Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/10/21 ore

È tempo di liberare i palestinesi da Hamas e dall’Iran, di Ali Al Nuaimi (da Newsweek)



di Ali Al Nuaimi *

(da Newsweek)

 

Lo scorso agosto siamo entrati in una nuova era: 70 anni di stallo sono stati scambiati per un'era di maggiore convivenza. La firma degli Accordi di Abramo tra gli Emirati Arabi Uniti e Israele che ho aiutato a mediare è stata una mossa audace e coraggiosa che ha promesso di fare finalmente progressi dove tutto il resto aveva fallito.

 

Dopo il recente conflitto con Gaza, però, molti pensavano che gli Accordi di Abramo fossero morti. Dov'era la pace promessa, con i razzi che volavano?

 

A questi scettici, direi, guardate il quadro più ampio. Gli accordi di Abraham non riguardano il futuro degli Emirati e di Israele, ma il futuro dell'intera regione. La verità è che il conflitto in Medio Oriente non è tra israeliani e palestinesi, ma tra Israele e Iran. Chiediti chi trae vantaggio da questo conflitto? I diritti e le speranze del popolo palestinese sono stati dirottati da Hamas per servire un'agenda iraniana.

 

Quando la leadership degli Emirati Arabi Uniti ha deciso di andare avanti con gli accordi di Abraham, è stato fatto con una visione strategica non solo per gli Emirati Arabi Uniti ma per l'intera regione. Gli scettici pensavano che l'accordo fosse legato all'amministrazione Trump, come se potesse semplicemente svanire con la nuova amministrazione. Ma non si torna indietro. Andiamo avanti a tutta velocità e abbiamo già visto il valore aggiunto di avere tali iniziative, non solo per gli Emirati Arabi Uniti e Israele, ma per l'intera regione.

 

Dall'annuncio degli Accordi di Abramo, abbiamo visto che possiamo costruire ponti di fiducia e rispetto. Noi negli Emirati Arabi Uniti avevamo posto le basi; avevamo già cambiato il sistema educativo e la narrativa delle figure religiose, preparando la nostra gente alla via della pace.

 

Ma non si tratta solo di noi. La gente della regione desidera ardentemente il cambiamento, non ultimo il popolo palestinese, che è alla disperata ricerca di nuovi leader, leader che possano andare oltre un regime rigido con un'agenda che abusa delle stesse persone che governa.

 

Perché ciò accada, dobbiamo anche combattere la guerra di propaganda, quella che gli israeliani hanno perso in quest'ultimo round di combattimenti tra Israele e Hamas. Ho visto narrazioni provenienti non solo dal Medio Oriente ma anche dall'Occidente, che ha rappresentato un cambiamento. Uno dei più grandi errori in questa narrazione, che ho visto ripetuto più e più volte nei media, è stato il modo in cui parlano di Gaza come se fosse occupata dagli israeliani. Non lo è: è occupato da Hamas. E il popolo palestinese a Gaza sta soffrendo a causa di Hamas, non degli israeliani.

 

Sfortunatamente, sebbene la propaganda di Hamas e dell'Iran non sia vera, per il mondo ora è dominante.

 

Tuttavia, c'è motivo di sperare. Vent'anni fa, la causa palestinese era la priorità numero uno nella regione. Ora, le persone nel Golfo vedono le cose in modo diverso. Ci interessa ancora. Sosteniamo ancora, sosteniamo i palestinesi. Crediamo nella soluzione dei due Stati. Ma la gente nel Golfo non crede più che questo debba andare a scapito del nostro interesse nazionale. Molti attivisti hanno risposto ai media e ai post sui social media influenzati da Hamas e Jihad per dire che ci preoccupiamo per i palestinesi, ma non ci interessano queste organizzazioni terroristiche.

 

Quello che il pubblico non capisce è chi c'è dietro così tanto dei media che leggono, chi sta finanziando questa narrativa sbagliata, che serve solo a proteggere Hamas e, in definitiva, l'Iran.

 

Questo conflitto passato con Gaza dovrebbe essere l'ultima guerra. Dovremmo imparare tutti a parlare una lingua: la lingua della pace. Ora è il momento non solo di parlare, ma per tutti noi di percorrere la strada.

 

Hamas e la leadership palestinese hanno dirottato le menti di 2 milioni di palestinesi per vendere i loro programmi politici e terroristici. Vogliamo che il popolo palestinese goda di ciò che ci piace, che abbia ciò che abbiamo e crei un futuro migliore per una nuova generazione. Ma dobbiamo farlo insieme, con tutte le parti interessate nella regione, dalle ONG alle scuole, ai leader religiosi e ai governi. Non possiamo farlo da soli.

 

(*) Il dott. Ali al Nuaimi è presidente del Comitato per gli Affari della Difesa, l’Interno e le Relazioni Estere del Consiglio Nazionale Federale degli Emirati Arabi Uniti, una legislatura rappresentativa i cui 40 membri, metà eletti indirettamente e metà nominati, svolgono un ruolo consultivo per la leadership degli emirati

 

Le opinioni in questo articolo sono di chi scrive.

 

(da Newsweek)

 

 


Aggiungi commento