Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/05/19 ore

Quirinale debole: i rischi negli ultimi mesi di Napolitano



Il notista politico Stefano Folli analizza, sulle pagine del Sole24Ore, i rischi di un indebolimento della figura del Capo dello Stato nella sua prerogativa di rappresentare un "punto di equilibrio del sistema".


 

Il punto di Stefano Folli

 

A questo punto la domanda è soprattutto una: può l'Italia, l'Italia delle istituzioni e della politica, accettare che il capo dello Stato sia indebolito nelle sue prerogative e via via svuotato, non tanto dei suoi poteri, quanto della sua capacità di rappresentare il punto di equilibrio del sistema?

 

Mancano dieci mesi alla fine del mandato del presidente della Repubblica e la questione si delinea nella sua gravità. Come è evidente a tutti, il ruolo del Quirinale è cresciuto negli anni, ma in particolare è diventato essenziale nella seconda parte del mandato di Napolitano. Un ruolo decisivo in politica interna e anche in politica estera. Può non piacere, ma è così: man mano che il sistema dei partiti si avvita nella sua crisi senza uscita, si afferma il baricentro del Quirinale.

 

Di fatto la presidenza della Repubblica è oggi il luogo intorno a cui ruotano gli assetti del paese. Lo si è visto con l'uscita di scena di Berlusconi, lo scorso novembre, e l'avvento di Monti. Ma la forza del Quirinale è anche la sua debolezza. Nel senso che Napolitano si è esposto molto come timoniere della nave Italia. Ed esponendosi ha prestato il fianco alla controffensiva di chi ha individuato quale gamba del tavolo tagliare.

 

Rendere più fragile la presidenza, intaccare l'immagine del capo dello Stato presso l'opinione pubblica, metterlo sulla difensiva. Il gioco è fin troppo scoperto. Si può persino immaginare che, se non ci fossero state le telefonate con Nicola Mancino, si sarebbe trovato un altro pretesto...

 

prosegui la lettura su ilsole24ore.com


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-07-18 22:38
NWO, €, BCE, FMI, DEMONI BURATTINAI E LORO SERVI PAPPONI BURATTINI!
e non poteva essere diversamente, infatti non può rappresentare l'intera casta di PAPPONIA-LADRON IA, essendo stato imposto dalla sola cosca sinix...za.
poi resta abbastanza inquietante l'avere gravato il paese con l'attuale esecutivo, formato da sicari finanziari delle cupole in oggetto, che con questa feroce fiscalità tanto iniqua quanto inutile x il paese, come confermato di fatto.
politiche scellerate, che hanno tolto ogni speranza di futuro ai giovani, gettando sempre + famiglie, lavoratori ed imprenditori nella miseria, inducendo sempre + sudditi fino al suicidio; come evidenzia quotidinianamen te la cronaca!
con il risultato di avere degenerato il già regime partitocratico a delinquere, (come definito dall' on Pannella), nell'attuale dittatura fiscale finanziaria ben + oppressiva e cruenta della precedente fascio savoiarda, che di certo non aveva indotto tanti sudditi al suicidio!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna