Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/01/20 ore

Che farà Monti?


  • Silvio Pergameno

Dopo il suo discorso di fine anno, coinciso con lo scioglimento del Parlamento, il senatore Monti non ha ancora deciso quale sarà la sua posizione nel prossimo futuro. Conferma di non presentarsi alle elezioni, ma si dichiara disponibile ad essere premier con chi si schiera con la sua “agenda”. Annunciando poi un suo manifesto online, fa di questo il suo programma “elettorale”.

 

Ed è facile comprendere perché non si sia ancora deciso dato che  potrebbe tenere tutti ancora in sospeso e continuare a tergiversare fino a quando ci sarà tempo per presentare le liste.

 

Il dopo elezioni infatti si presenta quanto mai incerto, nessuno possiede l’arte della divinazione e il premier dimissionario non è stato un capo del governo qualsiasi, sia per il modo con il quale è arrivato a ricoprire la carica, sia per il ruolo impresso al governo, sia per l’opera svolta.

 

Monti è diventato capo del governo su scelta del Presidente della Repubblica, che quindi non si è comportato come un mero notaio (ovvia, certamente, la successiva fiducia del Parlamento). Monti ha imposto sacrifici e non si consegnato al meccanismo dell’accontentare un po’ tutti, dentro e fuori il Parlamento.

 

Monti ha cercato in ogni modo di imprimere un ruolo nuovo al governo, interpretato come esercizio di un potere governativo (ovviamente soggetto all’approvazione delle Camere) più che meramente esecutivo di decisioni del Parlamento (cioè dei partiti), quale era stato in passato.

 

Si è trattato di un percorso pienamente conforme alla costituzione scritta, ma non a quella interpretata durante tutte e due le prime repubbliche e che ancora si continua a spacciare come corretta., ma non lo è stata.

 

Perché i costituenti non ignorarono che Mussolini giunse al potere a causa dell’incapacità di governare dimostrata dai partiti nel primo dopoguerra e perciò delinearono un regime non certo presidenziale (come pure fu anche proposto e proprio da un azionista come Piero Calamandrei) e quindi parlamentare sì, ma corretto dal riconoscimento al Presidente della Repubblica di un ruolo di equilibrio politico e non soltanto giuridico, e dalla definizione dell’esercizio della funzione dei parlamentari non legato a vincolo di mandato, proprio per evitare che le Camere diventino proiezioni dei partiti e il Parlamento venga spogliato di poteri che debbono essere suoi propri e non trasferiti, contro la Costituzione, a soggetti estranei.

 

Come poi siano andate, di fatto, le cose dal 1° gennaio 1948 al 16 novembre 2011 è sotto gli occhi di noi tutti (e non è detto che la prassi dei decenni scorsi non sia destinata a perdurare).

 

Monti sì o Monti no è quindi un problema grosso per tutti e prima di tutti proprio per il Senatore, il quale ha poi davanti a sé un panorama di vera a propria confusione. È chiaro infatti che il centro casiniano potrà migliorare la performance elettorale, ma diventare il primo partito per prendersi il premio di maggioranza non è nell’ordine della cose, salvo forse riuscire a costruire una coalizione valida per affrontare il 24 febbraio.

 

Con una remora di fondo, peraltro: che proprio l’UDC appare il partito meno credibile per il raggiungimento dell’obbiettivo di uscire dalla prima Repubblica, perché proprio la vantata ascendenza democristiana ne rappresenta l’ostacolo maggiore: la prima Repubblica è stata la Repubblica resa possibile proprio dalla DC e dal suo modo di essere e di governare e politicamente è morta con  la DC.  

 

Però i due maggiori partiti non possono pensare che la vittoria elettorale con i premi di maggioranza assicuri la possibilità di governare, perché non configurano affatto formazioni politiche coerenti. E se il centrodestra appare frantumato, il centrosinistra è forse in una condizione ancora più difficile, perché l’evoluzione PCI – PDS – DS – PD è giunta al capolinea, cosa che l’attuale dirigenza certamente sa, pur comportandosi facendo finta di non sapere che il partito sognato da Ichino e quello impersonato da D’Alema sono incompatibili.

 

Monti può contare sul fatto di poter annoverare tanti futuri parlamentari, sia a destra che a sinistra, convinti che le sue ricette – magari con qualche correttivo - siano quelle buone, ma dovrà fare i conti a destra con resistenze di stampo personale e a sinistra con un’idea di partito e di fedeltà al partito che stenta a morire.    


Commenti   

 
0 #7 ilSocialista 2012-12-26 01:14
A proposito, forse i liberali dovrebbero chiedersi come mai i paesi anglosassoni sono socialmente ossificati e il sogno americano è morto; i soldi vanno dove sono già; la mobilità sociale è molto maggiore nei paesi con un welfare forte e d universalistico come il Canada ed i paesi scandinavi.
Citazione
 
 
0 #6 ilSocialista 2012-12-26 00:58
a quel punto occupy wall street sembrerà una scampagnata di quattro gatti
http://economyincrisis.org/content/poverty-at-a-all-time-high
Citazione
 
