Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

15/07/24 ore

Comprendere l'io attraverso i segni della lingua cinese


  • Anna Mahjar-Barducci

Alcuni antichi caratteri cinesi riflettono aspetti profondi della natura umana, come la naturale inclinazione dell'umanità a distruggere le cose (e a distruggere se stessa).

 

Il pronome cinese per "I" ("我", pronunciato "wǒ"), definito come soggetto che pensa cosciente, è scritto combinando due caratteri: "手" (shǒu – “mano”) e “戈” (gē – a strumento simile a un pugnale); cioè, "I" è raffigurato come una mano che tiene un'arma mortale a lama.

 

Quindi, il carattere cinese per io riflette la nostra innata propensione alla violenza. Dopotutto, come scrisse il drammaturgo americano Robert Ardrey: "Siamo figli di Caino... L'uomo è un predatore il cui istinto naturale è quello di uccidere con un'arma".

 

Tuttavia, affinché io usi un'arma, è necessaria la "disponibilità" (愿意, "yuànyì"). Il secondo carattere di questa parola ("意", yì) è formato combinando il carattere radicale "心" (xīn) (che significa "cuore" - indicando che la parola si riferisce a emozioni e pensieri) con la parola "音" (yīn ), che significa suono. Letteralmente, la parola cinese per "disponibilità" contiene il significato di "suono del cuore".

 

Nella Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2022, Papa Francesco ha parlato dell'importanza dell'ascolto. Ha detto: "C'è una sordità interiore peggiore di quella fisica... L'ascolto riguarda tutta la persona, non solo il senso dell'udito. La vera sede dell'ascolto è il cuore”.

 

L'intenzione e la volontà derivano dal "suono del cuore" che l'io dovrebbe ascoltare per seguire la via morale. Morale in cinese è "德" (dé), e significa "camminare con cuore retto".

 

Quindi l’io ha la libertà (自由, zìyóu, che significa "a causa di sé" e per le proprie decisioni piuttosto che per forze esterne) di scegliere tra usare l'arma e non usarla, cioè scegliere tra il bene e il male.

 

Eppure, pur sapendo cosa è bene, l'io sceglie molto spesso il male, poiché la nostra libertà “自由” (zìyóu) è stata corrotta dal peccato originale e dai peccati personali.

 

Nella Lettera ai Romani (7,14-25), san Paolo descrive questo sentimento: «Poiché ho il desiderio di fare ciò che è giusto, ma non la capacità di farlo. Perché non faccio il bene che voglio, ma il male che non voglio è quello che continuo a fare. Ora, se faccio ciò che non voglio, non sono più io che lo faccio, ma il peccato che abita in me. 

 

Quindi trovo che sia una legge che quando voglio fare il bene, il male è a portata di mano, perché mi diletto nella legge di Dio, nel mio essere interiore, ma vedo nelle mie membra un'altra legge che fa guerra alla legge della mia mente e mi rende prigioniero della legge del peccato che abita nelle mie membra».

 

Questo è il motivo per cui la rappresentazione cinese di Io come una mano che tiene un'arma è una delle migliori rappresentazioni della nostra lotta interiore contro le tentazioni del male.

 

 


Aggiungi commento