Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/11/18 ore

Lega, 49 milioni di euro in 76 anni di comode rate



Per quella data il “Capitano” della Lega avrà spento 120 candeline circa (sempre se avrà seguito i consigli di Berlusconi sull'elisir di lunga vita) e il riscaldamento globale avrà avuto forse i suoi effetti negativi - anche se non possiamo prevedere in quale misura - sulla vivibilità del pianeta, sul livello dei mari, sulla sparizione o meno di chilometri e chilometri di costa... per non parlare della possibile estinzione di tante specie animali.

 

Per esempio, chissà se la gazzella dormirà sonni tranquilli o al risveglio sarà ancora costretta a correre più forte del Leone. Ma non finisce qui. Sempre per quella data, non possiamo essere certi dell'esistenza dell'Unione Europea o della permanenza dell'Italia nell'Euro. Tanto meno possiamo immaginare oggi come saremo messi con i migranti e se il mediterraneo sarà ancora crocevia di traffici umani.

 

Si tratta infatti di interrogativi, che insieme a tanti altri, non possono trovare risposta. In compenso una cosa la possiamo già dare per sicura: la Lega di Salvini avrà terminato di rimborsare i 49milioni di euro di cui si ignora il destino, in relazione al sequestro preventivo dei beni del partito.

 

Questo grazie a un piano di rientro in comode rate da 100mila euro a bimestre per complessivi 76 anni. Lo prevede un accordo tra Lega e la procura di Genova su istanza dei legali del Carroccio. Altro che "pace fiscale"... (red.)

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna