Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/04/24 ore

POESÌ di Rino Mele. Strazio di Aldo Moro



Il 9 maggio 1978, Aldo Moro è ucciso. In una delle sue ultime lettere, dal carcere che lo devasta, scrive a Elio Rosati, deputato dell'area morotea, con parole che sembrano i riflessi notturni di un incendio: "Tutto quello che farai nei prossimi giorni, con la forza della disperazione (cerca di farlo capire agli altri) è meglio per la D.C. e un salto di salvezza su di un abisso”.

 

Su quei 55 giorni vissuti da Moro in una cella più stretta della sua stessa angoscia, ho pubblicato "Il corpo di Moro", i versi aspri di un poema, nel 2001 (edizioni 10/17). La seconda edizione è con Oèdipus, 2018.

 

Ho scritto, oggi, questi nuovi versi, nell'orrore dell'uccisione di un uomo catturato, un prigioniero.

 

 

 

 

 

RINO MELE

 

 

Strazio di Aldo Moro

 

La mattina del 9 maggio furono così gentili, lui sapeva 

d'essere ucciso, sarebbe tornato

a quel confine cui ripetutamente pensava, come una strada 

che gli precipitava incontro. 

L'avevano cucito con aghi ricurvi

in un'ossessione,  

prendendolo prigioniero, chiuso in un sacco 

come i patricidi prima di gettarli nel Tevere, insieme 

a una scimmia e a un gatto. 

Pensò per un istante alla dolcezza di un paesaggio, 

suo nonno 

che lo teneva per mano sotto un albero, le foglie erano 

le corte spade di una magnolia. 

Lo scesero in una grossa cesta, lo spinsero 

in una Renault rossa, era 

 un lavoro imperfetto che si rompeva: 

tutte quelle morti, gli interrogatori, le lettere scritte, 

le inutili notizie dette al contrario, come un gioco: in cui, 

nascosto 

da un muro, parli e nessuno risponde.

La sua cattura finiva nell'uccisione, lui assisteva, 

li guardava allargare un plaid 

prima di posarglielo sul volto: non volevano 

farsi guardare 

mentre sparavano. Somigliava a una difficile nascita il nero 

spietato di quel morire.

Gli uomini della scorta, uccisi, gli erano rimasti accanto, 

in quell'obliqua primavera 

nella quale sarebbe stato facile salvarlo: ma chi lo cercava, 

con l'altra mano ne cancellava le tracce. 

Bianchi, gli uomini della scorta, uccisi, 

gli erano rimasti accanto.

Quando i brigatisti s'accorsero che non era morto, 

ne ebbero paura, 

gli spararono ancora. Poi, quel girare per Roma, col corpo

nascosto,

da mostrare. Fermarono la Renault rossa a un incrocio politico

di strade, quasi la morte fosse vera

solo nel delirio di un'astrazione, come dadi 

gettati in aria, pensati fermi, che non possono cadere più.

  

_________________________________  

  

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud", ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Dal 2009 dirige la Fondazione di Poesia e Storia. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

 

 

 

Leggi l'intera sequenza di POESÌ