Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

02/12/21 ore

i nostri blog

Ponte Milvio, la strage dei lucchetti

Tre metri sotto il ponte, sull'argine, lambiti dalle acque della memoria. O dentro un museo: 'Amore e ruggine', spiegherebbe la guida elettronica ai nostri nipoti, 'mostra dedicata al più grande simbolo dell'amore all'inizio del XXI secolo: il lucchetto'.

E se su Grillo Bersani avesse una strategia?

Se è vero che in Italia, come altrove del resto, le elezioni si vincono prima ancora che conquistando nuovi voti, dividendo lo schieramento opposto, allora Bersani quando ha definito “fascista” Beppe Grillo lo ha fatto a ragion veduta.

La marcia in più del Rugby femminile

“Ma una donna può giocare a rugby?” è una delle domande più inutili che abbia sentito, e che continuo sovente a sentire, sul mondo della palla ovale; la risposta che ho sempre dato a questa inutile domanda è: “le donne non possono giocare a rugby, le donne devono giocare a rugby”.

Se la “line” oltrepassa il confine radicale e libertario

L’avvelenamento dei pozzi operato dal sistema informativo italiano inquina le menti di ciascuno. Insinuazioni e allusioni corrompono la dialettica fra opinioni diverse e capita così che anch’io finisca per godere di come Massimo Bordin, sul «Foglio», ridicolizzi le manie tramarole di Travaglio a proposito dell’accordo fra Stato e Provenzano.

Messineo e i giornali che si "usano"

Leggo sul «Corriere della sera» del 31 agosto l’intervista a Francesco Messineo, procuratore di Palermo. Nell’intervista a Felice Cavallaro, dichiara - riferendosi alla vicenda del presunto scoop di «Panorama» sulle intercettazioni a Napolitano - che la Procura “difficilmente avrebbe usato un settimanale come «Panorama», pur legittimamente, mai molto tenero con la stessa”.

Card. Martini rifiuta l'accanimento terapeutico, Avvenire rifiuta di darne notizia

Il cardinale Martini è in fin di vita e ha rifiutato l’accanimento terapeutico. La notizia circola dalla prima mattinata su tutti i media, ma i lettori di Avvenire non hanno diritto di sapere.

Per il Fattoquotidiano "Scripta volant, verba manent"

Al «Fatto quotidiano» devono aver cambiato il detto latino in questi termini. Stupisce infatti che quando sono in tv i suoi editorialisti si prodigano a calare di molto i toni degli articoli stampati.

Rabodirect Pro12, il ritorno delle Zebre

Venerdì prossimo prenderanno il via i campionati europei di rugby per club Rabodirect Pro12 (la fu Celtic League) e i preparativi sono ormai febbrili, nel sistemare gli ultimi accorgimenti in vista dell'esordio. L'Italia, che di pane e rugby è sempre più ghiotta, presenterà la corazzata trevigiana, quella Benetton Treviso che rappresenta ormai storicamente l'avanguardia nazionale rugbystica (basta farsi una passeggiata tra gli impianti per rendersi conto di come, a Treviso, il rugby sia roba seria) e il nuovo esperimento delle Zebre.

Le maldestre manovre prevoto del Pd

Nelle grandi manovre pre-voto del Pd, si trascura un fatto essenziale. È tutto un preoccuparsi di come tenere insieme Vendola con Casini, ma nessuno sembra curarsi del fatto che bisogna prendere i voti – probabilmente in libera uscita – prima incamerati dal Pdl.

Rugby olimpico, aspettando Rio de Janeiro

Mi è stato chiesto “perchè il rugby non è sport olimpico?”. La risposta è stata semplice: “perchè ci vediamo a Rio2016”; solo dopo (ho bisogno di tempo, d'altronde ho giocato in prima linea) ho capito che non era una risposta. Il rugby a 15 è già stato sport olimpico, di più: addirittura Pierre De Coubertin ha voluto con forza l'introduzione della palla ovale nei giochi del 1900, 1908, 1920 e 1924 ma non solo.

Pippo Baudo, da "sempre democristiano" a "sempre di sinistra"

Domanda: “...A chi vuoi più bene a mammà o a papà?” Risposta “a Pippo Baudo”. È una scena di un imbarazzante film degli anni '80 che dava comunque la misura della popolarità dell’allora re indiscusso della tv “nazional-popolare”. A quei tempi un Baudo alle elezioni avrebbe avuto il suo perché e il suo successo di preferenze.