Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/04/18 ore

L'Italia avvelenata dai nemici del potere



di Biagio de Giovanni (da Il Mattino)

 

Quello che chiamiamo populismo ha già avvelenato il clima della nostra democrazia parlo solo di noi - e prevedo che altro veleno sarà inoculato, nella caduta verticale delle culture politiche che danno consistenza a una nazione. Nelle vene dei populisti, lo sappiamo, scorre il sangue anti-élite, con un sentimento che individua nella politica la casta per eccellenza, che va odiata, detronizzata, sbeffeggiata. Tutto ciò che riguarda la casta - e già il termine usato è sintomo decisivo - è prevaricazione, sistema di privilegi da annientare, da far odiare, odio da far covare nel rancore sociale, ormai perfino registrato in Italia, dagli istituti di ricerca, come dominante nello spirito pubblico.

 

Ecco già un primo punto, ma da qui tanti altri ne nascono, e bisogna dare a essi i nomi giusti e incominciare a offrire le controargometazioni, ad evitare che l'espansione a macchia d'olio di questo stato d'animo metta in ginocchio l'Italia, come già sta avvenendo, come potrebbe avvenire in un futuro vicino. 

 

Un ragionamento che bisogna avviare e che bisognerà tener fermo anche per contribuire a restituire alle classi dirigenti il senso del loro ruolo, chiamarle a un miglioramento delle loro prestazioni per una vera e propria resistenza che si deve preparare. È necessario aprire una lotta culturale e politica che sarà lunga e aspra, e che ha per oggetto nientemeno, guardato pure oltre i nostri confini, il destino delle democrazie liberali e rappresentative. 



Quale è l'altro nome nemico, esorcizzato, rifiutato, reso mostruoso, contro il quale il populismo si batte, convinto di aver trovato la chiave d'oro del proprio successo? È il potere che dovunque si manifesti va negato, rigettato, sterilizzato, neutralizzato, demonizzato, in nome del popolo. Ma questo ad opera di chi, e in vista di che? Da chi parla in nome di una pretesa società di uguali, nei quali riposa il giudizio di Dio; in vista di un auspicato ugualitarismo meccanico, quello che la cultura liberal-democratica ha sempre negato e contro il quale Benedetto Croce elevava la sua critica ironica e sferzante, giudicando l'egualitarismo, il democratismo il vero nemico della democrazia e del liberalismo «nel suo far pesare la massa, il, popolo, la plebe nei consigli e nella deliberazione politica»: oggi, il popolo mediatizzato virtualizzato retizzato, e l'individuo ridotto, nella sua realtà profonda, ad atomo solitario.



Dunque, ciò che diventa centrale, nel populismo, è la lotta contro il potere dovunque si manifesti nelle relazioni umane e politiche. Un'incultura drammatica rischia di invadere la coscienza dell'Italia, e mi fermo a nominare l'Italia per il carattere particolarmente virulento ed esteso che da noi ha assunto quella che viene chiamata lotta contro il potere, sterilizzazione completa del suo ruolo: attenzione, con il potere arrivano i corrotti, i nemici del popolo, appena il suo ruolo si disegna all'orizzonte, e la politica ne fa le spese sotto i colpi dell'antipolitica.

 

Le distinzioni necessarie e anche critiche si disperdono nel vociare incolto che ne attacca la dimensione generale, spesso in un'orgia giustizialista che mescola tutto, tutto parifica con furia distruttiva, il potere diventa per sua natura abuso. In questa lotta anzitutto culturale si deve riprendere il problema dal suo capo: far comprendere che il potere è il centro di energia da cui nasce la storia degli uomini, l'onda che la attraversa, e nella sua grande forza organizza la vita comune. Il potere, nella sua potenza creativa, è la profonda volontà di applicare la ragione al disordine della vita, è un centro di energia, di pensiero e di volontà, una esigenza che suscita tutta una vita, una vasta onda di vita negli animi umani.

 

Una democrazia che immagina di poter sterilizzare il potere lotta contro il proprio valore primario, quello che garantisce la continuità della vita. Una democrazia che immagina questo diventa da un lato, e ufficialmente, povero contenitore di una procedura svuotata, oltre la quale, però, un vero nuovo potere domina la scena, negando di esser potere, che è la cosa peggiore che esso possa fare, perché proprio così esso si sottrae alla critica, si colloca oltre di questa, in un luogo incontaminato dove prevalgono l'innocenza, la bontà, il disinteresse. Lotta dei buoni contro i cattivi, i manichei in azione, partecipi di quella religione che divideva il mondo in bene e male, e che il cristianesimo combatté con tutte le sue energie. Tutto questo, nelle nostre società, fa esplodere il giustizialismo mediatico dove, con il plauso di tanti, si celebrano processi che riguardano anche relazioni tra esseri umani, uomo e donna, dove il potere (reciprocamente) può giocare un suo ruolo in infinite sfumature prima di diventare, come può accadere ed è accaduto, opera del demonio che alberga in ogni uomo e soprattutto nel maschio. 



Vuol significare, questo, negare la possibilità della critica? Chi parla così vuol solo confondere le acque, e nella confusione generale far prevalere la propria incultura, il neo-primitivismo che si disegna vincente all'orizzonte. La critica è non solo possibile, ma necessaria, perché il potere può, certo, abusare di sé e quante volte lo fa!- ma la critica è possibile, efficace, alla sola condizione di non avere come premessa e condizione prioritaria la distruzione del principio che critica. Se si accoglie la forza etica, politica, istituzionale, rappresentativa del potere, allora la critica ne arricchisce la storia, contribuisce a organizzare culture e gruppi umani nelle società civili, coglie in fallo chi in fallo va colto.

 

Non però come esponente di un luogo di abusi, che dunque va ridicolizzato e condannato in diretta tv, aizzando i rancori e rendendo barbara una società, ma come quel luogo che, in un momento difficilissimo della storia del mondo, quando tante cose possono andare in rovina, deve caricare su di sé la possibilità di un nuovo ordine. Il quale richiede professionalità, competenza, cultura, ragionevolezza, dialogo, riconoscimento, e vorrei dire il linguaggio complesso dei congiuntivi e dei condizionali, proprio l'opposto di tutto ciò che il populismo nostrano intende far valere, nuovo tribunale del giustizialismo di oggi, dove si usa l'indicativo assertivo, l'unico verbo conosciuto. (*)

 

(*) da Il Mattino

 

 


Commenti   

 
0 #5 ilSocialista 2017-12-18 19:39
perchè tutti i fenomeni clinici, sociali e naturali in genere non vengono dal cielo ma hanno delle cause ben precise e devi farti il mea culpa su quanto anche tu hai contribuito a determinare
Citazione
 
 
0 #4 ilSocialista 2017-12-18 19:36
quando poi la politica di fronte a queste cose alza le mani e non riesce a risolvere la classica beneamata mazza, allora il rancore delle plebi verso le elites si accresce vieppiù; queste semplici nozioni che puoi dedurre da quialsiasi manuale din terza media, stranamente sembrano essere totalmente espunte dalla cultura ed dalla informazione comune; il risultato è che sono tutti là ad additare con un mistro di sorpresa, di disgusto, di orrore la escrescenza, la tumefazione, la deformità, la pustola, il bubbone il tumore plebeo ingravescente; vabbè, il tumore ci sarà pure, però il tumore ci sarà pure, però è inutile che ti stupisci se ti sei rotolato nell'amianto per anni di seguito
Citazione
 
 
0 #3 ilSocialista 2017-12-18 19:26
se il buon De Giovanni magari non si fosse laureato ma invece fosse stato attento alle lezioni di Storia cdi terza media evitando di lanciare sempre pallini di carta colla cannuccia della penna BIC ai compagni di classe, forse saprebbe che le plebi nel corso della Storia diventano particolarmente cattive, diciamo che riacutizzano il decorso del morbo naturale, in presenza di particolari condizioni che sono grossomodo le seguenti, ovvero quando le differenze sociali tendono ad accentuarsi oltremodo, quando i redditi sono stagnanti o regredenti in modo tale che per il medesimo lavoro i figli guadagnano meno dei padri; quando lo status sociale si deprime e si precarizza e vengono meno tutte le speranza di miglioramento nel corso della propria esistenza per un enorme numero di persone.
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2017-12-18 19:16
anche ammettendo che le plebi abbiano delle terribili ed innominabili malattie da cui invece le elites sarebbero immuni come inequivocabilme nte dimostrato dal conto in banca pingue e dal comportamento senz'altro più pacato e tranquillo, se De Giovanni avesse qualche cultura storica o anche qualche cultura scientifica presa anche di straforo nonostante la sua possibile origine di nascita di plebeo avesse sicuramente deposto a sfavore di ogni genere di acquisizione culturale; anche ammettendo tutti gli inevitabili ed inenarrabili handicap biologici del plebeo, che ne fanno una sottorazza aberrante del genere umano tale da essere confinata in appositi campi per evitarne la riproduzione e l'estensione, la commistione con la parte sana ed immune di una popolazione, il buon De Giovanni dovrebbe saperre che le malattie in generale, siano esse morali, biologiche o soaiali hanno una origine si genetica ma anche ambientale
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-12-18 19:05
quanto dice De Giovanni ha dei fondamenti, però se De Giovanni fosse socialista, cosa che non è, dovrebbe sapere che quelle che lui chiama "le plebi" non sono per natura brutte sporche e cattive ed ignoranti, ignobili, ricettacolo naturale delle perversioni morali, economiche, sessuali; non è detto che "le plebi" rubino la notte, mangino bambini e si accoppino col diavolo e con altre bestie fameliche per la loro natura intrinseca corrotta ed irredimibile; non è che la soluzione per tali comportamenti delle plebi sia la sterilizzazione forzate e l'eugenetica come si proponeva fino a non molti anni fa per ovviare a quelle che apprivano delle spiacevoli e terribili tare ereditarie connaturate
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna