Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/07/24 ore

Teatro della Pergola: tre appuntamenti imperdibili per celebrare il Grand Départ da Firenze



di Giulia Anzani

 

Il Teatro della Pergola si prepara a celebrare con entusiasmo e partecipazione il Grand Départ del Tour de France da Firenze,il 29 giugno, con tre straordinari eventi a ingresso libero che si terranno il 25, il 27 e il 28 giugno. Quest’eccezionale programmazione non solo rende omaggio ad alcune delle più grandi figure del ciclismo e alla profonda cultura sportiva, ma intreccia magistralmente teatro, cinema e letteratura in una cornice storica, affascinante e suggestiva

 

Un’opportunità unica per immergersi nella ricca storia e nel fascino dei grandi eventi ciclistici, promettendo serate indimenticabili per appassionati e non solo, in un contesto che celebra la passione, l’eroismo e la determinazione che caratterizzano questo sport amato da milioni di persone in tutto il mondo.

 

Programma completo degli eventi

 

 

25 giugno, ore 21 | Saloncino ‘Paolo Poli’

OTTAVIO BOTTECCHIA, EL FURLAN DE FERO

 

Il primo evento prevede la proiezione del docufilm “Ottavio Bottecchia, el furlan de fero” scritto e diretto da Franco Bortuzzo, che celebra il centenario della vittoria di Ottavio Bottecchia, primo italiano a trionfare al Tour de France nel 1924.

 

Prodotto da RaiSport in collaborazione con la Cineteca del Friuli, il docufilm è un vero e proprio viaggio attraverso la vita e le imprese sportive del leggendario ciclista. Con testimonianze di storici, giornalisti e familiari di Bottecchia, il lungometraggio (60 minuti) è arricchito da immagini originali del Tour degli anni ’20 provenienti dagli archivi francesi della Gaumont Pathé che ci mostreranno il ciclista in azione con il suo stile inconfondibile, raccontando cosa significava pedalare su quelle bici, su quelle strade, cent’anni fa.

 

Viene narrata anche la misteriosa fine del ciclista veneto-friulano, avvenuta nel 1927 a nemmeno 33 anni d’età, in un incidente raccontato in base agli ultimi documenti rinvenuti e ai libri usciti di recente.


Scritto e diretto da Franco Bortuzzo
Montaggio di Luca Zanoli
Voce narrante di Francesco Pancani
Prodotto da RaiSport
Coprodotto da Cineteca del Friuli
Con il contributo di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Con il patrocinio di Città di Gemona del Friuli, Città Metropolitana di Firenze

 

 

27 giugno, ore 21 | Saloncino ‘Paolo Poli’

BARTALI VS BOBET. UNE HISTORIE EN JAUNE


Scritto e diretto da Lisa Capaccioli, il dramma racconta la rivalità tra Gino Bartali e Louison Bobet nei tre Tour de France in cui si sono affrontati: 1948, 1950 e 1953. Lo spettacolo vedrà Francesco Dendi e Aymric Faure nei ruoli rispettivamente di un meccanico italiano e di un panettiere francese.

 

La produzione italo-francese di Factory TAC e TMP Productions esplora, in lingua francese con sovratitoli in italiano, le epiche sfide tra i due campioni, intrecciando storie di passione e di sport. 

Attraverso storie, aneddoti e vittorie, i due protagonisti appassionati di ciclismo si confronteranno su chi tra Bartali e Bobet sia stato il ciclista migliore. Il meccanico, bartaliano convinto, mette a continua prova il giovane panettiere, devoto a Bobet: promette di riparagli la bicicletta se dimostrerà di essere un vero ciclista. 

 

Il panettiere accetta la sfida e propone di narrare tre momenti cruciali in cui i due campioni si sono fronteggiati al Tour de France. Con il suono di un campanello, la loro sfida ha inizio: attraverso gli oggetti della ciclofficina, rivivono le edizioni del Tour del 1948, del 1950 e del 1953, dipingendo i ritratti di due eroi su pedali e uomini straordinari, le cui gesta hanno affascinato milioni di appassionati della storia italiana e francese

 

L’ingresso sarà gratuito con prenotazione online su eventbrite

Testo e regia di Lisa Capaccioli
Traduzione di Stefania Spinapolice
Con Francesco Dendi, Aymric Faure
Produzione Factory TAC, TMP Productions
Promosso da e con il sostegno di Associazione Nazionale Case della Memoria, Sistema Museale Case della Memoria in Toscana – I Grandi Personaggi, Regione Toscana
In collaborazione con Teatro della Toscana
Con il patrocinio di Comune di Firenze, Centro Associazioni Culturali Fiorentine APS

 

 

28 giugno, ore 19:15 | Piazza dei Ciompi

ORLANDO NON FA SUONARE IL CORNO: MITO E LEGGENDA DI OTTAVIO BOTTECCHIA

Parte integrante del progetto La Pergola in Piazza, il Reading Teatrale renderà omaggio al doppio vincitore del Tour de France, Ottavio Bottecchia.  Con Jauris Casanova  - già noto al pubblico italiano per il leggendario Ionesco Suite -, Klaus Martini - dal cast di Pessoa - e i chitarristi Giacomo Mottola e Alessandro Medda, il testo rivisita la figura eroica di Bottecchia esplorando le sue leggendarie imprese e il mistero della sua prematura scomparsa. 

 

Questo evento è un’anteprima delle celebrazioni per le Olimpiadi 2024, in collaborazione con il Théâtre de la Ville di Parigi. 

 

Seguirà Rino Della Negra - Fragments d’une vie, testo di Charles Amson dedicato al calciatore di origine italiana del club Red Star di Parigi, di ispirazione comunista e libertaria, che fu partigiano nel gruppo Monouchian e per questo giustiziato nel 1944.

 

Entrambi i testi sono già stati rappresentati il 26 maggio a Parigi sulla Place du Châtelet in occasione della giornata d’avvio dei Jeux Poétiques, la manifestazione che il Comune di Parigi, il Théâtre de la Ville e il Club Universitario parigino dedicano a sport e cultura proprio in occasione delle Olimpiadi.

Tutto attorno, nel giardino di Piazza dei Ciompi, dalle 17 in poi, ci saranno gli elementi ormai divenuti caratteristici degli interventi della Pergola in Pizza, dalle Consultazioni Poetiche al Ping Pong Poesia.

 

Testo e mise en espace di Riccardo Ventrella
Con Jauris Casanova, Klaus Martini
Chitarre: Giacomo Mottola e Alessandro Medda
Produzione Teatro della Toscana, Théâtre de la Ville-Paris

 

 


Aggiungi commento