Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/11/20 ore

Più democrazia per Viareggio, la Toscana, la sinistra. Conversazione con Elena Tozzi



Riporta l’Ansa del 17 settembre: Pd, partito diviso a Viareggio, Nicola Zingaretti contestato Segretario costretto a comizio lontano da gazebo Dem. La nota dell’agenzia dice: “… Il leader del Pd Nicola Zingaretti  è stato costretto a non fermarsi al gazebo dei Dem a Viareggio (Lucca), allestito in pineta, per evitare le contestazioni di un gruppo di dissidenti che alle elezioni comunali appoggiano la candidatura di Sandro Bonaceto, in polemica con il partito che ha invece scelto di sostenere il sindaco uscente Giorgio Del Ghingaro…

 

Quando Zingaretti ha raggiunto la pineta i simpatizzanti di Bonaceto, che a gennaio i Dem avevano scelto di appoggiare in contrasto con il sindaco in carica, gli si sono fatti incontro chiedendo spiegazioni per il ripensamento dei mesi successivi che ha poi portato alle divisioni interne. Dopo un primo rallentamento il segretario, scortato da esponenti locali del partito, si  è allontanato e si sono uditi fischi e qualche grido di disapprovazione.

 

Poi, Zingaretti ha proseguito la sua passeggiata in pineta per poi fare un breve comizio con i candidati della lista Pd alle comunali e insieme al sindaco Del Ghingaro e al candidato presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, in un'area  distante dal luogo della protesta”.

 

Agenzia Radicale ha seguito le vicende di Viareggio costantemente, con interventi di Anna Mahjar-Barducci, del capolista della lista Più Democrazia per Viareggio e Torre del Lago Lorenzo Tosi, del direttore di A.R. Giuseppe Rippa, con video-interviste al candidato sindaco Sandro Bonaceto, al promotore della lista l’avv. Gianmarco Romanini.

 

La paradossale vicenda riassume come alle prossime elezioni comunali, un gruppo di coraggiosi fuoriusciti (o di fatto commissariati e espulsi) dal PD si presenta a Viareggio con la lista civica “Più Democrazia per Viareggio e Torre del Lago”, che affianca la candidatura a sindaco di Sandro Bonaceto. Il gruppo - scriveva Anna Mahjar-Barducci -, di ventiquattro nomi con età media di 45 anni, che si riconosce nei valori liberali e progressisti, ha l’ambizione di richiamare la questione liberale a sinistra. 

 

Quella che segue è una conversazione di Giuseppe Rippa con Elena Tozzi, candidata nella lista Più Democrazia per Viareggio e Torre del Lago, ex militante dei DS e del PD.

 


 

Più democrazia per Viareggio, la Toscana, la sinistra. Conversazione con Elena Tozzi 

(Agenzia Radicale Video)

 

 


Aggiungi commento