Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/07/18 ore

RASSEGNA WEB

La forza dei numeri sull’emergenza migranti. La realtà e le percezioni

Le navi Ong che vagano nel Mediterraneo sono solo il simbolo di un problema molto più generale. L’Europa sta diventando una meta desiderata dai«poveri» di tutto il mondo. Quindi - di conseguenza - i Paesi europei stanno diventando multietnici, come lo sono sempre stati gli Stati Uniti. Anche là, a dire il vero, il presidente Trump sta chiudendo le porte, nonostante il motto che si legge sulla statua della libertà a New York sia: «Datemi le masse stanche e povere che aspirano a respirare libere». di Alberto Alesina (corriere.it)

Il pensiero unico M5S-Lega

Avete capito perché sembra che M5S e Lega non esauriscano mai i tentativi a disposizione, e anzi che fallimento dopo fallimento addirittura aumentino i voti? Stanno giocando una partita senza avversari... Non bastassero gli ultimi anni, gli scorsi giorni confermano una volta per tutte che i grandi media sono completamente monopolizzati da loro e inginocchiati a loro... (dal Blog di Francesco Costa)

I sovranisti non vengono da Marte

Forse gli uomini nuovi riusciranno a imporre, prima o poi, i cambiamenti che hanno in mente. O forse non ci riusciranno. Forse assisteremo alla riscossa (in forme oggi imprevedibili) di chi si oppone al disegno sovranista. In ogni caso, ci si tolga dalla testa l’idea che si tratti di un fuoco di paglia o di un acquazzone estivo. Non è l’invasione degli Hyksos (gente arrivata nell’antico Egitto da chissà dove). Li abbiamo allevati noi... di Angelo Panebianco (dal corriere.it)

Polemiche o no, l’Unione europea va cambiata

Se è consentito usare una metafora calcistica, nella grande partita della politica (e dell’economia) italiana, il vero scontro sta avvenendo prima che la squadra della politica esca dagli spogliatoi. Tale scontro deriva dal contrasto tra l’allenatore (il Presidente della Repubblica) e il capitano della squadra (il presidente del Consiglio incaricato) sul mandare, o non mandare, in campo, in un ruolo chiave di attaccante (quello di ministro dell’Economia) un giocatore conosciuto - a livello tecnico – e cioè il professor Paolo Savona. di Mario Deaglio (da La Stampa)

Il nuovo statalismo nel contratto M5S-Lega

"Genericità e talvolta contraddittorietà del documento" a parte, nel contratto di governo tra M5S e Lega "esiste un chiaro elemento unificatore e riguarda il ruolo che lo Stato dovrebbe avere nella nuova Italia «pentalegata»". Ne scrive Carlo Cottarelli in un articolo su 'La Stampa' che riproponiamo nella nostra rassegna web.

Legge Fornero, il conto della riforma M5S-Lega lo pagano i giovani

Superare la Fornero, come nelle ipotesi allo studio sulla ormai famosa Quota 100, tende a favorire i lavoratori anziani con carriere contributive continue a scapito di lavoratori ancora più anziani, ma con carriere lavorative spesso interrotte (come le donne). Ma soprattutto lascia il conto da pagare alle generazioni future. Il perché in questo articolo del Il Sole24ore, che riproponiamo nella nostra rassegna web.

La richiesta impossibile di «cancellare» 250 miliardi di BTp

La sensanzione che M5S e Lega su molti temi non sappiano di cosa parlano l'abbiamo avuto in più di un'occasione. Si stava però in campagna elettorale e tutto sommato si era portati a pensare che fosse tutta propaganda. Invece, i "signori" fanno sul serio, come dimostra la bozza di programma - poi "superata" - che in questi giorni ha fatto tanto parlare, soprattutto nella parte in cui si richiedeva la cancellazione di 250 miliardi di euro di titoli di Stato detenuti dalla Banca centrale europea...

Parla Nicola Biondo, ex capo della comunicazione M5S alla Camera. «Ho visto cose che voi umani non potete immaginare...»

Un «noir politico» a due voci, lo definiscono gli autori. Che raccontano nella nuova edizione aggiornata di Supernova (Ponte alle Grazie, 441 pagg.) la vera storia del Movimento di cui sono stati testimoni diretti. Ma anche l’ultima legislatura e quella, nuova, ancora in fieri. Già giornalista dell’Unità, e autore di apprezzati saggi sui casi più spinosi della storia d’Italia, Nicola Biondo racconta l’ascesa istituzionale dei pentastellati, dopo essere stato a capo della comunicazione della Camera del M5S. di Francesco Lo Dico (da Il Dubbio)

Il futuro dell'Iran Deal senza gli Usa

Martedì 8 maggio il Presidente Donald Trump ha annunciato la sospensione della partecipazione degli Stati Uniti dal Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), l’accordo firmato nel 2015 con l’Iran per la rimodulazione del programma di ricerca nucleare. Anticipata rispetto alla scadenza prevista dalla legge statunitense di implementazione del patto (prevista per il 12 maggio), giunge a sugello della contrarietà dell’attuale Amministrazione nei confronti dell’accordo, considerato insufficiente per limitare non tanto la possibilità tecnica per l’Iran di acquisire una capacità atomica militare quanto l’espansione dell’influenza politica nella regione... di Francesca Manenti (Centro Sudi Internazionali - CESI)

La maschera del M5s

Il M5S non ha dei momenti di incoerenza - è strutturalmente incoerente. Meglio: è fondato sul presupposto che la coerenza non conti nulla. E poiché nella sua incoerenza assoluta è assolutamente coerente, gli elettori non lo puniscono. O almeno non lo hanno punito finora, e si può presumere che non lo puniranno fin quando non si renderanno conto che il prezzo di quell’incoerenza lo pagherà il Paese... di Giovanni Orsina (lastampa.it)

Falcone non avrebbe mai fatto un processo sul non-reato di trattativa

Ho conosciuto Giovanni Falcone nel lontano 1983. Era novembre e si parlava sulla stampa di un magistrato di Palermo che stava interrogando un mafioso avviato al pentimento: Buscetta ovviamente. Curiosa dunque di incontrare il magistrato, chiedo l’aiuto di Luciano Violante che conoscevo dai tempi delle grandi inchieste sul terrorismo. E così ho un appuntamento a Palermo alla fine di una giornata di inverno, alle 19, in un Palazzo di Giustizia deserto. Non appena mi apre la porta del suo ufficio, Falcone mi dice però: «Non posso. Debbo andare di corsa all’Ucciardone». di Marcelle Padovani (da Il Dubbio)