Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/04/24 ore

Sul regno del terrore di Putin



Vladislav L. Inozemtsev*

(da Memri)

 

La morte di Alexei Navalny in una prigione russa situata sul terreno permafrost (perennemente gelato) oltre il circolo polare artico è stata scioccante ma prevista. Nel mio primo articolo per MEMRI nel 2021, ho concluso che la probabilità che Navalny fosse prigioniero a vita (almeno durante la vita del presidente russo Vladimir Putin) superava di gran lunga la probabilità che diventasse presidente della Russia.[1] Questa morte – non la prima e certamente l’ultima nella Russia di Putin – è una buona occasione per affrontare la natura mutevole dell’attuale regime russo, che si è evoluto da un sistema politico apparentemente liberale in un ordine autoritario repressivo sotto la stessa persona – Vladimir Putin.

 

Il "terzo decennio" del governo di Putin sulla Russia

 

Molte persone in questi giorni sostengono che Putin abbia continuamente cambiato la sua agenda: in Russia, gli esperti parlano spesso di tre tipi di cosiddetto “consenso Putin”.[2] Il primo, suggeriscono, è emerso negli anni 2000 con il boom economico russo e presupponeva che il popolo russo fosse pronto a scambiare alcune delle proprie libertà politiche con un crescente benessere. Il secondo, si ritiene, sia arrivato nel 2014, quando l’annessione della Crimea provocò un’ondata “patriottica” rendendo la maggior parte della popolazione pronta a cessare anche ogni speranza economica per un sentimento di appartenenza alla “superpotenza” globale. Il terzo “consenso” è molto meno evidente dei primi due, ma sembra che Putin goda ancora, se non del sostegno dei suoi sudditi, almeno della non resistenza a quasi tutte le sue azioni.

 

Tuttavia, ciò che va notato qui è che questo gradualismo che ha portato il regime russo ad evolversi da un sistema politico apparentemente piuttosto liberale a un ordine autoritario repressivo è stato uno dei motivi principali per cui sia i russi che gli occidentali sono stati ingannati. Recentemente ho definito Putin una sorpresa del Führer perché per così tante persone era difficile credere nelle sue intenzioni prima del 2022.[3] In effetti, molte persone credevano che non tutto fosse perduto.

 

Già nel 2020 avevo predetto che il “terzo decennio” del governo di Putin sulla Russia sarebbe stato il “decennio del terrore e del puro autoritarismo (il mio articolo è presto scomparso dal sito web della rivista Snob ma rimane disponibile su altri siti web).[4] All’inizio degli anni ’20, il presidente Putin possiede pochissime leve “positive” per influenzare la società russa: potrebbe consolidarla durante la guerra moltiplicando il senso di minaccia esterna, potrebbe aumentare il benessere della popolazione spendendo le riserve valutarie della nazione e finanziando la produzione militare con denaro preso in prestito, ma fondamentalmente tutti questi sforzi non possono produrre stabilità a lungo termine per il regime. Ciò che potrebbe portare a un simile risultato è la paura, e il presidente Putin ha usato magistralmente questa opzione, sia innescando quella che potrebbe diventare una guerra senza fine, sia estendendo pressione sui propri sudditi.[5]

 

Oppressione e terrore in una forma piuttosto moderata

 

Tuttavia, le repressioni su cui mi soffermerò più avanti non erano l’unico modo per sviluppare la paura nell’opinione pubblica russa. I due consensi menzionati in precedenza hanno preparato il terreno per ciò che sta accadendo oggi.

 

Negli anni 2000, milioni di russi si sono impegnati in attività imprenditoriali e hanno acquisito importanti beni e proprietà, investiti in beni immobili e altri valori, sviluppando così la sensazione che la Russia fosse diventata un paese in cui si poteva vivere.[6] Questo è ciò che rende Putin in questi giorni in grado di spaventare i suoi sudditi confiscando le loro proprietà se si oppongono alle sue politiche o con il disordine economico che potrebbe seguire alla sua cacciata e al cambio di regime che comporterebbe restituzioni, requisizioni e pagamenti dignitosi all’Ucraina, privando la Russia, e i russi, di miliardi di dollari.[7]

 

Negli anni 2010 i russi sono diventati “patrioti” e oggi anche molti di coloro che non sostengono la guerra di Putin in Ucraina sono ferocemente contrari alla restituzione della Crimea a Kiev o alla sconfitta nella “guerra con l’Occidente”, come il Cremlino era solito definire la continua resa dei conti.[8] Questo tipo di paura è diffusa anche nel Paese e facilita la gestione di Putin. Quindi, il “puro terrore” arrivato negli anni 2020 non dovrebbe essere trattato come se producesse qualcosa di completamente diverso dal tipo di paura che i russi provavano prima: sembra un’aggiunta alle preoccupazioni precedentemente nutrite piuttosto che un metodo unico del governo di Putin sulla Russia.

