Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

13/12/19 ore

Se le parole sono perturbanti


  • Danilo Di Matteo

 

Il video con il quale Silvio Berlusconi ha reagito alla condanna può lasciare perplessi, nel senso forte del termine. Per lui le maggioranze di governo della cosiddetta prima Repubblica – in particolare il “pentapartito” – avrebbero garantito sicurezza e prosperità, pur “con qualche ombra”. Ed egli non avrebbe potuto portare a compimento la “rivoluzione liberale” promessa e iniziata.

 

Il Cavaliere, insomma, ha riproposto la consueta visione di una destra demagogica, conservatrice e in senso lato bigotta pronta a giustificare ogni accadimento in nome del “pericolo comunista” e a giocare con le parole, le frasi e gli slogan (non a caso viene confermata l’intenzione di un ritorno a Forza Italia).

 

Ed è tale “gioco” linguistico, a parer mio, a mostrarsi inquietante. Siamo certo nell’epoca dei “gusci vuoti”: ormai pochi vocaboli riescono davvero a esprimere contenuti autentici e altri sono tutt’al più vagamente allusivi o evocativi. Si pensi ad esempio alla “narrazione” di Nichi Vendola, nutrita da qualche suggestione e da tanti bla bla bla.

 

Ma la retorica berlusconiana va oltre, fino a piegare e capovolgere i fatti, in modo analogo alla “neolingua” indicata da Orwell in 1984. Così anni di illegalità e di soprusi diventano “qualche ombra” e l’inerzia dei governi di centrodestra viene fatta corrispondere a una rivoluzione liberale incompleta.

 

Un formidabile contributo allo iato fra parole e cose.

 

 


Commenti   

 
0 #1 Madonna 2016-04-01 21:16
Appreciate the recommendation. Let me try it out.


Feel free to visit my blog Tamer Uğurluel: https://www.cihan.com.tr/tr/index/tamer-ugurluele
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna