Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/07/24 ore

Entre nos, la ricerca del tempo perduto al Festival del Film di Roma


  • Florence Ursino

La luce filtra da maestosi alberi, si abbatte sui visi ridenti, sui piedi nudi ed esplode in risate annaffiate di alcol, desideri ed altalene. Abbagliano, i primi minuti di 'Entre nos', il film dei brasiliani Paulo e Pedro Morelli presentato in concorso al Festival del Film di Roma; abbaglia la sua fragilità, il suo entusiasmo, la sua 'ricerca del tempo perduto'.

 

La luce filtra da maestosi alberi, si abbatte sui visi ridenti, sui piedi nudi ed esplode in risate annaffiate di alcol, desideri ed altalene. Abbagliano, i primi minuti di 'Entre nos', il film dei brasiliani Paulo e Pedro Morelli presentato in concorso al Festival del Film di Roma; abbaglia la sua fragilità, il suo entusiasmo, la sua 'ricerca del tempo perduto'.

 

Immerso in giorni di verde e libertà in una lontana casa di campagna, un gruppo di giovani amici decide di scrivere delle lettere indirizzandole a se stessi e seppellendole poi con la promessa di rileggerle dieci anni dopo. Poi il punto di rottura, un incidente fatale, e la vita corre e separa. Fino al giorno in cui ci si ritrova lì, a rileggere fogli ammuffiti sottoterra e guardarsi alla luce di quel 'Grande freddo' di cui raccontava Lawrence Kasdan.

 

Il passaggio da un'età ad un altra, i segreti che si accumulano, le frustrazioni che divorano, le vecchie passioni che galleggiano: le immagini del duo (padre-figlio) Morelli costruiscono senza eccessive pretese e con un tocco di malinconica poesia – quella saudade che ancor si canta – una storia di amicizia e amore, di sogni sotterrati assieme alla giovinezza e tradimenti alimentati da illusioni e desideri.

 

A sostenere un impianto narrativo fin troppo semplice (o semplicistico?) nella sua evoluzione – nonostante il costante gioco di equilibrio tra i vari generi caratterizzato da momenti di piacevole leggerezza e altri di sospesa drammaticità – aiuta il potente richiamo alla letteratura in primis, (ma anche alla musica e al cibo), modellatosi intorno a dialoghi serrati, ma poco presuntosi, che scandiscono piacevolmente il tempo del film.

 

'Entre nos' risulta così immediato, eloquente, seppur velatamente intriso di un'ambizione che non riesce a perseguire con la stessa tenacia nel corso dei suoi 97 minuti: ancorata a forti archetipi, forse, la pellicola - come la vita - rimane a volte bloccata nella sua giovinezza, caricata di (eccessiva) goliardia, di sfacciata speranza, per poi perderne in freschezza ed espressività, infrangendosi, come i suoi protagonisti, nelle mille schegge di sé, in quei passati che non si possono né cancellare né continuare a cullare. Non un capolavoro, ma un film sincero.

 

- Marc'Aurelio d'Oro all'ibrido Tir di F.U. 

- Take Five, 'spaghetti gangester' al Festival di F.U. 

- Quod erat demonstrandum, l'eterna lotta fra l'uomo e il sistema di F.U.  

- Out of furnace, senz'anima fuori concorso di F.U. 

- Acrid, le prigioni mentali di affetti instabili di F.U. 

- Lo scheletro lucente de "I corpi estranei" di F.U 

- Her, l'amore visionario di Spike Jonze di F.U. 

- La fredda vita di ‘Sorrow and Joy’ di F.U. 

- A vida invisivel, come ammorbare al Festival del Film di Roma di F.U.

- Manto Acuifero, messi a disagio di F.U.

- Dallas Buyers Club, un inno alla dignità di F.U.

- Ben o Degilim – I’m not him, la sfiancante pellicola di Tayfun Pirselimoglu di F.U.


Aggiungi commento