 

La caratteristica specifica dell'attuale sistema di Putin è che utilizza l'oppressione e il terrore in una forma piuttosto moderata. Dal 2012, in Russia sono state adottate dozzine, se non centinaia, di leggi che consentono alle autorità di punire quasi chiunque per qualsiasi cosa. Dopo l'inizio della guerra con l'Ucraina, la legislazione è diventata particolarmente crudele, e la famosa legge che punisce la diffusione di "fake news" sull'esercito russo[9] è stata varata insieme ad una che criminalizza "la glorificazione del nazismo". Si suppone che queste leggi proteggano dalla diffusione dell'ideologia nazista, ma più spesso vietano le critiche al regime sovietico.[10] Sono stati registrati alcuni casi in cui la legge che punisce la diffusione di "fake news" è stata applicata a persone che scendevano in piazza con slogan inneggianti alla pace, e le leggi che criminalizzano "l'esaltazione del nazismo" sono state usate per accusare una signora che postava un video divertente in cui "toccava" i seni della gigantesca statua di Volgograd,[11] che simboleggia la Patria sovietica. La giovane donna è stata mandata in prigione dopo essere tornata in Russia dal suo viaggio in Europa.[12]

 

Tuttavia, anche se i media russi e quelli degli emigranti riportano che questi casi accadono quasi ogni giorno, il numero complessivo di procedimenti penali intentati contro cittadini russi per tali reati rimane relativamente basso. Secondo la banca dati OVD-Info, dal 2012 in Russia sono stati aperti solo 3.600 procedimenti penali a sfondo politico.[13] Ci sono molti più casi amministrativi. Solo da marzo 2022 a ottobre 2023, e solo in relazione alle "fake news" e al "discredito" dell'esercito russo, più di 8.000 protocolli sono stati ricevuti dai tribunali russi, come risulta dai dati raccolti da Mediazone (a seguito di nella maggior parte dei casi gli imputati sono stati multati o hanno trascorso fino a due settimane in prigione).[14]

 

L’atmosfera della paura è prodotta senza terrore di massa

 

Allo stesso tempo, il Cremlino avrebbe deciso che il numero limitato di casi può essere compensato, da un lato, con punizioni estremamente crudeli per un gruppo piuttosto piccolo di dissidenti, e, dall’altro, trascurando tutti i fondamentali principi dello Stato di diritto in molti di questi casi. Affrontando il primo punto, vorrei ricordare al lettore che in Russia, nel 2023, sono state annunciate diverse decine di sentenze di tribunali che imponevano pene detentive fino a sette anni per aver pubblicato testi sui social media o accusando l'esercito russo di alcuni illeciti, come è accaduto all'ex deputato municipale da Mosca Alexei Gorinov, condannato a sette anni per aver condannato la guerra in Ucraina durante la seduta del consiglio comunale, mentre molte altre sentenze meno drammatiche sono state emanate in Russia negli ultimi due anni,[15] per aver diffuso volantini inneggianti alla pace o esposto la bandiera ucraina, come nel caso dell’artista di San Pietroburgo Alexandra Skochilenko, incarcerata per sette anni per cinque volantini che imitavano i cartellini dei prezzi dei negozi. I volantini contenevano informazioni sulle azioni dell'esercito russo, che secondo il Ministero della Difesa russo erano false,[16] o scrivevano post che potevano essere considerati "esaltazione del terrorismo". Proprio di recente il sociologo di sinistra russo di fama mondiale Boris Kagarlitsky è stato condannato a cinque anni per la sua analisi di uno degli attacchi ucraini contro il ponte di Crimea. È stato accusato di giustificare il terrorismo.[17]

 

Queste sentenze vengono ora annunciate regolarmente in Russia e sono diventate un forte argomento per la gente comune affinché rimanga in silenzio non solo su Internet, ma anche nella vita pubblica e nelle conversazioni con parenti e amici, così da creare un'atmosfera di paura senza terrore di massa. Vorrei menzionare qui che il mese scorso il parlamento russo ha approvato una legge che consente alle autorità di confiscare le proprietà di coloro che hanno commesso tali "crimini".[18] Questa legge, a mio avviso, prende di mira innanzitutto la comunità di emigranti russi, che ora si sentiva relativamente sicuro. Tuttavia, poiché l’Europa e gli stati post-sovietici sono pieni di agenti russi che scattano foto e registrano manifestazioni contro la guerra organizzate dai russi all’estero, molte di queste persone potrebbero trovarsi ad affrontare problemi in Russia, dove la maggior parte di loro possiede appartamenti e case privati che vivono con i soldi del loro contratto di locazione.

