Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/10/20 ore

Manifesti abusivi a Roma: i Radicali bacchettano il 'rottamatore' Renzi



 

 Il problema è, spiega Riccardo Magi, segretario dei Radicali di Roma, che “il candidato alle primarie Renzi, ancora prima di arrivare a Roma, ha fatto sua l'abitudine propria della politica nazionale e romana di fare affissioni illegali e abusive”. I manifesti, in cui campeggia a caratteri cubitali la scritta “Primarie 2012 – Matteo Renzi – Adesso!”, non sarebbero infatti stati timbrati e vidimati dal comune e, di conseguenza, la loro proliferazione per le strade capitoline è avvenuta a costo zero.

 

Nella città che lei amministra è solito fare così? - chiede Magi in una infuocata lettera al primo cittadino fiorentino – E' solito dare affissioni abusice senza pagare le tasse dovute al Comune, coprendo i manifesti di chi ha regolarmente pagato, e imbrattando la città?”.

 

Non ci dica che queste affisioni sono state fatte a sua insaputa o che migliaia di manifesti sono stati rubati la notte scorsa dal suo comitato– rimarca il radicale – Queste sono le scuse usate dai vecchi arnesi della partitocrazia che lei vuole 'rottamare'”.

 

Considerato il danno alle casse comunali, alle imprese che affittano regolarmente gli spazi e, ultimo ma non per questo meno importante, al rispetto della città e dei suoi abitanti, “la 'rottamazione' – scrive in ultimo Magi a Renzi – comincia male”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna