Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/06/18 ore

DIRITTI E LIBERTA'

Persecuzione religiosa e diritto d'asilo: i chiarimenti dell'UE

La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha da poco emesso una 'sentenza nel caso Y e Z contro Germania' (cause riunite C-71/11 e C-99/11), avente ad oggetto l’interpretazione della Direttiva Qualifiche e, in particolare, degli articoli 2, lett. c) e 9, par. 1, lett. a) in materia di persecuzione per ragioni legate alla libertà di religione.

Unicef: mortalità infantile in calo nel mondo

Il tasso di mortalità infantile sotto i 5 anni è sceso incredibilmente rispetto agli anni passati, calando da 87 decessi ogni 1000 nati vivi nel 1990 a 51 nel 2011: ogni giorno, quindi, sopravvivono circa 14mila bambini in più rispetto a due decenni fa.

Il caso Celeste e la (lunga) storia delle cellule staminali

Celeste è il colore dell'acqua limpida e del cielo sereno. E' il colore della pacatezza, della calma che dovrebbe essere trasmessa a quei malati ricoverati negli ospedali le cui pareti sono dipinte, non a caso, d'azzurro.

Circoncisione: musulmani ed ebrei contro il divieto

Musulmani ed ebrei si sono ritrovati insieme sulla Bebelplatz, a Berlino, per difendere il diritto alla circoncisione e protestare così contro il decreto del tribunale di Colonia che ha messo al bando la pratica religiosa tradizionale considerandola “lesione volontaria”.

Pena di morte: Iraq, 26 esecuzioni in tre giorni

L'Iraq ha giustiziato, tra il 27 e il 29 agosto 2012, 26 persone condannate per reati connessi al terrorismo, tra cui un siriano e un saudita, ha reso noto un portavoce del Ministero della Giustizia. Le condanne a morte sono state eseguite dopo che il Consiglio di Presidenza iracheno ha approvato i verdetti di morte per tutti i detenuti.