Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/05/19 ore

Mani Pulite e i diritti violati, perché gli USA ruppero il legame diretto con Antonio Di Pietro



“Il comportamento di Mani Pulite con la detenzione preventiva violava i diritti basilari degli imputati andando contro i principi cardine del diritto anglosassone”. È quanto disse l’allora giudice della Corte Suprema Scalia, incontrando a Roma "importanti giudici italiani". Lo ha raccontato un mese fa al giornalista Maurizio Molinari l’ex ambasciatore americano a Roma Reginald Bartholomew – morto tre giorni fa - insieme ad altre interessanti rivelazioni sul cambio di rotta USA nei confronti dell’operazione Tangentopoli, dopo l’iniziale “legame diretto” con il Pool di Milano.

 

Di seguito riportiamo alcuni passi significativi del racconto pubblicato nella sua versione integrale su lastampa.it

 


 

di Maurizio Molinari

 

Bartholomew venne così catapultato nell’Italia del precario governo di Giuliano Amato sostenuto dagli esangui Dc, Psi, Psdi e Pli, con Oscar Luigi Scalfaro arrivato al Quirinale sulla scia della strage di Capaci, il Pds di Achille Occhetto in ascesa e Silvio Berlusconi impegnato a progettare la discesa in campo.

 

«Ma soprattutto quella era la stagione di Mani Pulite - dice Bartholomew -, un pool di magistrati di Milano che nell’intento di combattere la corruzione politica dilagante era andato ben oltre, violando sistematicamente i diritti di difesa degli imputati in maniera inaccettabile in una democrazia come l’Italia, a cui ogni americano si sente legato»….

 

Indagini giudiziarie, arresti di politici «presero subito il sopravvento sul resto del lavoro, perché la classe politica si stava sgretolando ponendo rischi per la stabilità di un alleato strategico nel bel mezzo del Mediterraneo», ed è in questa cornice che Bartholomew si accorge che qualcosa nel Consolato a Milano «non quadrava»….

 

…Se fino a quel momento il predecessore Peter Secchia aveva consentito al Consolato di Milano di gestire un legame diretto con il pool di Mani Pulite, «d’ora in avanti tutto ciò con me cessò», riportando le decisioni in Via Veneto.

 

Fra le iniziative che Bartholomew prese ci fu «quella di far venire a Villa Taverna il giudice della Corte Suprema Antonino Scalia, sfruttando una sua visita in Italia, per fargli incontrare sette importanti giudici italiani e spingerli a confrontarsi con la violazione dei diritti di difesa da parte di Mani Pulite»

 

Bartholomew non fa i nomi dei giudici italiani presenti a quell’incontro nella residenza romana, ma ricorda bene che «nessuno obiettò quando Scalia disse che il comportamento di Mani Pulite con la detenzione preventiva violava i diritti basilari degli imputati», andando contro «i principi cardine del diritto anglosassone»….

 

…A conti fatti, guardando indietro a quella fase storica, Bartholomew rivendica il merito di aver rimesso sui binari della politica il rapporto fra Washington e l’Italia, dirottato dal legame troppo stretto fra il Consolato di Milano e Mani Pulite, identificando in D’Alema e Berlusconi due leader che negli anni seguenti si sarebbero rivelati in più occasioni molto importanti per la tutela degli interessi americani nello scacchiere del Mediterraneo.


Commenti   

 
0 #1 Maurizio Navarra 2012-08-30 10:29
Memoria corta? Ma questo atteggiamento degli USA nei confronti di Di Pietro & giudici di mani pulite non era già noto??
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna