Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/17 ore

La drammatica condizione degli Ahmadi in Pakistan: intervista all'Imam Ataul Wasih Tariq



di Camillo Maffia

(da Voci su Libertà di Religione e Credo)

 

Abbiamo ricevuto la richiesta di aiuto da parte di persone vicine alla comunità Ahmadiyya, che lamentavano la totale mancanza di informazioni sulla persecuzione in atto da tempo contro la comunità. Oltre a darne notizia, abbiamo allertato anche due ONG europee, che hanno ripreso il nostro appello. Il 21 dicembre 2016, finalmente, l’Intergruppo del Parlamento Europeo sulla Libertà di Religione o Credo (FoRB ) ha condannato il raid e la persecuzione della comunità e ha chiesto all’EEAS di intervenire, per proteggere Ahmadiyya, facendo pressione sul governo pakistano. Ci siamo quindi rivolti all'Imam Ataul Wasih Tariq per un'analisi della situazione.

 

Può parlarci della drammatica condizione che la Comunità Ahmadiyya sta affrontando in Pakistan?

 

Dal 1974, quando il secondo emendamento della Costituzione del Pakistan ha dichiarato gli Ahmadi come non-musulmani - e quindi gli Ahmadi sono diventati una minoranza - la situazione è peggiorata. I chierici incitano la loro gente dicendo che chiunque uccida un Ahmadi entrerà in paradiso. Questo è il motivo per cui sono state prese le vite di molti Ahmadi. Il governo non è riuscito a controllare la situazione. La vita in Pakistan per Ahmadi è diventata ancora più difficile dal momento dell'ordinanza XX nel 1984, dove gli Ahmadi non solo sono dichiarati non musulmani, ma non possono neanche comportarsi come musulmani. Abitudini religiose quotidiane, come dire "salaam", o pregare, chiamando l’Adhan, chiamando il luogo di culto "moschea" e la lettura del Corano sono diventati punibile fino a tre anni di carcere per gli Ahmadi. Di recente, il 5 dicembre, il Dipartimento antiterrorismo ha fatto un'incursione armata illegale nella nostra sede di Rabwah e torturato e arrestato 4 Ahmadi. Pochi giorni dopo, una moschea a Dulmial (Chakwal) è stata attaccata da una folla. I rapporti dicono che il loro numero era di circa 2.000 persone, a lanciare pietre contro i pochi Ahmadi che si erano barricati all'interno della moschea. La polizia locale ha promesso agli Ahmadi di uscire in modo sicuro e che alla folla non sarà permesso di entrare nella moschea. Eppure non hanno fermato la folla nell’entrare e distruggere gli arredi ecc. all'interno della moschea. Solo quando l'esercito è arrivato, la folla è stata dispersa, ma, invece di prendere provvedimenti contro gli autori delle violenze, si sono piegati alle richieste della folla e hanno sigillato la moschea. Sulla questione delle moschee Ahmadiyya, dal momento dell’Ordinanza XX (1984) anti-Ahmadi di Zia ad oggi, 27 Ahmadiyya moschee sono state demolite, 33 sigillati dalle autorità, 21 messe a fuoco o danneggiate e 16 occupate con la forza.

 

Qual è la situazione del Pakistan per quanto riguarda la libertà di religione e credo?

 

Le conseguenze devastanti delle cosiddette "leggi sulla blasfemia" in Pakistan non sono un segreto. Le minoranze, come i cristiani e Ahmadi sono discriminati e non protetti. Per lo meno, i cristiani sono autorizzati a chiamarsi quello che credono di essere, Ahmadi non possono definirsi o comportarsi come musulmani. Questo è sancito dal secondo emendamento della Costituzione del Pakistan e dall'ordinanza XX dal dittatore Zia-ul-Haq. 

 

Perché Gli Ahmadi sono perseguitati?

 

L'opposizione è iniziata proprio all'inizio della sua fondazione da Mirza Ghulam Ahmad di Qadian, India (sotto il dominio britannico). Mirza Ghulam Ahmad ha condannato fermamente ogni forma di violenza in nome dell'Islam e ha spiegato che il Profeta Muhammad, dopo tredici anni di forte persecuzione è stato dato il permesso solo di difendere se stesso. Mai alzò la spada per diffondere l'Islam, ma era solo per proteggere la sua mera esistenza.

Questa forte condanna della violenza è costata la vita di due compagni di Mirza Ghulam Ahmad che erano venuti dall'Afghanistan.

