Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/05/18 ore

Lega e 5 Stelle, per fortuna c'è l'Unione Europea...


  • Antonio Marulo

 Diciamolo pure, hanno stancato. Non se ne può più, dopo 70 giorni in cui i protagonisti del “cambiamento” non hanno fatto altro che confermare la loro propensione innata a raccontarci balle. Prima del 4 marzo questa “invidiabile” qualità poteva essere annoverata nel genere campagna elettorale; dopo il voto – in vista del possibile governo - è diventata sempre più un'intollerabile provocazione.

 

In questi giorni abbiamo dovuto sopportare la retorica sulla storia da scrivere, sulle cose mai fatte prima d'ora, sulla "coerenza", sugli accordi imminenti o quasi raggiunti, sul candidato premier da poporre a stretto giro al Capo dello Stato... Poi, di rinvio in rinvio, di vertice in vertice, di tavolo in tavolo, ieri il nulla di fatto e la richiesta di altro tempo, che ha confermato il dilettantismo e l'approssimazione imperante, oltre che lo scarso rispetto, la spregiudicatezza e l'arroganza propria dei “buoni a nulla ma capaci di tutto”.

 

Le foto circolate degli incontri milanesi tra Lega e M5S, sulle quali la cosiddetta ironia web ha maramaldeggiato, valgono più di ogni commento. Sono istantanee che rappresentano perfettamente lo stato dell'arte, la confusione e il disagio che attraversano persone fin qui fenomenali nel vaffa o brave a girare su e giù per lo Stivale indossando felpe a tema.

 

C'è da dire che il passaggio dalla politica da bar sport alla realtà di governo è cosa non da poco. Non è facile. Ma fare ora un'improvvisa marcia indietro diventa complicato e potrebbe rivelarsi controproducente in termini elettorali. E poi ci sono le tante nomine in scadenza da spartisi: la robba su cui fiondarsi, che dà la misura reale del potere. Nondimeno, trovare il modo migliore, un ottimo pretesto, per una ritirata strategica potrebbe rivelarsi cosa saggia (anche per il Paese), oltre che preludio al ritorno a ruoli più consoni, nei quali ci si sente a proprio agio.

 

Un prova in tal senso l'abbiamo avuta in giornata. Ci hanno pensato l'Unione europea, con il richiamo all'Italia su debito pubblico e immigrati, e il Financial Times, con la storia dei "nuovi barbari", a dare l'assist non richiesto. Dopodiché, a Matteo Salvini e Luigi Di Maio non è parso vero di potersi distrarre per un attimo dallo stress “istituzionale” con ciò che gli riesce meglio: fare propaganda.

 

.


Commenti   

 
0 #9 red 2018-05-18 10:52
Non abbiamo "sposato acriticamente" un bel niente. Basta leggere, per comprendere che l'oggetto della riflessione qui proposta è un altro e resta ancora valido, in assenza di fatti realmente nuovi. Fin qui riunioni fiume, bozze su bozze di un "contratto" allarmante e tante, contraddittorie , "chiacchiere da Bar". Purtroppo.
Citazione
 
 
0 #8 Enrice 2018-05-18 10:10
Questo articolo è stato scritto il 15 maggio, quando ancora non si sapeva nulla o quasi sul programma in elaborazione dal M5S e Lega; circolavano solo illazioni e quelle che circolavano erano state dichiarate “superate” dagli stessi elaboratori. Il Vostro accettare e “sposare” acriticamente le posizioni intimidatorie preventive della UE e del Financial Times, dimostra tutti i Vostri preconcetti verso i due gruppi politici, che, vorrei ricordarVi, rappresentano la maggioranza del popolo italiano, circo 18 milioni di elettori. Aspettate; vediamo se riescono a dare un Governo al Paese e con quale programma e poi potete dare sfogo a tutto il Vostro acredine. Sono sicuro che qualsiasi sarà il loro programma, Voi, appunto perchè preconcetti, avrete sicuramente modo di “stracciar loro la pelle della faccia”.
Citazione
 
 
0 #7 ilSocialista 2018-05-16 22:40
ad ogni modo si potrebbe consigliare al Financial Times di stere stare sempre attenti quando si introducono nel ragionamento politico e sociale categorie improprie come "bene", "male", "odio", "amore" "Vero" "Falso" "barbarie" "civiltà"; a parte il fatto che sono categorie estrememente vaghe, ti si possono rivoltare contro in un baleno come dimostra l'articolo che segue:
http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2018/5/16/CARO-FINANCIAL-TIMES-I-veri-barbari-sono-quelli-che-hanno-gia-affamato-la-Grecia/821057/
meglio restare sul un filo logico misurato, senza trarre conclusioni apodittiche
Citazione
 
 
0 #6 ilSocialista 2018-05-16 02:15
Ilaria Bifarini for President!
https://www.facebook.com/ila.bifarini
Citazione
 
 
0 #5 ilSocialista 2018-05-16 01:54
il fondamento ultimo di tutto questo macello è semplicemente uno: la impostazione economica neoclassica (con rispetto parlando) ha fatto il suo tempo; è ora da un pezzo che si torni ad un pragmatico keynesismo, che si torni alla PIENA OCCUPAZIONE a costo di svaligiare le borse e assumere gente per far svuotare il mare coi cucchiani
Citazione
 
 
0 #4 ilSocialista 2018-05-16 01:49
amico mio, "ilSocialista" col PSI attuale non ha a che fare nulla; piuttosto è uno che pensa che il Pensiero Unico, qualunque tipo di pensiero unico, fosse pure un pensiero unico socialista, è la peggiore delle pestilenze umane; non può e non deve esistere; le classi sociali esistono, sono sempre esistite e vabbene, però un conto sono le differenze ed un conto sono le lacerazioni sociali; questa è una epoca in cui mettere assieme pezzi di società, di territorio, di status, di ricchezza sta diventando praticamente impossibile; da che mondo è mondo questo genere di scompensi è foriero di disastri prima o poi; come dice pure questo articolo http://espresso.repubblica.it/inchieste/2018/05/15/news/l-economia-della-conoscenza-sta-uccidendo-la-nostra-provincia-1.321535?ref=HEF_RULLO
Citazione
 
 
0 #3 Giovanna 2018-05-16 00:39
ma "ilSocialista" è socialista...?
Citazione
 
 
+1 #2 red 2018-05-15 21:12
solo un po' di attenzione nella lettura bastava per intuire che nessuno si è messo sugli attenti bla bla bla...
Citazione
 
 
-2 #1 ilSocialista 2018-05-15 20:51
amico mio, tu probabilmente sei di quelli che quando parla il Financial Times e i circoli elitari che gli stanno dietro ti metti sull'attenti di fronte alla voce del padrone e la sudditanza ti gratifica e ti realizza all'istente; magari se ti si smuovesse qualche forma di pensiero non unico, ma solo minimamente critico ti dovresti chiedere questi nuovi barbari quali politiche li hanno nutriti, partoriti e portati alla ribalta; di certo non le sono state fake news; sono fenomeni sociali lievemente più corposi e complessi; sempre ovviamente che te e quelli del Financial Times non pensiate, come la Thacher che la società non esista; la società invece guarda caso esiste, come è vero che non tutte le ciambelle e le ingegnerie sociali riescono col buco.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna