Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/07/17 ore

Ricostruzione all'amatriciana



Contro il “turismo del dolore”, grazie, “No selfie”. Ad Amatrice l'invito del sindaco Pirozzi è stato accorato: "Continuate a volerci bene - ha scritto sul suo profilo Facebook - e rispettare il nostro dolore. Amatrice è forte...".

 

Nonostante tutto c'è da dire. E il tutto, di fatto, è il nulla. Perché nonostante le dichiarazioni di intento a caldo, i soliti buoni propositi e i “mai più come prima” elargiti a buon mercato, il post terremoto segna il passo lento, lentissimo, che ben conosciamo dalla storia italica.

 

Come racconta 'la Repubblica' – a quasi un anno dalla tragedia – il tempo sembra si sia fermato. Oltre l'occhio, anche i dati stanno a testimoniarlo: il 92 per cento delle macerie resta lì, a terra; il 92 per cento delle casette di legno risultano non consegnate.

 

Intrappolata nel caos dalla burocrazia, dal circolo vizioso di farraginose procedure di assegnazione, dalla solita giostra su appalti e subappalti, la ricostruzione nelle zone dell'appenino centrale colpite dal sisma a più riprese è praticamente ferma al palo. Tant'è che mai come questa volta quel modo di dire utilizzato per sbeffeggiare qualcuno o qualcosa - all'amitriciana, appunto - acquista, beffardo, un senso tristemente proprio. (A.M.)