Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/07/18 ore

DIRITTI E LIBERTA'

California, la pena di morte perde consensi

Un sondaggio segnala in California che il 50% degli intervistati è favorevole all’ergastolo senza condizionale, contro il 42% continua a preferire la pena di morte. Il sondaggio, condotto dal Public Policy Institute of California (PPIC), nel settembre del 2011 aveva registrato la stessa percentuale di favorevoli all’ergastolo, mentre i favorevoli alla pena di morte erano di più, il 45%.

Siria, le “atrocità taciute” raccontate dai bambini

"Torture raccapriccianti, incarcerazioni e rapimenti": sono queste le parole che, nell'ultimo periodo, vengono pronunciate riferendosi alle decine di migliaia di bambini e adolescenti traumatizzati dalle devastanti esperienze che il conflitto siriano ha riservato loro negli ultimi 18 mesi.

Prostituzione, in Europa un mercato che non conosce crisi

Secondo un indagine dell’Unione Europea “tre quarti delle persone vittime del traffico di esseri umani sono oggetto di sfruttamento sessuale”. Non a caso la percentuale più alta di questo 'commercio della carne', il 79% del totale, riguarda le donne: di queste, il 12% di queste sono ragazze minorenni mentre il restante 21% è rappresentato da uomini e ragazzi.

Pena di morte, "arbitrarie e inique" le 100 esecuzioni in Iraq da inizio anno

L'Iraq ha giustiziato finora circa 100 persone dall’inizio dell’anno, un forte aumento rispetto agli anni precedenti, che fa aumentare le preoccupazioni sull’equità dei processi in un Paese in cui gli Stati Uniti hanno speso miliardi di dollari nel tentativo di riformare il sistema giudiziario dopo decenni di dittatura.

Iran: il velo nero della censura su Google e Gmail

Il più grande motore di ricerca sul web e la casella di posta elettronica più usata al mondo costrette ad indossare il nero e pesante burqa della censura. Le autorità iraniane hanno infatti bloccato l'accesso a Google e a Gmail, nell'attesa di lanciare un nuovo servizio Intranet nazionale: le restrizioni al browser di Mountain View riguarderebbero il protocollo https (https://www.google.com).