Recentemente, quando sempre più chierici islamici hanno rivisto la propria posizione di violenta jihad, la persecuzione è continuata, ma sotto un motivo diverso. Essi sostengono che gli Ahmadi non credono nel Profeta Muhammad come il sigillo e l'ultimo dei profeti. Questo è utilizzato per suscitare le emozioni della folla contro gli Ahmadi, dicendo che noi - che Dio non voglia - abbiamo mancato di rispetto nei confronti del Santo Profeta dell'Islam. Eppure comodamente trascurano il fatto che tutti i musulmani sono anch'essi in attesa di Gesù, che verrà e che sarà un profeta dopo Muhammad, l'unica differenza è che noi Ahmadi crediamo che Gesù non verrà come la persona che ha vissuto 2000 anni fa, ma che questa profezia deve essere capita in modo diverso. Come Gesù è stato un seguace di Mosè, un seguace di Muhammad verrà come il Messia per i musulmani.

 

Può descrivere il credo Ahmadiyya?

 

Gli Ahmadi sono musulmani che credono che Dio è Unico, e Muhammad è il suo messaggero e il sigillo dei profeti. Gli Ahmadi ritengono che il Corano è la parola di Dio, e tutti i suoi insegnamenti sono completi. Gli Ahmadi credono che secondo il Sacro Corano, Gesù è stato salvato dalla morte sulla croce e ha viaggiato per trovare le tribù perdute della casa d'Israele e ha vissuto una vita rispettosa e onorabile fino alla sua morte naturale. Gli Ahmadi credono che Mirza Ghulam Ahmad è venuto nel ruolo di Gesù, come il Messia degli ultimi giorni come profetizzato dal Profeta Muhammad stesso. Gli Ahmadi sono conosciuti in tutto il mondo per uno dei loro motti: "Amore per tutti - Odio per nessuno".

 

La comunità è stata bersaglio di attacchi non solo nei paesi islamici, ma anche in nazioni europee come la Germania, ed è stata dipinta come "setta" in modo non circostanziato. Un commento su questo.

 

L'Ahmadiyya Muslim Jama'at in Germania è la prima comunità musulmana in Germania, che è stata ufficialmente riconosciuta come una società pubblica: questo non sarebbe potuto accadere se le autorità tedesche non avessero studiato a fondo il nostro statuto. Dal momento che è la prima comunità musulmana a trovarsi faccia a faccia con la chiesa e che ha più di 47 moschee visibili in Germania, è naturale che ci siano alcuni gruppi che non possono sopportare il successo di un gruppo musulmano e quindi provano a diffamarlo. Per quanto riguarda l'essere una setta, la comprensione di questo termine varia: di solito la prima cosa che viene in mente è che il gruppo isola i suoi membri dalla società e ha severi ordini interni e segreti.

I membri della Ahmadiyya Jama'at sono conosciuti in tutto il mondo per la loro apertura, i nostri incontri annuali nazionali e internazionali sono visitati da molti non-musulmani, le nostre moschee sono sempre aperte al dialogo e agli incontri amichevoli. Il livello di istruzione tra le donne e gli uomini è più elevato rispetto alla media in tutti gli ambiti della vita. Gli Ahmadi si sono integrati con successo in qualsiasi società in cui vivono. Attualmente sono presenti in più di 200 paesi in tutto il mondo.

 

Com'è la vita di un Ahmadi in Italia, dal punto di vista della libertà di credo e del rapporto con la Società?

 

Per fortuna in Italia godiamo della nostra libertà religiosa e dei diritti. Alcuni Ahmadi sono migrati dal Pakistan in Italia per essere in grado di vivere liberamente secondo la loro religione. In Italia abbiamo molti convertiti provenienti da altri paesi musulmani, come Marocco, Tunisia, Algeria, ecc. dove a loro non era permesso o comunque non erano incoraggiati a informarsi liberamente su Ahmadiyya.

A livello personale, ci sono alcuni atti discriminatori di pakistani in Italia, soprattutto tra quei rifugiati che vivono nei campi, che devono nascondere la loro identità di Ahmadi per non essere vittima di bullismo da parte degli altri pakistani. E' stato segnalato come in alcuni campi gli altri non usino gli stessi piatti utilizzati da un Ahmadi e vengano buttati fuori gli abiti degli Ahmadi, mentre le autorità locali considerano tali questioni come un generale "malinteso" tra i rifugiati.

 

(da Voci su Libertà di Religione e Credo)

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna