Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

04/12/22 ore

Poesì di Rino Mele. I balconi di Mariupol



Nell'articolo di martedì 22 marzo "Condanna a morte tra le macerie: qui la resa non è un'opzione" di Giampaolo Visetti, inviato in Ucraìna per "Repubblica", possiamo leggere - e sembra una surreale Apocalisse - il messaggio di Nadezda Sukhorukova: " Sono sicura che morirò prima, spero solo che non sia così spaventoso. I cadaveri si mettono al freddo sui balconi: chissà quanti corpi sono esposti davanti alle nostre finestre senza vetri". Continua Giampaolo Visetti: "Il tempo di Mariupol è scaduto: chi va per mare, e chi semina la terra, è già oltre l'attesa: Cinque navi ucraine con migliaia di tonnellate di grano sono state trainate ieri al largo del Mar d'Azov da rimorchiatori russi, come bottino di guerra". 

 

 

 

 

RINO MELE

 

 

I balconi di Mariupol

 

 

I morti li hanno messi sui balconi, al freddo 

della notte,

davanti alle finestre senza vetri,

dovunque sia il respiro 

del vento a contrastare la putrefazione.

Basta un'esplosione a

dilaniare il cuore, il corpo trasformato in tenebra,

i pensieri svaniti nelle parole. Nel deserto 

di Mariupol i vivi 

sono sottoterra, nei rifugi, 

i morti al vento freddo di una finestra.

I carrarmati

sanno di sprofondare

formano pozzi da cui nessuno risale.

Una casa con le radici, come di un grande albero, 

è l'Ucraìna

invasa dai Russi giovedì 24 febbraio

prima dell'alba: si sentono 

le sirene gridare ma non puoi fuggire, 

i palazzi restano nudi 

come chi è morto.

Nel delirio non basta

afferrare una mano con l'altra,

torcerla, legarla

a una corda, trascinarla a una forca,

tirare il proprio corpo in alto, una sagoma 

che il vento spinge, e addolora.

Nemmeno i morti 

vanno via da Mariupol, 

i moribondi formano un lungo tormento. La città 

è vuota, non ci sono più strade, le case 

sono colline di macerie, nel guaito doloroso 

i cani corrono 

a occupare lo spazio. Negli scantinati 

s’ammassano cittadini 

senza volto, prigionieri dei rifugi lungo il fiume 

Kal’mius, respirano 

a stento, chiedono ai bambini 

di non piangere, ai vecchi di non morire. 

I Russi non occupano la città, 

la cancellano, tra poco sulla pianura del Mare d’Azov 

resterà un cratere. 

Non possono ucciderli tutti, 

dove metterebbero quei corpi, e i canti dei bambini 

in quale silenzio nasconderli ? 

La guerra è sempre un disperato genocidio, 

non si combatte per conquistare una città, un villaggio, 

ma per farli dimenticare. 

Uno specchio 

è tenuto stretto 

alle nostre spalle, Uxelloduno resta nella memoria:

nel 52 prima di Cristo, 

con una crudele geometrica guerra faticosa, 

Cesare 

rese romana l'intera Gallia, 

un milione di nemici uccisi, un altro milione 

divenuti schiavi. 

Su un monte circondato da un fiume, Uxelloduno 

resisteva. Cesare, dèvia 

le sorgenti, li costringe alla resa: poi fa tagliare 

le mani che avevano preso le armi 

contro di lui.

Ma, di quei soldati 

fatti a pezzi dopo la resa, arde ancora l’incendio.

 

 

 Poesì di Rino Mele. Terrificante veder morire (Agenzia Radicale)

 

 

__________________________________   

 

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud", ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Dal 2009 dirige la Fondazione di Poesia e Storia. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

 

  

  

Leggi l'intera sequenza di POESÌ