Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/11/18 ore

CL rende sempre omaggio al potere, lo ha detto Famiglia Cristiana



Proprio in questi giorni il direttore di Agenzia Radicale sottoponeva a un’analisi della redazione il modus operandi di Comunione e Liberazione, che in occasione del meeting di Rimini ha archiviato la lunga e ingombrante stagione formigoniana senza colpo ferire, apparentemente volando alto, come si evince dal titolo dato alla kermesse di quest’anno, sostanzialmente, cambiando in fretta e furia cavallo con la lisciata di pelo a Mario Monti e al suo governo tecnico.

 

È sempre stato così con i potenti di turno, sottolineava il direttore, interrogandosi su come fare emergere su queste pagine la cosa con un po’ di storia dei meeting ciellini, senza apparire però pretestuosi, giusto per attaccare la creatura di Don Giussani.

 

Ma poi, inaspettatamente, Famiglia Cristiana,  in chiusura di un editoriale, ha inquadrato esattamente i termini della questione con “un’ultima considerazione” - di seguito riportata - che ci ha tolto dall'imbarazzo.

 

“...Un lungo applauso del popolo dei ciellini ha accolto il premier. Tutti gli ospiti del Meeting, a ogni edizione, sono stati sempre accolti così: da Cossiga a Formigoni, da Andreotti a Craxi, da Forlani a Berlusconi. Qualunque cosa dicessero. Poco importava se il Paese, intanto, si avviava sull’orlo del baratro. Su cui ancora continuiamo a danzare.

C’è il sospetto che a Rimini si applauda non per ciò che viene detto. Ma solo perché chi rappresenta il potere è lì, a rendere omaggio al popolo di Comunione e liberazione. Non ci sembra garanzia di senso critico, ma di omologazione. Quell’omologazione da cui dovrebbe rifuggire ogni giovane. E che rischia di trasformare il Meeting di Rimini in una vetrina: attraente, ma pur sempre autoreferenziale.” (A.M.)


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-08-22 20:49
ASINUM ASINUS FRICAT!
è la normalità che fra asini si struscino fra loro.-
la piaggeria è una delle + grandi virtù degli italioti: figuriamoci poi i compagni di merende di un Formigomi!
Formigoni, ad onore del vero, in confronto alle gestioni, di tante altre regioni disastrate come la Puglia e la Campania, confrontando i rispettivi risultati, non può che avere commesso che qualche veniale birichinata, rispetto alle idrovore di altri suoi compagni di merende, i fatti non solo le ciance dovrebbero significare pur qcs!
forse ci vorrebbero meno ex magistrati nella greppie istituzionali!
TUTI I PAPPONI SONO FATTI CON LI STESSO STERCO!
neghiamo a tutti questi boiardi manutengoli il nosro voto:
NON SPRECHIAMOLO!
NON VOTIAMOLI!
MANDIAMOLI A LAVORARE!
O MEGLIO TUTTI AFFA.... CON LA LORO INSULSA COSTITUZIONE PARTITOKRATIKA ROCCO-BOLSCEVIC A
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna