Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/05/18 ore

Governo neutrale, Di Maio-Salvini: il finale di commedia



Ce l'hanno messa tutta, loro. C'hanno provato, dicono. Ma non c'è stato nulla da fare, lamentano. Luigi Di Maio e Matteo Salvini si sono quindi trovati concordi sullo sbocco finale: campagna elettorale.

 

Entrambi, mentre il terzo giro di consultazioni erano ancora in corso, hanno iniziato la propaganda,  con i soliti mantra, decantando la bontà del proprio agire, scaricando la responsabilità su chi, dai rispettivi punti di vista, ha provocato lo stallo.

 

Pertanto, il no netto al governo neutrale e di servizio fino a dicembre, proposto, forse un po' velleitariamente, dal presidente della Repubblica, si è rivelato cosa scontata. Meglio invece il voto. Prima possibile. D'estate. Con la stessa vituperata legge elettorale. Quella che avrebbe avuto, secondo Beppe Grillo, solo lo scopo di impedire il governo dei 5 stelle, ma che adesso va più che bene per fare il cosiddetto “ballottaggio”, dando per certa la polarizzazione delle preferenze verso i due presunti vincitori del 4 marzo.

 

Di Maio ne è convinto e lo ha ribadito, mettendo in guardia chi si illude sul calo dei consensi grillini, sulla scia di quanto accaduto in Molise e Friuli Venezia Giulia. Come ha detto l'ex candidato premier, uscendo dal colloquio col Presidente Mattarella, “sarà come al solito una sorpresa la fiducia che ci verrà tributata”.

 

La stessa fiducia in cui conta dall'altro versante Salvini, forse con qualche cognizione di causa in più. Le vittime designate dovrebbe essere Berlusconi e quel che resta del Pd.

 

Chissà in che misura i loro conti torneranno. (red.)

 

 


Commenti   

 
0 #3 gionna 2018-05-13 11:48
Buongiorno
per qualsiasi necessità di prestito o di finanziamento di progetto volete contattare questa signora MANECCHI che potrà aiutarli

Citazione
 
 
0 #2 ilSolicalista 2018-05-08 14:29
questo dovrebbe bastare a far capire ai nostalgici di un non meglio precisato utopico stato anarchico che l'anarchia non è mai esistita nè potrà mai esistere; all'indebolirsi di un potere ha sempre corrisposto la rivendicazione di qualcun altro per impossessarsene .
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialsita 2018-05-08 14:22
a pochi chilometri dalla commedia politica se ne svolge un'altra, quella del potere dei Casamonica, che rivendicano un diritto che non è quello dello Stato, ma quello del "qua commanamo noi"; lo stato di diritto non sempre è quello dello stato, ma in certe parti può essere un potere informale e di un diritto informale.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna