Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

12/11/19 ore

LIBRI

Diario Londinese. La nascita del Free Cinema Movement, audiovideo intervista a Lorenza Mazzetti

 

Lorenza Mazzetti è nata a Roma, scrisse nel 1962 Il cielo cade (Prenio Viareggio), romanzo autobiografico della sua infanzia, racconto di una felicità tranciata dagli orrori di una delle pagine più orrende della seconda guerra mondiale. “Negli ultimi anni del fascismo – riporta la quarta di copertina del libro -, Penny e Baby – le due bambine dal cui punto di vista sono narrati gli eventi – vivono con lo zio, Robert Einstein e la zia sorella del loro papà, che le hanno adottate in una grande villa, vanno a scuola e si esercitano in piccoli dispetti. Questo fin quando la guerra e le persecuzioni razziali non lacerano le vite ordinate che stanno accanto a loro. Pubblicato nel 1961, dedicato agli zii e alle cugine vittime dei tedeschi nell’agosto del 1944, Il cielo cade mostra l’infanzia dinanzi all’esperienza dell’orrore”.

 

Diario Londinese, audiovideo intervista a Lorenza Mazzetti (Agenzia Radicale Video)

'L'ultimo viaggio di Sindbad', Erri De Luca racconta i migranti dell'anima

I migranti non sono solo “carne che viaggia, ma speranza. Sono quelli che ci raggiungono da tutte le parti del nostro territorio, così vasto da rendere impensabile qualunque misura di contenimento”. Erri De Luca parla così del suo libro, ‘L'ultimo viaggio di Sindbad’, appena ristampato da Einaudi (pp. 53, euro 7). di Salvatore Balasco

Tutto in una vita di Isabella Papisca

Fine anni '30. Una giovane studentessa della Facoltà di lingue orientali all'Università di Napoli, figlia di un fascista anticlericale di origini meridionali e di una cattolica socialista proveniente dal nord Italia, vince un concorso per l'insegnamento in una scuola elementare a Cerreto Sannita, in provincia di Benevento. di Elena Lattes

Dalla lettera del diavolo alla moneta di Giuda, esce l’atlante dei luoghi misteriosi

Dalla moneta di Giuda alla lettera scritta da un diavolo innamorato a una monaca di clausura. Passando per la ghigliottina di Caravaggio, pietre guaritrici, spade magiche e finanche l'abito di Atlantide. Senza dimenticare l'uovo dell'eclissi e una misteriosa pergamena 'in bianco' che esaudisce tutti i desideri. A far scoprire oggetti elughi misteriosi d'Italia è un libro di Isabella Dalla Vecchia, fondatrice di www.luoghimisteriosi.it e collaboratrice della trasmissione 'Mistero' di Italia 1 e della rivista Fenix.

1307, il processo politico ai Templari. Roghi e violazioni al diritto. Saggio di Michele Raffi

La notte del 13 ottobre 1307, con un incredibile colpo di mano, i servizi segreti di Filippo il Bello arrestarono contemporaneamente tutti i vertici dei Templari, il più potente Ordine del Medioevo. Centinaia di cavalieri sparsi per le capitanerie di Francia, alla stessa ora dello stesso giorno, furono catturati e trascinati dietro le sbarre: una retata che rimarrà negli annali come uno tra i più grossi blitz della storia. Ne seguì un processo di crudeltà inaudita, nel corso del quale vennero estorte con la tortura sconcertanti ammissioni, tali da motivare accuse di eresia, idolatria, immoralità.

La strada del coraggio, la storia dell'eroe schivo Gino Bartali

Era un uomo semplice, proveniente da una famiglia povera di origini contadine, ma raggiunse un grande successo unicamente con la tenacia e l'impegno. E non solo nello sport. Gino Bartali, in realtà, fu molto di più di un campione di ciclismo, fu un uomo coraggiosissimo, un eroe schivo, ma di grande umanità, che mise più volte a rischio la propria vita e quella della sua famiglia per salvare numerosi perseguitati dal regime nazifascista. di Elena Lattes