Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/05/24 ore

Costituzione art. 49, PD, crisi partiti: conversazione di Giuseppe Rippa con Gianpaolo Catanzariti



Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”. Così recita l’articolo 49 della Costituzione che stabilisce il diritto di tutti i cittadini a costituire un partito politico.

 

La specificità di questo articolo è nella definizione della più ampia libertà di associazione enunciata già dall’articolo 18 e nella esplicita menzione del fatto che i partiti sono ammessi solo laddove abbiano metodi democratici.

 

Una chiara sottolineatura del divieto alla ricomposizione del partito fascista e che la partecipazione dei cittadini alla vita politica del Paese avvenga con metodo democratico ossia si svolga senza violenza o pressioni di alcun genere …

 

Proprio partendo dall’articolo 49 il direttore di Quaderni Radicali e di Agenzia Radicale Giuseppe Rippa e l’avvocato Gianpaolo Catanzariti ripercorrono nella conversazione che segue la parabola della crisi dei partiti o di quello che resta di essi. 

 

“Ribdisco - scriveva Marco Pannella - che gli abituali organizzatori ‘democratici’, struttura parapubblica che ha ‘ereditato’ averi, patrimoni, privilegi e strumenti, forza monopolistica …, ha per ben oltre mezzo secolo (siamo a più di 25 anni fa ndr) impedito il manifestarsi di massa e opinione a favore dei massimi obiettivi di Riforme istituzionali e sociali: quelli della Giustizia e dell’informazione”.

 

Gli eventi degli ultimi anni - scrivevamo di Quaderni Radicali nel luglio del 2010 - hanno segnato una paradossale situazione: l’oligarchia dei partiti, sostanzialmente incrinata, è stata sostituita direttamente dai soggetti finanziari, dalle corporazioni fattesi strutture politiche, che hanno radicato i pericoli immensi che nella società italiana si sono consolidati subendo tale realtà…

 


 

Costituzione art. 49, PD, crisi partiti: conversazione di Giuseppe Rippa con Gianpaolo Catanzariti

 (Agenzia Radicale Video)

 

 


Aggiungi commento