Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/11/18 ore

Politica e Informazione, il costo pubblico della “marchetta”


  • Antonio Marulo

Negli ambienti giornalistici sono genericamente note come marchetteQuella però in uso nella Regione Emilia Romagna è un po’ diversa, fatta con tutti i crismi dell’ufficialità e tanto di fattura: il politico di turno conclude un accordo con un’emittente televisiva locale per una “comparsata” in un talk show o per un’intervista, in cambio paga una somma di denaro regolarmente registrata, secondo un tariffario ben definito.

 

Il tutto è fatto rigorosamente con soldi pubblici: precisamente attingendo a un fondo speciale della regione, destinato apposta per le attività che genericamente possiamo definire di pubbliche relazioni politiche dei consiglieri regionali in proporzione alla rappresentanza del gruppo parlamentare di appartenenza.

 

In teoria, ce ne sarebbe abbastanza per alimentare le denunce dei privilegi delle caste italiane da parte dei demagoghi in servizio permanente effettivo. In pratica, lo “scandalo” sembra finora abbastanza circoscritto, complice probabilmente il solleone ferragostano o forse il fatto che fra i protagonisti di questo mercato delle ospitate tv ci sia, fra gli altri, anche un grillino d.o.c. del Movimento lussuosamente definito a 5 stelle, in prima linea sul fronte dell'antipolitica: tale consigliere Giovanni Favia. Questi non si nasconde, anzi rivendica con fiero cipiglio la sua scelta, perché “l’informazione non è libera, continuerò a pagare per andare in tv”. 

 

In attesa di sapere cosa ne pensi Beppe Grillo, non è proprio dello stesso avviso "l'Associazione dei giornalisti dell’Emilia Romagna che, preoccupata per le sorti della categoria, si è subito mobilitata esprimendo l’indignazione di rito: “per i comportamenti irrispettosi dei vincoli deontologici e contrattuali tenuti da giornalisti radiotelevisivi del nostro territorio che, secondo quanto riportato da organi di stampa, si sarebbero prestati a fare interviste a pagamento e a ospitare, in contenitori giornalistici come la rassegna stampa, esponenti politici dietro corresponsione di denaro".

 

Dopodiché è scattato l’invito/esortazione all’Ordine per la consueta e succosa “inchiesta su di un sistema che, se confermato, non può essere definito solo un malcostume in quanto mina le basi della nostra professione, la deontologia, la credibilità del nostro lavoro nei confronti del pubblico".

 

Come se tutto ciò non sia già avvenuto, e non certo per le interviste a pagamento.


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-08-15 10:27
SOLO LA CONOSCENZA DELLA VERITA' RENDE LIBERI!
sono ben altre le cause che minano la credibilità dI detta casta, in particolare del porcile RAI, intruppati nel loro ordine fascio-savoiard o dei giornalisti; contraddistinti dalla sistematica manipolazione della verità e la loro piaggeria verso il potere partokratiko a delinquere che li foraggia e al quale sono asserviti!
l'unico merito di molti di questi pennivendoli di regime è la loro ottusità nel riportare fedelmente le veline delle segreterie dei partiti; almeno non sputano trogoli dove mangiano, come codesta cricca di reggi code radicale!
è giunta l'ora di una totale epurazione di tutte queste caste di malaffare che stanno sprofondando il paese; riscattiamo la nostra dignità di uomini liberi e coscienti e la svenduta sovranità nazio-monetaria:
SOVRANITA' CHE APPARTIENE AL POPOLO NON AI BURATTINAI BCE, LERCI PAQPPONI BURATTINI E LORO SERVI!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna