Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/04/18 ore

Berlusconi, un partito a sua immagine



Pare che sull'orientamento della terza età si giochi l'esito del prossimo voto. Ce lo suggerisce Berlusconi in questi giorni di martellamento a beneficio delle generazioni più in là con gli anni.

 

E visto che stiamo al cospetto di un comprovato fuoriclasse delle campagne elettorali, forse la cosa va presa sul serio. Del resto, l'Italia è tra le nazioni più longeve e la questione anziani occuperà indubbiamente l'ordine del giorno del nostro futuro.

 

Conscio poi delle difficoltà di entrare in sintonia con gli elettori più giovani – già sedotti dalla propaganda grillina – l'immarcescibile leader di Forza Italia fa bene a coltivare un antico feeling coi i suoi attuali coetanei. Ma qui non si tratta tanto dei mille euro di pensione minima o del ministero ad hoc per la terza età. Sono queste promesse che chiunque potrebbe intestarsi, un po' come succede con la lotta agli sprechi o all'evasione.

 

La vera svolta sta altrove. Se in passato a fare la differenza furono il “milione di posti di lavoro” e tante altre fantasmagoriche cose "per tutti", ora è tempo delle forti suggestioni sull'elisir di lunga vinta. Fino a 120 anni, secondo alcuni studi dell’Università e dell’ospedale San Raffaele promossi dallo stesso Berlusconi. L'obiettivo sarebbe a portata di mano, dice. Nell'attesa, ecco fatto il partito a sua immagine. Qualcuno direbbe,  senza offesa, per vecchi. (A.M.)

 

 

 

 

 

 

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna