Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/11/20 ore

Zingaretti contestato a Viareggio. Lorenzo Tosi, lista Più Democrazia: caro PD la democrazia è una cosa seria



di Lorenzo Tosi (*)

 

 

La democrazia è una cosa seria, non si può utilizzare questa parola con leggerezza e solo quando facomodo.

 

Inutile ricordare ancora la mancanza di trasparenza con la quale il PD di Viareggio è stato calpestato e “sostituito”, trovandosi a sostenere un candidato sindaco diverso da quello nominato due volte all’unanimità in assemblea.

 

Per questo, da iscritto al Partito Democratico, vergognosamente commissariato e in attesa di una risposta dalla commissione di garanzia, era doveroso oggi incontrare il Segretario Nazionale Nicola Zingaretti e renderlo partecipe di quanto successo a Viareggio, viste anche le mancate risposte alle nostre reiterate richieste.

 

Tanto dovevo, per amore della democrazia e della Costituzione, a fianco delle molte persone che si sono messe in gioco, ci hanno sostenuto in queste settimane e ci sosterranno alle prossime elezioni amministrative.

 

Abbiamo chiesto al Segretario di potergli parlare, democraticamente, per poi consegnargli una lettera, firmata dagli iscritti al PD commissariato e, soltanto in seguito al suo rifiuto, abbiamo deciso di alzare la voce, sempre nel rispetto delle regole democratiche, perché è inaccettabile vedere rifiutato un confronto, per chi come noi ha da sempre sostenuto i valori del PDcontinuerà a farlo, nonostante le numerose mancanze di rispetto ricevute.

 

Fa male vedere il segretario Zingaretti con un candidato sindaco che “banna” i cittadini sui profili istituzionali, non riceve le associazioni di categoria e le società sportive, che ha messo in vendita la Casa delle Donne”, che ha offeso ripetutamente il Partito Democratico della Versilia e di Viareggio, che ha fatto fallire la Società della Salute, che ha osteggiato l’Anpi e le associazioni di volontariato; anche e soprattutto per questo, la nostra battaglia per la democrazia, per arginare la destra a Viareggio ed in Toscana, andrà avanti e sarà sempre più determinata.

 

La democrazia è una cosa seria e la difenderemo fino alla fine.

 

Il confronto e la trasparenza prima di tutto.

 

(*) Capolista “Più Democrazia per Viareggio e Torre del Lago - Bonaceto Sindaco”

 

(Immagini da quotidiano . net)

 

 


Aggiungi commento