Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/11/20 ore

Addio a Tommaso Cuomo


  • Giuseppe Rippa

Ma dov’è il Sindaco, dov’è Tommaso … era qui qualche istante fa…". C’è già molta gente intorno al palchetto sotto lo spazio antistante il Comune di Agerola per la festa” “… lo hanno chiamato per una urgenza, un suo paziente si è sentito male, potrebbe aver avuto un infarto… pensa si tratta del candidato che ha perso l’elezione contro di lui… ma lo sai, Tommaso si sente in ogni momento un medico … speriamo possa tornare in tempo per festeggiare…”.

 

Era così Tommaso, uomo votato alla sua deontologia di medico e amato dai suoi concittadini per la sua disponibilità, la sua garbata e generosa attenzione ai diritti di tutti, a prescindere dalla posizione politica, culturale, sociale della sua gente. Lui uomo di sinistra, ma soprattutto personalità integra e senza pregiudizi. Ma anche accorto amministratore.

 

Eravamo ragazzini quando trascorrevamo le nostre vacanze estive tra Furore e Bomerano (frazione di Agerola) e scorrazzavano con le bici lungo le curve strette che scendevano verso il fiordo, l’unico nel Mediterraneo, della costiera amalfitana. Ricordi antichi e teneri.

 

“… Ma dove è il confine tra i comuni di Agerola e Furore? … È lì, proprio poco dopo la punta Fausto Coppi … con la stele che ricorda le imprese del grande campione lungo i tornanti dei 15 chilometri di salita che portano da Amalfi appunto a Furore e Agerola … dove si definisce il confine tra la provincia di Napoli e di Salerno”. Eravamo ragazzini e le lunghe vacanze ci portavano a diventare parte anche noi della comunità che ci ospitava.

 

Tra quei ragazzini Tommaso e con lui molti altri, i fratelli Sibilla, Nunzia, poi Luca, Carmela, Tonino e molti altri, abitanti del luogo o villeggianti … Poi il tempo ci aveva dispersi, alcuni rimasti, altri in tutta l’Italia. Ma per la elezione a sindaco eravamo venuti lì per festeggiare il dottore, anche chi veniva da lontano … 

 

Gli ultimi anni ci eravamo visti di meno, ma c’era sempre un affettuoso ricordo di età fresche, limpide, entusiastiche…

 

Nella notte tra lunedì 16 e martedì 17 di novembre di questo difficile 2020 è morto il dottor Tommaso Cuomo, per due consigliature sindaco di Agerola (1997/2001)… 

 

Addio Tommaso, con affetto.

 

 


Aggiungi commento