna, il trentesimo Festival del Cinema Ritrovato celebra Il Mito Assoluto: Marlon Brando

Si tratta dell’appuntamento al quale le più importanti cineteche del mondo presentano i restauri di capolavori gravemente danneggiati dal tempo o dall’usura, mutilati dalla Censura o considerati dispersi o introvabili. Tutti hanno in comune un elevatissimo valore artistico o documentario. Varie sono le sezioni tematiche che lo compongono, organizzate per epoche, nazionalità e genere. di Vincenzo Basile

L’uomo che vide l’infinito, matematica tra misticismo e razionalità

In sala dal 9 giugno “L’uomo che vide l’infinito”,il film del regista e sceneggiatore di origine sudafricana Matthew Brown (tratto dall’omonima biografia di Robert Kanigel), racconta la vita di Snirivasa Ramanujan (Dav Patel), geniale matematico indiano morto di tisi a soli 33 anni. di Giovanna D’Arbitrio

“In nome di mia figlia” o della giustizia ritrovata

Quando una persona amata muore, l’immagine che torna più frequentemente alla memoria è quella dell’ultima volta in cui si è vista in vita. Per André Bamberski il saluto di sua figlia Kalinka in partenza per la Germania, dove morirà ad appena quattordici anni, deve essere stato una ossessione che è durata più di trent’anni. Lo testimonia il suo libro autobiografico “Pour que justice te soit rendue” (Ed. Lafon, 2010) e il film che il bravo regista Vincent Garenq ne ha tratto e che da oggi è nelle sale italiane con il titolo di “In nome di mia figlia”. di Paolo Izzo

“Verso casa”, il tributo del regista Fabrizio Sergi al cineasta Turi Vasile

Un mediometraggio tra "fiction" e ricordi. La prima è in programma al 62° Taormina Film Fest. Si tratta della  prima opera del genere per il giovane filmmaker Fabrizio Sergi di Santa Teresa di Riva, dal titolo “Verso Casa": tributo al poliedrico cineasta di origini messinesi Turi Vasile, scomparso a Roma all'età di 87 anni, con alle spalle un cursus honorum ricco di successi e di grandi nomi.

JULIETA, il nuovo film di Almodóvar (Rapporto madre-figlia e sensi di colpa)

Presentato al Festival di Cannes 2016, il nuovo film di Pedro Almodóvar , “Julieta”, è arrivato da qualche giorno sugli schermi italiani, stimolando discussioni e riflessioni come sempre accade per le opere del grande regista. Ispirato a tre racconti del libro di Alice Munro “In Fuga”, la pellicola è centrata sul rapporto madre-figlia e su problematiche femminili che, a quanto pare, in questo periodo sollecitano alquanto l’attenzione del cinema. di Giovanna D’Arbitrio

La pazza gioia, il nuovo film di Virzì. Donne, tra disagio psichico e desiderio di libertà

Dopo il successo del film “Il Capitale Umano”, Paolo Virzì torna sugli schermi con una nuova opera, “La Pazza Gioia”, che sta riscuotendo consensi di critica e di pubblico. di Giovanna D’Arbitrio