Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/05/22 ore

Crisi politico-istituzionale: i provvidenziali referendum sulla giustizia. Conversazione di Giuseppe Rippa con Maurizio Turco



La crisi della magistratura è parte della crisi delle istituzioni ha dichiarato in un intervista Rino Formica, i referendum sulla Giustizia Giusta promossi dai Radicali sono provvidenziali.

 

La questione giustizia - abbiamo scritto su Agenzia Radicale riassume in modo emblematico tutto il senso della crisi che il nostro Paese vive. Potremmo dire che è il fronte in cui, con maggiore evidenza, emerge tutto il senso dell’ambiguità della democrazia fittizia che ha realizzato una condizione di apparente diffuso benessere, dove si è avuta l’illusione di spazi di libertà e di crescita, ma dove è mancata clamorosamente quella cornice politica, culturale, di regole e di legalità che fanno una democrazia moderna.

 

È così che la giustizia può essere definita la radiografia più evidente, ma anche la più deformata, degli strumenti di guida (consociativi e compromissori, concertativi e elitari) della direzione politica e di potere del Paese, con i caratteri profondi e pervasivi delle culture anti-risorgimentali, maggioritarie nel dopoguerra, che avevano (e continuano ad avere, a destra come a sinistra), un assetto squisitamente illiberale.

 

I referendum (promossi, con un'antica tradizione, dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito e dalla Lega), per quanto esposti alla tagliola della Corte costituzionale (in passato molto spesso candidata al ruolo di bloccaggio di ogni iniziativa costituzionale che i referendum riformatori radicali proponevano), costituiscono una provvidenziale occasione. Il sistema informativo lavorerà in ogni modo per depistare e attenuare sua forza democratica, puntando a far fuori ogni dibattito e informazione, limitandosi ad una burocratica notizia carica di falsificanti input.

 

Ma resta il fatto che, proprio perché la crisi politico-istituzionale rischia di  essere affrontata fuori dalla volontà popolare, quella della prossima primavera è la più clamorosa occasione per manifestare (fuori dagli antagonismi stupidi, violenti, privi di senso politico e congeniali al sistema) che il vento dello stato di diritto può ancora essere capace di impedire fenomeni di nuove restaurazioni e di far intravedere una prospettiva riformatrice vera con il coinvolgimento pieno di cittadini finalmente partecipi del loro avvenire.

 

Quello che segue è il video della conversazione che Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale ha tenuto con Maurizio Turco, segretario del Partito Radicale e promotore dei referendum.

 


 

Crisi politico-istituzionale: i provvidenziali referendum sulla giustizia. Conversazione di Giuseppe Rippa con Maurizio Turco (Agenzia Radicale Video)

 

 


Aggiungi commento