Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/11/19 ore

POESÌ di Rino Mele. l Curdi e i gladiatori di Pompei



È stata appena comunicata la recente scoperta, nell'antica Pompei, di un affresco rappresentante la fase finale di una mortale lotta tra gladiatori, un mirmillone e un trace, da quest'ultimo scorre il sangue come da più fontane. I miei versi parlano dei Curdi perseguitati, della politica violenta della Turchia, un paese che aderisce alla Nato (il cui Segretario senza voce è Jens Stoltenberg). La Russia, gli USA, La Siria, la Turchia, ma non solo, tentano di svilire la vita di un nobile popolo, giocandosene il respiro con carte truccate, piccoli cenni, avare concessioni, progressive spinte sempre più veloci verso il baratro.

Infine, il sacrificio d’Ifigenia ci è raccontato da Euripide.

 

 

 

 

 

POESÌ di Rino Mele

  

 

I Curdi e i gladiatori di Pompei

 

 

Qamishli è una città povera, uno dei luoghi dove

in queste ore la paglia e il fango scuriscono, cambiano colore

nel sangue che apre 

improvvise strade.

I Curdi abitano le più aspre alture di montagne divise

tra più stati, non hanno pace, costretti a difendersi, lottare

per il diritto di respirare.

La vergogna ci opprime, restiamo a giocare con le nostre dita,

a nasconderci 

per non vederci guardare

(il segretario della Nato, mentre il popolo curdo

è straziato, rassicura Ankara, raccomanda al tiranno di uccidere

con cerimoniosa grazia, gli suggerisce "un intervento

proporzionato").

Abbiamo paura di sapere,

ci nascondiamo dietro l'interpretazione, fuggiamo

la verità,

ci attrae l'estrema inconsapevolezza, la maschera stretta che

riproduce il nostro volto vuoto.

Continua il sacrificio

d'Ifigenia: il padre

affila il coltello per inondare di morte l'altare.

Come un bambino nella stanza dove nasconde i pezzi avari

dei giochi, l'uomo uccide perché vorrebbe vedere

soltanto se stesso nello spazio in cui vive,

ciò che è di fronte gli appare come una preda, un nemico

da catturare.

La scoperta dell'affresco di Pompei, che raffigura due gladiatori

costretti a uccidersi,

ha coinciso con l'orrore di questo nuovo fronte di guerra - come

nell'arena

di un antico circo - in cui la Turchia vuol rappresentare

la cerimonia della messa a morte dei Curdi

in un nuovo olocausto, calpestare

l'ombra del nemico, riempirsi del suo sangue 

le mani, in quel nevaio, l’inverno della disperazione.

 

 

 _______________________________

 

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud, ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Dal 2009 dirige la Fondazione di Poesia e Storia. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

  

 

 

Leggi l'intera sequenza di POESÌ