Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/01/20 ore

All'alba della Terza repubblica con le contraddizioni di sempre


  • Luigi O. Rintallo

Sebbene ancora non si conoscano le liste in corsa per il voto del 24-25 febbraio, si possono tuttavia fare alcune considerazioni su quella che i commentatori chiamano già l’alba della Terza repubblica. A quel che si vede, purtroppo, essa è assai simile alle precedenti e – per quel che riguarda gli schieramenti – presenta gli stessi vizi. Anche stavolta, infatti, le forze in campo sono contraddistinte da una disomogeneità politica e strategica di fondo.

 

Com’è avvenuto negli anni del bipolarismo fra centro-destra e centro-sinistra, le alleanze che si vanno profilando conservano i caratteri contraddittori di sempre: alla ormai storica contrapposizione fra riformisti e massimalisti che attraversa tanto il PD che la sua coalizione con Vendola, si accompagna nuovamente il polo berlusconiano che deve combinare leghisti, destra sociale e richiami vagamente liberali.

 

È uno scenario che ripete sostanzialmente quello degli ultimi diciott’anni: è dal 1994 che i governi espressi da queste coalizioni non sono riusciti a delineare un minimo di politiche coerenti, dibattendosi sempre fra statalismo e liberismo chiunque prevalesse nelle urne. Ora, la stessa situazione si ripresenta pure con gli altri attori in commedia.

 

Se consideriamo gli Arancioni, per esempio, troviamo l’anomala unione fra Fiom e “Robin Hood vari”, con sempre in bocca i diritti dei più deboli e poveri, alleati con gli esponenti della corporazione più protetta, garantita e tenacemente abbarbicata a privilegi che detengono da decenni: quei magistrati capaci di avviare class action per contrastare i tetti stipendiali agli alti funzionari.

 

E lo stesso può dirsi per la formazione raccolta attorno alla cosiddetta “agenda Monti”, nella quale il presidente del Consiglio dovrà accompagnarsi a quei professionisti della politica politicante che – a parole – contrasterebbe in nome degli interessi nazionali.

 

Ma se questa è la contraddizione più evidente, ve n’è un’altra non meno significativa. Il governo Monti, al di là del bene o del male del suo operato, è stato comunque espressione di quelle corporazioni pubbliche o private (burocrati, banchieri, docenti universitari ecc.) che hanno davvero determinato – ancor più dei politici sempre transeunti – le scelte che storicamente hanno portato ai problemi vissuti oggi dalla società italiana. È questa la più grande delle contraddizioni: come si fa a pretendere di proporre soluzioni, quando si è parte del problema medesimo?


Commenti   

 
0 #5 franco 2012-12-30 13:47
30 12 2012 - ANNO II ERA MASSON BOLSCEVICA
infatti i rettiliani delle mafie sioniste massoniche, i reBURATTINAI di questo governo fantoccio di loro sicari; necessitano di strumenti spersonalizzati , privi di ogni remora morale, di ogni residuo sentimento di solidarietà umana, letteralmente senz'anima, un tempo si diceva che avevessero venduta l'anima al diavolo x la loro smisurata brama di potere e ricchezza-
in realtà semplici androidi, gusci vuoti, posseduti da reali forze demoniache contro l'uomo, affinchè possano effettuare i loro piani nefandi contro l'umanità-
come "la soluzione finale" di almeno 4 miliardi di terrestri, previsto nei piani del TRILATERL, di cui Rigor Montis è responsabile x l'eUROPA! (fatti e dati ben reperibili in rete)
e pensare che alle prossime "carnevalate", ci potrebbero essere ancora !/3 di italidioti condizionati/ro botizzati che legittimeranno con il voto questi arnesi o simil Gargamelle loro reggi code!
Citazione
 
 
0 #4 ilSocialista 2012-12-30 01:06
un tempo si dominavano i paesi col ferro e col fuoco; oggi col denaro; i mercati si preparano all'assalto finale alle democrazie; del resto Monti anche antropologicame nte Monti incarna a pennello il nuovo potere e la nuova politica; un puro funzionario amministrativo senza alcun slancio lirico e manco emotivo; un direttore di banca prono alle gerarchie; attento ai conti e pronto ad adattarsi come un preciso tassello agli equilbri di ordine superiore; per gli storici del 3000 sarà una vera icona epocale.
Citazione
 
 
0 #3 ilSocialista 2012-12-30 01:05
Si, le solite corporazioni italiane pubbliche e private che si devono incrociare con un nuovo attore storico ben maggiore di loro; la Grande Corporazione della finanza globale; in Italia si ha una svolta storica epocale; proprio per le resistenze delle piccole corporazioni locali, la Grande Corporazione esprime direttamente un candidato presidente del consiglio e cerca di dargli un supporto elettorale; l'Italia è storicamente il ventre molle dell'occidente e laboratorio privilegiato per assetti possibili di potere del XXI secolo; le difficoltà attuali dell'Italia sono le stesse che dopo di lei avranno paesi ben più solidi come gli USA o quelli del nord europa; dopo averli indeboliti, deindustrializz ati, impoveriti, indebitati, impauriti, si potranno proporre uomini di raccordo; procuratori fallimentari delle vecchie superate democrazie occidentali ormai ridottte a gusci vuoti e fragili; docili strumenti nelle mani di poteri globali; ben più nuovi e superiori;
Citazione
 
 
0 #2 franco 2012-12-29 15:06
29 12 2012 ANNO II ERA MASSON BOLSCEVIKA
non è possibile continuare a travisare i fatti della realtà. non siamo all'alba di una terza repubblica ma siamo già degenerati in un tetro, quanto subdolo regime di polizia fiscale masson-bolscevi co, ben + feroce e cruento del precedente fascio savoiardo; che di certo non aveva indotto i tanti sudditi alla disperazione fino al suicidio e privato intere nuove generazioni di ogni speranza di futuro!
non ci sono mistificazioni di collaborazionis ti di regime che possano celare a lungo la verità!
AFFA... TUTTA QUESTA MASNADA DI PARTITI CANAGLIA COMPLICI DI QUESTO GOVERNO FANTOCCIO DI SICARI DELLE MAFIE SIONISTE MASSONICHE, CON LA LORO INSULSA KOSTITUZIONE ROCCO-BOLSCEVIK A, CHE NON CI HA PROTETTO DA QUESTI KRIMINAL-MARAMA DI PAPPONI!
INSULSO LIBERCOLO CHE PUO' ESSERE ACCLAMATO SOLO DA PAPPONI, GUITTI PREZZOLATI E MANUTENGOLI DI REGIME!
Citazione
 
 
0 #1 franco 2012-12-29 14:15
29 12 2012 - II ER MASSON BOLSCEVICA
questa triade riassume il flagello dell'ITAgLIA!
il boiardo dei papponi poteva risparmiarci questo suo governo fantoccio di sicari delle fameliche mafie sioniste massoniche,
dopo il golpe e/o ricatto(?) contro il pur legittimo governo in carica a vantaggio della sua fazione, avrebbe potuto poi, almeno togliere il disturbo, risparmiando ai sudditi altre sciagure!
forse questo, era pretendere troppo da un vetero stalinista!
infatti qualsiasi trota dex...za o zombie sinix...zo, non poteva di certo fare peggio o + danno contro noi sudditi di questi esimi bocconiani della minchia: che sono/sono stati a libro paga delle piovre nel cui abbraccio mortale siamo stati gettati da codesti papponi canaglie!
a tanta infamia istituzional-partitokratika:
DUCE RISORGI!
CHE TI PERDONIAMO!!!
BOICOTTIAMO IL VOTO A TUTTI QUESTI MARAMALDI PAPPONI NELLE PROSSIME 'CARNEVALATE'!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna