Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/07/24 ore

Manto Acuifero, messi a disagio al Festival del film di Roma


  • Florence Ursino

Un trauma lungo 79 minuti. Ecco cos'è 'Manto Acuifero', in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma. Un film, quello dell'australiano - naturalizzato messicano - Michael Rowe, che parte da un buon intento e prende forma in una regia equilibrata e attenta, dimenticando totalmente di sviluppare l'intenzione, di dare forma a un qualsivoglia tipo di coinvolgimento, lasciando lo spettatore sospeso in una dimensione puramente – e fatalmente – estetizzante.

 

Caro ha sei anni, lunghi capelli neri e una grande tristezza negli occhi con cui affronta la separazione dei suoi genitori: la bambina non ama la casa dove è andata a vivere con la madre e il suo nuovo compagno e cerca rifugio in un lussureggiante giardino, negli insetti che lo popolano e in un pozzo in cui rintanarsi a sfogliare vecchie foto del padre.

 

Rowe la segue con estenuante attenzione, mettendosi letteralmente alla sua altezza, tagliando gli adulti, insensibili e sordi, dallo spazio visivo dello spettatore: un punto di vista interessante, certo, ma schiavo di un simbolismo che imprigiona le immagini, le svuota lentamente di significato e dilata in modo insopportabile il tempo filmico.

 

Caro, sua madre, il patrigno risultano investiti da un'apatia che anestetizza l'intera pellicola e il sottinteso, il volutamente taciuto, non riesce a risollevare le sorti di una storia di cui, purtroppo, ci si è dimenticati il cuore, il soggetto.

 

Il disagio della bambina diviene il disagio dello spettatore, e non per una ben costruita operazione di immedesimazione; l'anaffettività regna sovrana e non ci sono baci sulla fronte, quesiti infantili o pipì nel lettino che tengano: 'Manto Acuifero' si erge senza empatia a dito puntato contro un mondo, quello dei 'grandi', che non ha la forza di indagare, drammatizzando moralisticamente una storia a senso unico. Fino ad un finale – apice emozionale – scontato e fastidioso.

 

- Marc'Aurelio d'Oro all'ibrido Tir di F.U. 

- Take Five, 'spaghetti gangester' al Festival di F.U. 

- Quod erat demonstrandum, l'eterna lotta fra l'uomo e il sistema di F.U.  

- Out of furnace, senz'anima fuori concorso di F.U. 

- Acrid, le prigioni mentali di affetti instabili di F.U. 

- Lo scheletro lucente de "I corpi estranei" di F.U 

- Her, l'amore visionario di Spike Jonze di F.U. 

- La fredda vita di ‘Sorrow and Joy’ di F.U. 

- A vida invisivel, come ammorbare al Festival del Film di Roma di F.U. 

Entre nos, la ricerca del tempo perduto di F.U.

- Dallas Buyers Club, un inno alla dignità di F.U.

- Ben o Degilim – I’m not him, la sfiancante pellicola di Tayfun Pirselimoglu di F.U.


Aggiungi commento