 

Pertanto, direi che per quanto riguarda i dissidenti, le autorità russe ora utilizzano la strategia delle punizioni rare ma dure, e sembra che questo dia i suoi frutti. Tuttavia, quando si tratta di avversari più ostinati, la lotta prende una svolta più radicale. Alexei Navalny è stato un buon esempio di questo approccio: fino a qualche tempo è stato semplicemente espulso dalla sfera pubblica e, quando sembrava che non bastasse, è stato incarcerato per tre anni e mezzo per un crimine "economico",[ 19] in seguito si è beccato altri 19 anni per "partecipazione a un'organizzazione estremista"[20] e successivamente le autorità hanno dichiarato la sua Fondazione anticorruzione "un'organizzazione estremista".[21]

 

In questi casi, il principio di irretroattività, che sembra essere uno dei pilastri del diritto penale ovunque nel mondo, non ha alcuna forza. Ad esempio, una donna di Tomsk, Ksenya Fadeyeva, che è stata un'attivista pro-Navalny e nel 2020 è stata eletta alla Duma della città di Tomsk, era stata recentemente condannata a nove anni di prigione per aver partecipato a una "organizzazione estremista"[22 ] anche se l'organizzazione di Navalny è stata designata come tale solo nel giugno 2021,[23] molto tempo dopo aver ottenuto il suo mandato e cessato la sua partecipazione alla campagna di Navalny.

 

Nessuna di queste sentenze è stata annullata dalla cassazione o dai tribunali superiori. Quando si tratta dei critici più devoti del regime, come Vladimir Kara-Murza, i termini possono diventare indefinitamente alti. È stato condannato a 25 anni di prigione per aver chiesto ai politici occidentali di imporre maggiori sanzioni alla Russia sia per la guerra in Ucraina che per le violazioni dei diritti umani.[24]

 

Tuttavia, nella lotta contro ogni tipo di opposizione, i parlamentari russi contraddicono le proprie decisioni. Ad esempio, la famosa legge sugli “agenti stranieri” non vieta formalmente a queste persone di esprimere le proprie opinioni. È richiesto soltanto che le relazioni finanziarie siano presentate al Ministero della Giustizia. Inoltre, gli agenti stranieri non possono insegnare nelle università, diventare deputati o impiegati statali e non possono partecipare a partiti politici o commissioni elettorali,[25] ma la legislazione recentemente proposta stabilisce che coloro che inseriscono la propria pubblicità nei media posseduti o controllati da agenti stranieri, rischiano fino a due anni di carcere[26], il che sembra, direi, semplicemente inspiegabile.

 

Conclusione – Nessuna enorme resistenza interna all’interno della società russa

 

Per concludere, direi che la sfida più importante che le autorità russe si trovano ad affrontare in questi giorni è se riusciranno a limitarsi a un terrorismo così “moderato”. La reazione alla morte di Alexei Navalny suggerisce che non esiste una grande resistenza interna alla società russa. Per onorare la memoria di Navalny, diverse migliaia di persone hanno portato fiori ai monumenti che ricordavano le vittime del terrore stalinista, eretti in molte città russe negli anni '90, di conseguenza quasi 400 persone sono state arrestate dalla polizia e circa 40 persone sono state processate e hanno subito arresti fino a 15 giorni.[27]

 

Le sentenze dei tribunali contro i dissidenti aumentano ogni giorno e sono argomento caldo per i media per una o due settimane, non di più. Le persone vengono arrestate, giudicate e condannate o semplicemente scompaiono. I prigionieri di coscienza sono circa un migliaio, ma anche i russi che seguono da vicino la politica interna difficilmente riescono a nominare 20-30 detenuti, mentre la maggioranza della popolazione semplicemente non si preoccupa di quello che sta succedendo. Se questa tendenza continua, diventerà piuttosto uno sfondo abituale per politiche economiche e geopolitiche più drammatiche e non minaccerà la stabilità del regime.[28]

 

Tutto potrebbe cambiare se i siloviki - rappresentanti di agenzie statali che avrebbero responsabilità dell'applicazione della legge![29] credessero di poter agire da soli, non solo su ordine del Cremlino, e iniziassero ad aumentare la pressione sia per i loro obiettivi di carriera sia per ottenere il controllo sui beni posseduti da coloro che prendono di mira. Se ciò accadesse, la situazione potrebbe andare fuori controllo provocando una reazione significativa da parte del popolo russo – ma fino ad ora nulla parla a favore di un simile scenario. Il presidente Putin sembra comprendere abbastanza bene i meccanismi interni della Russia per non permettere che emerga alcuna tensione eccessiva. Pur rinunciando a un'altra mobilitazione, preferendo rinforzare il suo esercito aumentando gli stipendi dei militari, ha anche deciso di non tentare di ripetere le pratiche terroristiche staliniste nel paese. Il regime di Putin combina magistralmente l'oppressione con la manipolazione dei mezzi economici, e quindi apparentemente non ricreerà quelle politiche utilizzate ai tempi di Stalin. In sostanza, la Russia moderna sta perseguendo un nuovo tipo di repressione che cerca di apparire non somigliante molto a quella della vecchia Unione Sovietica. (ma… ndr)

 

*Dott. Vladislav Inozemtsev: consulente speciale del progetto MEMRI Russian Media Studies, nonché fondatore e direttore del Centro per gli studi postindustriali con sede a Mosca.

 

************* 

 

[1] Vedi MEMRI Inquiry & Analysis Series n. 1563, Alexey Navalny: Future President Or Prisoner For Life?, 11 marzo 2021.

[2] Regnum.ru/article/2593311, 18 marzo 2019.

[3] Theins.ru/en/opinion/vladislav-inozemtsev/267765, 20 dicembre 2023.

[4] Snob.ru/entry/202968/; Kiozk.ru/article/vrema-terrora-i-cistogo-avtoritarizma-razmyslenia-o-tretej-dekade-pravlenia-vladimira-puti

[5] Republic.ru/posts/108825, 21 giugno 2023.

[6] Monde-diplomatique.fr/2010/10/INOZEMTSEV/19776, ottobre 2010.

[7] Moscatimes.ru/2024/01/16/rossiya-na-schetchike-a118605, 16 gennaio 2024.

[8] Kremlin.ru/events/president/news/72863, 28 novembre 2023.

[9] Rbc.ru/technology_and_media/05/03/2022/6223325d9a7947835d28df5d, 5 marzo 2022.

[10] Bbc.com/russian/features-64967805, 15 marzo 2023.

[11] Youtube.com/watch?v=zbh899ZjFtg

[12] News.ru/society/zaderzhana-devushka-oskvernivshaya-na-video-skulpturu-rodina-mat/, 9 febbraio 2024.

[13] Ovd.info/politpressing

[14] Zona.media/news/2023/10/10/8k-2033, 10 ottobre 2023.

[15] Rbc.ru/politics/08/07/2022/62c7ff969a79472a291906ef, 8 luglio 2022; Dw.com/ru/kommentarij-sem-let-za-net-vojne/a-62413571, 8 luglio 2022.

[16] Kommersant.ru/doc/6339183, 16 novembre 2023.

[17] Tass.ru/proisshestviya/19969121, 13 febbraio 2024.

[18] Interfax.ru/russia/945973, 14 febbraio 2024.

[19] Interfax.ru/russia/749089, 2 febbraio 2024.

[20] Forbes.ru/society/494006-naval-nogo-prigovorili-k-19-godam-v-kolonii-osobogo-rezima-po-ekstremistskomu-delu, 4 agosto 2024.

[21] Rbc.ru/politics/09/06/2021/608670e09a7947709c4de06c, 9 giugno 2021.

[22] Tomsk.ru/news/view/prigovor-ksenii-fadeevoy-onlayn, 12 dicembre 2023.

[23] Rbc.ru/politics/09/06/2021/608670e09a7947709c4de06c, 9 giugno 2021.

[24] Zona.media/online/2023/04/17/prigovor, 17 aprile 2023.

[25] Consultant.ru/document/cons_doc_LAW_421788/b5999463f66d15b2deb5c1203d23e86f3d994bf9/

[26] Forbes.ru/society/506574-zakonoproekt-o-zaprete-razmesat-reklamu-u-inoagentov-prosel-pervoe-ctenie

[27] Currenttime.tv/a/semsorok-tre-giorni-senza-navalny/32825325.html, 19 febbraio 2024.

[28] Moscatimes.ru/2024/01/02/vremya-chistogo-terrora-ili-udastsya-li-vlasti-uderzhatsya-ot-massovih-repressii-a117679, 1 febbraio 2024.

[29] Coloro che lavorano per un'organizzazione statale russa autorizzata all'uso della forza contro cittadini o altri.

 

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

 


Aggiungi commento