Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/04/19 ore

DIRITTI E LIBERTA'

Internet, a Dubai per mettere le mani nella Rete

Al via oggi a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la 2012 World Conference on International Telecommunications (WCIT), appuntamento mondiale di fondamentale importanza per la sorte di Internet.

L'omofobia di Stato nella Russia di Putin

“Il grido che saliva dalle loro città era troppo grande", rivelò Dio ad Abramo prima di distruggere Sodoma e Gomorra. Così, prima che la divina furia decida di abbatterso sull'intero impero putiniano, il prossimo 19 dicembre la Duma, il parlamento russo, deciderà se estendere a livello nazionale la legge che proibisce la peccaminosa “propaganda omosessuale”.

Eutanasia, uno spot per non "morire sconfitto"

La libertà chiama, Gilberto risponde. “Perchè scelgo l'eutanasia: ho 20-40 giorni di vita, il tumore mi sta asciugando, comincerò presto a perdere l'uso degli arti con tutte le relative conseguenze. Considerato che morendo qualche giorno prima non perderei la mia dignità, né proverei vergogna e disagio del mio stato di salute, e soprattutto eviterei di soffrire solo come una cane in mezzo a mille dolori, vi rinnovo la mia disponibilità e il mio interesse verso la vostra campagna”.

Pena di morte, Onu: risoluzione contro esecuzioni legate a identità di genere

Il Terzo Comitato dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che per la prima volta riconosce l'identità di genere come una delle caratteristiche per le quali proteggere le persone da esecuzioni extragiudiziarie. Il Terzo Comitato ha approvato il documento con 108 voti a favore, 65 astenuti, 19 assenti e un solo contrario, l'Iran.

Legge 40, l'estrema difesa di un'ingiustizia

“Un desiderio non costituisce un diritto”, scrivono da Palazzo Chigi per meglio chiarire la decisione del governo italiano di fare ricorso contro la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo che lo scorso 28 agosto ha condannato l'Italia perchè la legge 40 vieta l'accesso alla procreazione assistita e alla diagnosi preimpianto per le coppie fertili ma affette da malattie genetiche.