Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/12/17 ore

Euro, le supercazzole grilline a “Otto e mezzo”



Cosa pensano davvero i 5Stelle dell'Europa e della sua moneta? In verità non si è ben capito. Le idee sono confuse. O forse debbono sembrare tali, perché a volte è nella confusione che si trae il maggior vantaggio.

 

E se Luigi Di Maio da un lato prova ad addolcire le posizioni, tenendo tuttavia – come dice a La Stampa - “la pistola sul tavolo”, dall'altro un genio della covata grillina dà il meglio di sé in quello che il post.it chiamauno scambio di battute surreale a Otto e mezzo”: tra Lilly Gruber e Laura Castelli, deputata del Movimento 5 Stelle, laureata in Economia aziendale e membro – ahi noi – della commissione Bilancio.

 

Si parlava della posizione del Movimento 5 Stelle sull’uscita dall’euro. Il concentrato di supercazzole di Castelli sconcerta. Il finale è da ridere. Un po' meno il fatto che continuino ad avere così tanto seguito. Ma in fondo anche questo è lo specchio di un Paese alla deriva.

 


 

CASTELLI: «Noi abbiamo detto sempre referendum, abbiamo detto sempre che i cittadini devono scegliere…»

 

GRUBER: «Ma lo dite ancora pur sapendo che non possiamo fare un referendum sull’euro perché fa parte di un trattato internazionale?»

 

CASTELLI: «Ma in realtà non è vero… A me la politica in cinque anni ha insegnato che non è vero che certe cose non si possono fare, si trova sempre il modo di farle. Questo ho imparato in cinque anni. Il tema dell’euro è un tema che, se vogliamo parlarne tecnicamente, si può affrontare: le problematiche che ha creato, quali sono le sacche dove si deve andare a intervenire…»

 

GRUBER: «Sì, che però è diverso dal fare un referendum, no?»

 

CASTELLI: «Sì, però noi abbiamo raccolto le firme, siamo convinti che si possa fare. Dopodiché, siamo convinti, sappiamo anche dove andare nel rapporto con l’Europa a incidere su alcune cose che non funzionano, e va fatto».

 

GRUBER: «Lei sarebbe d’accordo a uscire dall’euro?»

 

CASTELLI: «Io credo che una scelta così grossa non si possa prendere da soli, è una scelta che coinvolge le vite, guardi cosa è successo in questi anni con l’euro»

 

GRUBER: «Ma lei a un referendum sull’euro, dentro o fuori, cosa voterebbe?»

 

CASTELLI: «Non si dice cosa si vota»

 

GRUBER: «Ma come non si dice, lei è rappresentante di un movimento importante come i Cinque Stelle: lei dovrebbe dire sì, se io voglio votare per lei devo sapere cosa pensa sull’euro»

 

CASTELLI: «Il referendum non è un tema ideologico, è un tema tecnico. Io credo che l’euro abbia portato tanti problemi soprattutto al costo del lavoro, alla produttività delle imprese, che sia diventato l’unico modo per fare inflazione. Ci sono delle cose tecniche che appartengono peraltro alla mia competenza. Dopodiché, un conto è dire: cosa vuoi fare con l’euro, chiediamolo ai cittadini. Un conto è dire: ce l’avreste un modo per? Ci sono molte modalità…»

 

GRUBER: «Non mi ha risposto alla domanda. […] Lei a un referendum euro sì-euro no cosa voterebbe?».

 

CASTELLI: «Non lo so»

 

GRUBER: «Non lo sa, bene»

 

(fonte ilpost.it)

 

 


Commenti   

 
0 #3 ilSocialista 2017-12-08 12:04
del resto nel '68 si era preconizzato "la fantasia al potere"; con un piccolo margine di elasticità concettuale può entrarci anche la supercazzola
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2017-12-08 11:59
per non contare le celeberrime supercazzole dell'ottimo Silvio che si cimenta in dotte ed ardite disquisizioni igienico-sessuali-umanitarie:
https://www.youtube.com/watch?v=l-GOC-q5SrY
Una supercazzola da vera antologia.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-12-08 11:53
vabbè, ma la supercazzola della Pinotti che scambia per vessillo nazista pure il poster dell'Uomo Ragno dove lo metti? e quell'altro che è stato stigmatizzato per apologia del fascismo mentre aveva alzato la mano solo per andare al cesso dove lo metti? nelle epoche sociali e culturali involutive saltano i nessi logici e gli sbarellamenti morali sono naturalmente all'ordine del giorno; senza contare che anche l'europa e l', negli attuali assetti, sono supercazzole meagalattiche
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna