Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/11/17 ore

MALEDETTA POLITICA

Maledetta Politica – De Gennaro e quel presunto clima pesante contro la magistratura

La sentenza della Corte europea dei diritti umani sui fatti della scuola Diaz nel corso dei G8 di Genova ha fatto tornare alla ribalta la figura discussa del"superpoliziotto" Gianni De Gennaro, all’epoca capo della Polizia e nel frattempo finito sulla sedia di presidente in Finmeccanica. Anche per lui, come per altre persone nell’occhio del ciclone in questo periodo turbolento della storia italiana, si è utilizzata la parola magica di "opportunità politica" di rivestire o meno un incarico di rilievo in un’azienda di stato di primo piano. Intanto, la strage al palazzo di giustizia è stata l’occasione per suonare il presunto campanello d’allarme – come ha dichiarato a caldo Gherardo Colombo – sul "clima pesante contro la magistratura", mentre il presidente della Repubblica Mattarella chiedeva di "smetterla di svilire i magistrati". Ne discute Giuseppe Rippa, con Antonio Marulo, in questo nuovo numero di Maledetta Politica.

Maledetta Politica - Mani pulite, fiction, anniversari e retorica

1992: un anno da ricordare e molto ricordato in questi giorni. Il merito è innanzitutto di Sky e del suo capolavoro mediatico per lanciare la fiction su Mani Pulite, che ha trasformato il 23esimo anno dall’inizio dell’inchiesta giudiziaria che segnò la fine della cosiddetta Prima repubblica in una ricorrenza degna di essere celebrata con tutti crismi. Per l’occasione Antonio Di Pietro è tornato mattatore-protagonista in tv a tutte le ore del giorno, mentre si sprecano i paragoni e i confronti con lo stato delle cose attuale, alla luce anche delle ultime inchieste giudiziarie tra malaffare e politica. Ne parla Giuseppe Rippa in questo nuovo appuntamento con Maledetta Politica.

Maledetta Politica - Prescrizione, la vita lunga dei processi

Cavalcando l’onda anomala dell’ultimissima inchiesta su malaffare e politica che ha colpito il ministero dei Lavori Pubblici, procede a passi più serrati la cosiddetta riforma della Giustizia in tema di corruzione e prescrizione dei reati. Per questi ultimi la Camera dei deputati ha dato il via libera al ddl che prevede allungamento dei termini. Ma tutto è ancora in gioco al Senato, fra le polemiche di rito e annunci di possibili interventi di modifica che non si prevedono comunque rivoluzionari, seguendo una logica che si concentra sugli effetti ma non sulle reali cause che rendono il nostro sistema giudiziario inadeguato e inefficiente. Ne parla Giuseppe Rippa in questo nuovo numero di Maledetta Politica.

Maledetta Politica: Caso Lupi-Incalza, di opportunità virtù

La questione politica (con diverse sfaccettature e su diversi piani), già ben presente e fondata nell’inchiesta su Ercole Incalza e il ministero dei lavori pubblici, ha assunto via via le forme dell’ “opportunità politica”, inducendo Murizio Lupi a cedere alle pressioni alimentate dal cosiddetto circo mediatico-giudiziario. Le dimissioni sono cosi diventate l’inevitabile conclusione di un processo dove pur senza notizie di reato il ministro di area ciellina ha preso atto e si è fatto da parte. Si tratta di un'ulteriore evoluzione rispetto al post-manipulite, quando era necessario (o bastava, dipende dai punti di vista) un avviso di garanzia per chiedere la testa del politico di turno. Da qui partono le considerazioni di Giuseppe Rippa in Maledetta Politica su una vicenda che offre per altro molteplici spunti per riflettere sui frutti velenosi di quella che il direttore di AR e di Quaderni Radicali chiama la “società delle conseguenze”.

 

- Maledetta politica: Caso Lupi-Incalza, di opportunità virtù (Agenzia Radicale Video)

Maledetta Politica – Alle Frontiere Della Libertà

A più di vent’anni da quando uscì Hanno ammazzato la politica, risultato di conversazioni sulla situazione politica dell’Italia nella fase drammatica che segnò la fine della cosiddetta “Prima repubblica”, Giuseppe Rippa, torna a proporre le sue riflessioni in forma di dialogo pubblico con Luigi Oreste Rintallo sulle vicende politiche e sociali che stiamo vivendo, in un libro uscito in questi giorni ed edito da Rubbettino. Se ne parla con gli autori in questo numero di Maledetta Politica.

Maledetta Politica – Riforme, quanto è davvero buona la volta di Renzi

A un anno dall’insediamento a Palazzo Chigi, in queste settimane prendono forma i primi reali interventi di riforma tanto annunciati dal premier fin dall’inizio come imminenti. Non è ancora ben chiaro se sarà alla fine vera gloria o se invece ci sarà la prova che trattasi di azione riformatrice per lo più sterile, che nasconde nei fatti l’incapacità o la reale volontà di imprimere un sostanziale “cambio verso” all’insegna della “volta buona”. In tal senso, persistono segnali poco incoraggianti, mentre c’è chi si ritiene convinto che l’azione di Matteo Renzi abbia intanto ridato alla politica il suo primato, dopo un lungo periodo di letargo più o meno forzato. Ne discute Giuseppe Rippa, con Antonio Marulo, in questo nuovo appuntamento con Maledetta Politica.

Maledetta Politica – La responsabilità civile dei magistrati

Uno dei cavalli di battaglia dei radicali, oggetto di referendum puntualmente aggirato, torna a essere motivo di scontro tra politica e magistratura, dopo l’approvazione della legge di riforma della responsabilità civile dei giudici.

 

Maledetta Politica – La responsabilità civile dei magistrati (Agenzia Radicale Video)

Maledetta Politica – L’odio per la realtà della Televisione italiana

In attesa che Matteo Renzi dimostri con i fatti la sua capacità di riformare – come promette - la Rai occupata dalla politica, non resta che prendere ancora una volta atto di come la televisione italiana tutta, pubblica e privata, sia caratterizzata da un modello informativo unico e omologato, oggi più di ieri. La compagnia di giro è sempre la stessa, con personaggi politici, giornalisti, commentatori e sedicenti opinionisti - sempre gli stessi - che si alternano nella recita, una volta da uno, una volta dall'altro, dal mattino alla sera, da un canale all'altro. In questo quadro, l’ammorbamento della coscienza collettiva è assicurato e perseguito scientemente in spregio e in odio della verità e della realtà di cui il sistema dei media nazionale è patologicamente connaturato. Ne discute Giuseppe Rippa con Antonio Marulo in Maledetta Politica.

Maledetta Politica - Ucraina, la strategia mancante nei rapporti UE con la Russia

Il vertice di Minsk sulla crisi Ucraina ha confermato come la politica estera dell’Unione in quanto tale non esista. Al tavolo si sono seduti,con Putine e Poroshenko, Merkel e Hollande, mentre tutti gli altri restano a guardare in attesa di comunicazioni su quanto deciso, con l’Italia che si accontenta invece della gloria artefatta di Lady Pesc, figura sopravvalutata per questioni strettamente domestiche, presentata all’opinione pubblica come un simbolo di cambiamento per una politica estera europea comune. Ciò detto, e nell’attesa di saperne di più sugli sviluppi di un compromesso auspicato che eviti il degenerare del conflitto russo-ucraino, Giuseppe Rippa, in questo numero di Maledetta Politica, offre alcuni spunti di riflessione sugli effetti del mancato progetto strategico dell’Europa verso la Russia dopo la caduta del muro di Berlino.

Maledetta Politica - Con Mattarella, Je suis DC

In questo numero di Maledetta Politica le riflessioni di Giuseppe Rippa, sollecitato da Antonio Marulo, partono dal proverbiale conformismo, allineato e coperto, sulla figura del nuovo presidente della repubblica, all’indomani della salita al Colle di Sergio Mattarella. Questa volta sembra tuttavia che si sia andati un po’ oltre la misura, con il trionfo della vecchia Balena bianca e all’insegna della “democristianità” mai morta.

Le operazioni politiche da manuale del buon imprenditore di Passera e Della Valle

Il manuale del buono e lungimirante imprenditore italiano indica alcune fondamentali linee guida da seguire: sedersi nei cosiddetti salotti che contano; dotarsi di una squadra di calcio; mantenere viva l’ipotesi che prima o poi potrebbe diventare ineluttabile la cosiddetta discesa in politica “per il bene del Paese e degli italiani”. Su questo vezzo ormai ammuffito della classe dirigente economica di provare a occupare lo spazio lasciato libero da una politica debole, si sofferma - in questo numero di Maledetta politica - Giuseppe Rippa, che poi offre qualche spunto di riflessione sulle vicende delle elezioni in Grecia, che hanno visto il salvatore della patria Tsipras scegliersi come alleato scomodo un partito di estrema destra, piuttosto che avvalersi del contributo dei partiti di sinistra per ottenere i pochi voti necessari al raggiungimento della maggioranza parlamentare.