Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/08/17 ore

Boschi, memoria di Ferruccio



La sua storia parla chiaro, di Poteri forti (o quasi) ne sa qualcosa. Se non altro per aver avuto l’onore e l’onere di alternarsi con Paolo Mieli per ben due volte alla direzione del 'Corriere della Sera', con sosta ai box di Confindustria per dirigere 'Il Sole24Ore'. A 63 anni, Ferruccio De Bortoli ha deciso così di scrivere le sue “memorie di oltre quarant'anni di giornalismo”, nel corso dei quali vanta trascorsi antiberlusconiani prima, e anti-renziani poi.

 

Lo spot che oggi lancia l’uscita l’11 maggio del libro è tutto un programma:

 

"l'allora ministra delle Riforme – scrive De Bortoli in un passo diffuso per l'occasione -, nel 2015, non ebbe problemi a rivolgersi direttamente all'amministratore delegato di Unicredit. Maria Elena Boschi chiese quindi a Federico Ghizzoni di valutare una possibile acquisizione di Banca Etruria. La domanda era inusuale da parte di un membro del governo all'amministratore delegato di una banca quotata. Ghizzoni, comunque, incaricò un suo collaboratore di fare le opportune valutazioni patrimoniali, poi decise di lasciar perdere".

 

Sulla polpetta avvelenata si sono subito catapultati, con il rivolo di bava, i 5 Stelle. Su questi De Bortoli una volta ammise, fra l'altro: "pensavo fossero destinati a sparire e invece stanno conoscendo una seconda giovinezza. Con in più che si intravede una classe dirigente". E se la vede lui.

 

(A.M.)