Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/11/17 ore

Di Maio/Renzi, tra i duellanti c'è il povero Floris



Matteo Renzi non poteva credere a tanta grazia ricevuta. Perché tra le poche cose certe prima del voto in Sicilia c'era l'imminente tracollo del Partito democratico. Per questo il cosiddetto duello televisivo con Di Maio costituiva l'occasione irripetibile per uscire dall'angolo mediatico in cui sarebbe di qui a qualche giorno finito.

 

Questo banale ragionamento probabilmente è stato fatto tardivamente anche dallo staff del M5S, che tuttavia ha preferito attendere l'esito del voto siciliano, prima di imporre la maldestra retromarcia al proprio candidato premier. Con la vittoria di Cancelleri si sarebbe infatti potuto comunque maramaldeggiare. Ma visto che le cose sono andate diversamente, il confronto richiesto e ottenuto rischiava di trasformarsi in una sfida improduttiva tra due perdenti di successo.

 

Di Maio ha così cambiato idea, in modo che il ridicolo, a cui ormai siamo abituati, potesse prendere il sopravvento, come stanno a testimoniare anche il botta e risposta tra i due contendenti a mezzo Facebook.

 

Ma i responsabili della comunicazione grillina, non contenti del pasticcio, pare che abbiano provato a mettere una toppa peggiore del buco con la proposta di un confronto - questa volta indiretto - tra il leader del Pd e il tribuno della plebe Di Battista, ovviamente da svolgersi sempre nel corso del programma preferito condotto da Giovanni Floris.

 

Quest'ultimo nemmeno esce benissimo dall'ennesimo teatrino mediatico. Dopo aver meritato sul campo (basta guardare DiMartedì per averne contezza) il bollino di garanzia del grillismo con relativo “sputtanamento”, si è visto privato inaspettatamente dello spettacolo. Per di più, al danno si è aggiunta per lui la beffa: oltre a scegliere tv, ora e programma del duello poi cancellato, lo staff pentastellato ha tentato di dettare una scaletta alternativa, con tanto di tempi, modi e nuovo partecipante...

 

Floris, per il bene della professione, ci aspettiamo uno scatto d'orgoglio! (A.M.)