Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/01/22 ore

E se su Grillo Bersani avesse una strategia?


  • Luigi O. Rintallo

Se è vero che in Italia, come altrove del resto, le elezioni si vincono prima ancora che conquistando nuovi voti, dividendo lo schieramento opposto, allora Bersani quando ha definito “fascista” Beppe Grillo lo ha fatto a ragion veduta.

 

 

In fondo, così ha potenzialmente catalizzato sul comico genovese le simpatie di parte degli elettori di centro-destra e, al tempo stesso, ha limitato l’emigrazione dei suoi votanti verso un movimento che risultava loro contiguo e affine per certe tematiche.

 

Certo sarebbe stato meglio dividere l’elettorato berlusconiano attraendo verso di sé i delusi per le mancate riforme, anziché provare a frazionarlo solleticando le pulsioni del qualunquismo populista…

 


Aggiungi commento