Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/07/17 ore

Voucher, la parabola di una sinistra sempre perdente



Una battaglia sbagliata non soltanto per i suoi principi, ma anche perché è combattuta dalle persone sbagliate. Stiamo parlando dei Voucher, la cui vicenda può ascriversi al classico caso di scuola a proposito dei motivi per cui la sinistra italiana resta inesorabilmente perdente. Ne scrive Davide De Luca, in una articolo sul post.it che proponiamo nella nostra Rassegna.

 


 

I voucher sono il motivo per cui la sinistra perde

di Davide De Luca

 

Nell’ultima settimana, MDP, il partito guidato da Roberto Speranza di cui fanno parte i dirigenti usciti dal PD, come Pierluigi Bersani e Massimo D’Alema, ha minacciato di far cadere il governo se saranno reintrodotti i voucher. Si tratta dei buoni lavoro, cancellati lo scorso marzo per prevenire il referendum sulla loro abolizione proposto dalla CGIL. Anche la sinistra interna al PD ha detto di essere contraria al loro ripristino, così come i sindacati e tutte le altre forze di sinistra più o meno radicale.

 

Lo scontro in corso è una straordinaria parabola che spiega perché la sinistra-sinistra in Italia continui a perdere. I voucher sono uno strumento che, in un modo o nell’altro, esiste in molti altri paesi europei. In Germania, ad esempio, esistono i “mini-job”, in Belgio i “titres de services”. Voucher e loro equivalenti servono a dare ai datori di lavori uno strumento flessibile per pagare prestazioni di lavoro occasionale. In tutti i paesi che li adottano esistono limiti più o meno stringenti per assicurarsi che vengano utilizzati solo per lo scopo per cui sono stati pensati e non vengano abusati.

 

In Italia i voucher sono stati introdotti per la prima volta nel 2003, come parte del pacchetto Biagi, un’iniziativa appoggiata da numerose forze parlamentari. All’epoca della loro introduzione, i limiti al loro utilizzo erano molto stringenti, ma con il tempo le regole sono state rese meno rigide. Con la riforma Fornero del 2012, i voucher furono quasi completamente liberalizzati. Tra il 2012 e il 2015 i voucher venduti sono cresciuti di circa cinque volte. Ci sono almeno due ragioni che spiegano questo aumento: erano semplicissimi da acquistare e utilizzare (bastava andare in tabaccheria per comprare un tagliando dell’importo desiderato) ed erano economici, soltanto 2,5 euro su dieci andavano in tasse e contributi, il resto era tutto stipendio del lavoratore.

 

Diminuire le regole sull’uso dei voucher nel corso degli anni ha probabilmente avuto l’effetto di aumentarne gli abusi, ma dipingere i voucher come la causa principale del precariato è sbagliato. Per prima cosa sono un fenomeno circoscritto. In Italia si lavorano ogni anno 43 miliardi di ore, di cui appena lo 0,3 per cento sono retribuite tramite voucher. In media, nel 2015, ogni percettore di voucher ha guadagnato 500 euro netti. Come ha scritto sul sito Adapt Giuliano Cazzola, si tratta di «una dimensione quantitativa palesemente coerente con il ricorso ai “lavoretti” e alle prestazioni occasionali».

 

Ma invece di chiedere una correzione della riforma Fornero, di ripristinare qualche limite, come ad esempio il divieto di utilizzarli in alcuni tipi di imprese, sindacati, sinistra PD e sinistra radicale hanno chiesto prima la loro completa abolizione tramite un referendum e oggi pretendono che il loro utilizzo sia limitato solo alle famiglie. È un caso da manuale di lancio del bambino con l’acqua sporca.

 

Eliminare completamente i voucher, invece di correggerli, lascia a imprese e lavoratori soltanto due scelte: interrompere il rapporto di lavoro o tornare a lavorare in nero. Non è vero, come si sente dire spesso, che nella legislazione italiana ci sono già oggi strumenti sostitutivi dei voucher. Al posto dei buoni lavoro si possono usare soltanto contratti complicati e molto costosi in termini di tasse.

 

Ma questa non è soltanto una battaglia sbagliata per i suoi principi: è una battaglia sbagliata anche perché è combattuta dalle persone sbagliate. Leader come Bersani e D’Alema sono gli stessi che votarono la liberalizzazione della Fornero nel 2012. La CGIL che vuole abolirli è lo stesso sindacato che ha assistito senza protestare a quasi 15 anni di liberalizzazioni e, colmo dell’ironia, ha usato spesso i voucher per pagare i suoi dipendenti.

 

Questa è soltanto una delle innumerevoli incoerenze politiche dell’attuale sinistra, di quella all’interno del PD e di gran parte di quella che sta al di fuori...

 

- prosegui la lettura su ilpost.it

 

 


Commenti   

 
0 #4 Justin 2017-07-06 01:15
Hi fellas! Who wants to chat with me? I'm live at HotBabesCams.co m, we can chat, you can watch me live for free, my nickname is Anemonalove: https://3.bp.blogspot.com/-u5pGYuGNsSo/WVixiO8RBUI/AAAAAAAAAFA/JWa2LHHFI2AkHParQa3fwwHhVijolmq8QCLcBGAs/s1600/hottest%2Bwebcam%2Bgirl%2B-%2BAnemonalove.jpg , here is my photo:

https://3.bp.blogspot.com/-u5pGYuGNsSo/WVixiO8RBUI/AAAAAAAAAFA/JWa2LHHFI2AkHParQa3fwwHhVijolmq8QCLcBGAs/s1600/hottest%2Bwebcam%2Bgirl%2B-%2BAnemonalove.jpg
Citazione
 
 
0 #3 IlSocialista 2017-05-29 23:58
la consapevolezza delle semplicità ed evidenza di questi processi sociali elementari un tempo era diffusa e appariva scontatata; oggi la memoria se ne è perduta in un processo di sclerosi e restringimento di campo che si è perpetrato o meglio è stato perpetrato; talchè ti viene da pensare a quando l'oblio culturale delle tabelline
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2017-05-29 23:52
il lavoro precarizzato e malpagato di massa è il vero cancro di una ideologia fanatica che non cura da un pezzo per niente uno straccio di piena occupazione VERA, non tappabuchi; ora puoi pure dire che la cosa è necessaria e inderogabile dati i tempi difficili, molto duri e magari palmarmente di merda; però quando pretendi pure di spacciarla come un sentiero luminoso di progresso, è difficile pensare che i posteri fra trecento anni non giudichino con notevole severità il livello intellettivo ed i processi cerebrali di questi tempi disgraziati e dissociati, toccandone con mano il totale dissesto ideologico; perchè non è solo la sinistra che perde, ma è tutta la società, che non solo casca nel ridicolo, ma ben peggio si squilibra e scricchiola, e nel deserto ideale e cognitivo trova sfogo esclusivo e prevedibilissim o nel populismo
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-05-29 23:41
ma, sai i lavoretti possono fare comodo; però quando la cosa esplode ed hai masse di persone che hanno la sola prospettiva dei lavoretti vita natural durante, non devi avere una laurea in scienze politiche con 110 e lode + master per capire che le cose non possono andare; è sempre molto difficile vendere una ciofeca come se fosse una maserati, anche mettendoci tutte le strategie di comunicazione del mondo; il paradosso poi è che spesso hai magari dei giornalisti, che sono spesso fra le prime vittime della ciofeca, che sono indotti a decantare la ciofeca di cui soffrono; quando si ama la zappa che casca sul piede e si raggiungono i vertici più grotteschi e patologici del paradosso che assurge giustamemte alla sindrome di Stoccolma;
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna