Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/09/19 ore

POLITICA

Elezioni 2018, hanno vinto loro...

Per grandi linee tutto come previsto: sarà molto complicato formare un governo nella nuova Legislatura. Per chi sperava quanto meno in una tenuta delle forze cosiddette “responsabili” in vista di un "inciucio", è andata invece nel peggiore dei modi.

Rita Bernardini: sulla mancata riforma dell'ordinamento penitenziario denuncia agli organismi internazionali

Nonostante gli appelli di Garanti nazionali, l’incredibile impegno di circa 10.000 detenuti che hanno effettuato uno sciopero della fame, che testimonia quanto l’impegno nonviolento di Marco Pannella ha profondamente segnato il loro agire; nonostante l’adesione convinta di giuristi e intellettuali, ma significativamente anche di magistrati (vedi Armando Spataro), l’iniziativa delle Camere penali di tutta Italia, di professori universitari e di centinaia e centinaia di cittadini, la riforma dell’ordinamento penitenziario non ha avuto la ratifica del parlamento.

 

Rita Bernardini: sulla mancata riforma dell'ordinamento penitenziario denuncia organismi internazionali (Agenzia Radicale Video)

Ancora in tema di élite

Con uno dei suoi fluviali, corrosivi, sempre utilissimi interventi (“Il Foglio”, 24-25 febbraio”), Giovanni Ferrara ci serve sul piatto delle riflessioni un tema rovente quanto sfuggente, quello delle “élite” e del loro ruolo nella società d’oggi. Rovente da sempre, da quando almeno la sociologia degli inizi del secolo scorso ne fece, con Mosca o Pareto, le prime dissezioni, scettiche e preoccupanti; sfuggente perché, nella consapevolezza della loro attuale decadenza, tutti evitano di affrontare, con la determinazione necessaria, la spinosa questione. di Angiolo Bandinelli

Politica e economia: l'assenza della cultura laica - Conversazione con Giuseppe Moesch

Giuseppe (Peppe) Moesch è professore di Economia Applicata presso il Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche della Università degli Studi di Salerno – Fisciano. Alla sua attività accademica ha associato per molti anni la sua attività scientifica, di ricerca, istituzionale e di consulenza e attività professionale. Come esperto economico ha operato molto in molti Paesi africani (Nigeria, Kenya, Etiopia, Tanzania), oltre che, come economista, a numerosi progetti sull’intero territorio nazionale.

 

Politica e economia: l'assenza della cultura laica - Conversazione con Giuseppe Moesch (Agenzia Radicale Video)

M5S, la lista di Di Maio che certifica un fallimento

Appeso alla lista farlocca dei "ministri" di Luigi Di Maio, il dibattito sui media in vista del voto segue incredibilmente l'agenda imposta dallo staff grillino (che fine!....) Ma accantonate le polemiche sull'iniziativa irrituale e irrispettosa delle prerogative istituzionali del Capo dello Stato, preso atto della forzatura a fini di puro marketing elettorale, un dato in fondo emerge, dalla sceneggiata a cui stiamo assistendo da giorni...

4 marzo, la corsa al peggio

No, questa campagna elettorale non sta deludendo le attese. Tutto come previsto e ampiamente annunciato. Se vogliamo, si è andati anche oltre le più deprimenti aspettative.