 
0 #5 ilSocialista 2012-12-26 00:52
Monti è un autorevole esponente nonchè ideologo di quella banda di strampalati mondiali che sta mandando a puttane l'occidente in cambio di cospicui e spesso loschi affari da altre parti; ogni Las Vegas ha i sui limiti ed il suo marcio, anche se ti sforzi di diffondere e sputtanare piccole Las Vegas in tutto il globo; il 2013 sarà l'anno della fine del grande gioco e del grande Casinò ; tra poco un sosia di Monti dovrà andare anche a whashington e dovrà aumentare le tasse; il calo della domanda mondiale raffrederà tutta l'economia mondiale e una discesa del PIL del 2,5 come da noi gli americani non lo potranno reggere perchè non è nelle loro tradizioni; a quel punto dopo la botta ed il caos seguente si può sperare che forse la razionalità riprenderà il sopravvento dopo il Grande Trentennio Demenziale del Marcio.
Citazione
 
 
0 #4 franco 2012-12-25 11:32
25 12 2012 - ANNO II ERA MASSON BOLSCEVICA.
...
QUESTI OPERATORI D'INGIUSTIZIA, REALI DEMONI CONTRO L'UOMO, ESEGUONO LE LORO INFAMIE CON::
INGANNO E MENZOGNA!

SOLO LA CONOSCENZA DELLA VERITA' CI PUO' RENDERE LIBERI!

LA VERITA' E' CONSONA ALLA SPIRITUALITA' E MORALITA', CHE QUESTI SERVI DI MAMONA, DEL DIO DANARO/POTERE, SCHERNISCONO E ATTENTANO IN ODNI FORMA, DALLA PERVERSIONE DEI COSTUMI, ALLA DIFFUSIONE DELL'INGANNO, MENZOGNE E DROGHE, SPECIFICHE DI CODESTA FARISAICA KRICCA DI GUITTI POLITICANTI-FAC CENDIERI, COME DESCRITTO NEL LIBRO DEL PENTITO-REDENTO D. QUINTO: "DA SERVO DI PANNELLA A FIGLIO LIBERO DI DIO"
CHE ILLUSTRA BENE LE SCENEGGIATE DI QUESTI TEATRANTI PAPPONI!
Citazione
 
 
0 #3 franco 2012-12-25 11:14
S. NATALE 2012 -

CARO BAMBINO GESU'
TI PREGO DI LIBERARCI DA QUESTO MALEFICO PRESAGIO DELLA 'BESTIA SELVAGGIA" CHE GIA' INCOMBE SULL'UMANITA', L'ETERNO DRAGONE CONTRO L'UOMO, GIA' INCARNATOSI NEI RETTILIANI ANDROIDI DELLE MAFIE SIONISTE MASSONICHE DI FAMELICI BANCHIERI, NEL CUI ABBRACCIO MORTALE CI HANNO GETTATO QUESTI LORO SICARI-
X QUANTO MASHERATI, FEROCI DESPOTI DI QUESTO SVENTURATO PAESE , CON LA COMPLICITA' DEI MARAMALDI PAPPONI DI QUESTI PARTITI ED ISTITUZIONI CANAGLIE-
LIBERACI DA QUESTO OBBROBRIOSO E CRUENTO REGIME DI POLIZIA FISCALE SUPPORTATO DALLE + DEGENERATE IDEOLOGIE CONTRO L'UOMO DI TUTTI I TEMPI!-
REGIME FANTOCCIO, PREPOSTO AL TRASFERIMENTO DI OGNI POSSIBILE RISORSA DEL PAESE AL SIGNORAGGIO DI QUESTE TURPI MAFIE-
INDUCENDO COSì SEMPRE + FAMIGLIE ALLA DISPERAZIONE SUDDITI AL SUICIDIO PRIVANDO INTERE NUOVE GENERAZIONE DI OGNI SPERANZA DI FUTURO!
ASCOLTA LA SUPPLICA DI NOI VITTIME IN BALIA DI QUESTI REALI DEMONI
Citazione
 
 
0 #2 franco 2012-12-24 14:43
PAPPONIA 24 12 2012 - ANNO II ERA MASSON BOLSCEVICA
ma noi italioti/italid ioti, siamo già talmente decerebrati/con dizionati x accettare bovinamente il predominio di certi elementi che sono/sono stati al soldo delle mafie bancarie sioniste massoniche, con il solo scopo di depredarci, prima di portarci all'inevitabile default e che ci sono stati imposti in salsa bulgara da un satrapo vetero komunista della kasta.
se questa eversione fosse stata fatta da militari sarebbe un COLPO DI STATO, fatta da emissari delle mafie dei banchieri, la chiamano GOVERNO TECNICO!
RIBELLIAMOCI CONTRO TUTTI QUESTI MARAMALDI PAPPONI E PARTITI CANAGLIA COMPLICI E LA LORO INSULSA KOSTITUZIONE ROCCO BOLSCEVICA, CHE NON CI HA PROTETTI DALL'ESSERE STATI GETTATI NELL'ABBRACCIO MORTALE DELLE PIOVRE MORTIFERE DEL NWO!
LIBERCOLO PARTITOKRATIKO CHE PUO' ESSERE DECANTATO SOLO DA MANUTENGOLI E/O PREZZOLATI GUITTI DI REGIME!
Citazione
 
 
0 #1 Maurizio Navarra 2012-12-24 13:53
Ma Monti non dovrà fare i conti con gli italiani?
Io spero che torni a fare il funzionario di banca: il mestiere che più gli è congeniale!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna