Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/04/24 ore

Chi crede ad Hamas difensore dei palestinesi? Ecco la carta del movimento terroristico che vuole lo sterminio di tutti gli ebrei



Io, arabo e musulmano di nascita, cultura ed educazione tradizionale marocchina, non riesco a trovare le parole per dire quanto sono inorridito da ciò che i militanti di Hamas hanno fatto agli ebrei - scrive su Le Point Tahar Ben Jelloun -. La brutalità, quando colpisce donne e bambini, diventa barbarica e non ha scuse né giustificazioni… La causa palestinese è morta il 7 ottobre 2023, assassinata da elementi fanatici, impantanati in un’ideologia islamista della peggiore specie.

 

Eppure sono in tanti, anche in Italia che scendono nelle piazze e inneggiano ad Hamas confondendo questo gruppo terrorista con i palestinesi. 

 

Com’è stato possibile - scrivevamo su Agenzia Radicale - che le piazze abbiano accolto cortei di giovani liceali inneggianti ai terroristi di Hamas, responsabili dei massacri in Israele di sabato 7 ottobre? È una domanda che la politica italiana dovrebbe porsi, chiedendosi al contempo quando ha cominciato a manifestarsi una tale devastazione della logica e cosa l’abbia davvero determinata…”.

 

L’incapacità di segnare un discrimine netto rispetto alla barbarie al pari delle ingannevoli e superficiali comparazioni tra le violenze in atto, prodotto di cavillosità ipocrite per celare una irriducibile faziosità ideologica, sono l’esito di un lungo processo.

 

Ogni guerra è un orrore. Per chi come noi è nonviolento, e molti sono obiettori di coscienza, il senso di angoscia e sconforto è ancora più grande. Ma il metodo nonviolento ha il coraggio di confrontarsi con la realtà, con ciò che accade… La comunicazione migliore deve essere chiara, onesta, corretta. É necessario quando si comunica che le parole siano accurate, che è una differenza profonda, sostanziale rispetto al metodo militarizzato che la comunicazione e i gruppi che la stessa esalta usa, basandosi sula menzogna, sull’adesione acritica all’ordine che il mainstream detta.

 

Sorge allora la domanda: ma veramente qualcuno crede che una organizzazione terroristica rappresenti la domanda, i bisogni e in desideri dei palestinesi? 

 

Quella che segue è la trascizione della Carta di Hamas, tradotta dall’arabo in inglese dal MEMRI - Middle East Media Research Institute, nel 2006 (in italiano da A.R.). Si tratta di un documento essenziale per comprendere le radici di tanta barbarie e a chiarire la complessa trama del conflitto tra israeliani e palestinesi; dove emergono le radici profonde che pochi conoscono e che non si vuole che vengano conosciute.

 

  

*************

 

 

Archivio: la Carta di Hamas

un documento religioso antisemita che invita a una Jihad senza compromessi contro gli ebrei

 

 

La Carta del Movimento di Resistenza Islamico Hamas è un documento religioso e antisemita che chiede una guerra senza compromessi contro gli ebrei fino al Giorno del Giudizio e rifiuta la cessione anche di un solo centimetro della terra di Palestina. Dichiara che l’unico modo valido per liberare la Palestina è condurre la jihad contro Israele fino a ottenere la vittoria o la morte, e proclama che questo è un dovere religioso che incombe su ogni singolo uomo o donna musulmana.

 

Citando esplicitamente i Protocolli dei Savi Savi di Sion, la Carta descrive gli ebrei come un nemico che controlla il mondo e che, per secoli, ha cercato di minare tutti i valori umani e di seminare corruzione e distruzione in tutto il mondo per ottenere profitti e potere. Incolpa gli ebrei – “un nemico malvagio con un comportamento nazista” – per tutte le guerre nel corso della storia e per aver rovesciato il califfato islamico, poiché il loro scopo è annientare l’Islam.

 

Secondo la Carta, il jihad intrapreso oggi è una continuazione del jihad lanciato agli albori dell’Islam, che persisterà fino alla Fine dei Tempi. Hamas si impegna a rimanere impegnato in questo jihad finché non si avvereranno le parole del profeta Maometto: "L'ora del giudizio non verrà finché i musulmani non combatteranno gli ebrei e li uccideranno, in modo che gli ebrei si nascondano dietro alberi e pietre, e ogni albero e ogni la pietra dirà: 'Oh musulmano, oh servitore di Allah, c'è un ebreo dietro di me, vieni e uccidilo', ad eccezione dell'albero di Gharqad, perché è l'albero degli ebrei.”

 

La Carta dichiara che la Palestina è un waqf islamico, un termine religioso che significa che la terra appartiene solo ad Allah ed è "data in dotazione a tutte le generazioni di musulmani fino al Giorno della Resurrezione", e quindi ai musulmani è religiosamente proibito di rinunciare a qualsiasi parte di esso. Le conferenze internazionali che cercano una soluzione al problema palestinese, aggiunge, "non sono altro che un modo per dare agli infedeli il potere di arbitrato sulla terra musulmana", che può essere liberato solo attraverso il jihad.

 

 

Nel nome di Allah il Misericordioso e il Compassionevole

 

Palestina, Muharram 1, 1409 A.H./18 agosto 1988

 

Nel nome di Allah il Misericordioso e il Compassionevole

 

"Voi siete la migliore nazione che sia stata creata per l'umanità. Comandate il bene e proibite il male e credete in Allah. Se solo le persone del Libro [cioè ebrei e cristiani] avessero creduto, sarebbe stato un bene per loro. Alcuni di loro credono, ma la maggior parte di loro sono iniqui, non potranno mai farti del male grave, saranno solo un fastidio, se ti combattono, volteranno le spalle e fuggiranno, e non saranno soccorsi. È la loro sorte ovunque si trovino, eccetto quando ne sono salvati da un legame con Allah o da un legame con gli uomini. Essi sono incorsi nell'ira di Allah e la loro sorte è miserabile, perché hanno rinnegato i segni di Allah e hanno ingiustamente ucciso i profeti, e perché hanno disobbedito e trasgredito." (Corano, 3:110-112).

 

"Israele esisterà e continuerà ad esistere finché l'Islam non lo abolirà, come ha abolito ciò che c'era prima di esso." [Dalle parole del] martire, l'Imam Hasan al-Banna', la misericordia di Allah sia su di lui.[1]

 

"Il mondo islamico sta bruciando e ognuno di noi deve versare acqua, anche poca, per spegnere tutto ciò che può spegnere, senza aspettare gli altri". [Dalle parole di] Sheikh Amjad Al-Zahawi, la misericordia di Allah sia su di lui.[2]

 

Nel nome di Allah il Misericordioso e il Compassionevole

 

Preambolo

 

Lode ad Allah. Cerchiamo aiuto da Lui, gli chiediamo perdono, gli chiediamo guida e contiamo su di Lui. La preghiera e la pace siano sul Messaggero di Allah, sulla sua famiglia e sui suoi compagni, e su coloro che gli sono leali e diffondono il suo messaggio e seguono la sua Sunna [l'usanza del Profeta]. La preghiera e la pace siano per sempre su di loro finché esistono il cielo e la terra.

 

Oh gente, dal mezzo di grandi problemi e nella profondità della sofferenza, e dal battito dei cuori credenti e delle braccia purificate per l'adorazione, per consapevolezza del dovere e in risposta al comando di Allah - da lì è arrivata la chiamata [del nostro movimento] e l'incontro e l'unione [delle forze], e da lì venne l'educazione secondo la via di Allah e una volontà risoluta di svolgere il ruolo [del movimento] nella vita, superando tutti gli ostacoli e superando le difficoltà del viaggio. Da qui derivava anche una preparazione continua, [insieme alla] disponibilità a sacrificare la propria vita e tutto ciò che ha valore per amore di Allah.

Poi il seme ha preso forma e [il movimento] ha cominciato ad andare avanti attraverso questo mare tempestoso di desideri e speranze, desideri e aspirazioni, pericoli e ostacoli, dolori e sfide, sia a livello locale [in Palestina] che all’estero.

 

Quando l’idea maturò, il seme crebbe e la pianta affondò le sue radici nel terreno della realtà, lontano da emozioni fugaci e fretta impropria, allora il Movimento di resistenza islamica [Hamas] [3] iniziò a svolgere il suo ruolo, marciando in avanti. per amore di Allah. [In questo modo, Hamas] unisce le armi con tutti coloro che conducono la jihad per la liberazione della Palestina.[4] Le anime dei suoi combattenti della jihad incontrano le anime di tutti quei combattenti della jihad che hanno sacrificato la loro vita per la terra di Palestina, dal momento in cui i compagni del Profeta la conquistarono fino ad oggi.

 

Lo statuto del Movimento di Resistenza Islamico (Hamas) ne rivela il volto, presenta la sua identità, chiarisce la sua posizione, rende chiare le sue aspirazioni, discute le sue speranze, e chiede di aiutarlo e sostenerlo e di unirsi alle sue fila, perché la nostra lotta con quella degli ebrei è molto estesa e molto grave, e richiede tutti gli sforzi sinceri. È un passo a cui devono seguire ulteriori passi; è una brigata che deve essere rafforzata da brigate su brigate di questo vasto mondo islamico, finché i nemici non saranno sconfitti e la vittoria di Allah sarà rivelata.

 

Così li vediamo apparire all'orizzonte: «E dopo un po' lo saprete» (Corano, 38,88).

 

"Allah ha scritto: Saremo io e i miei messaggeri che sicuramente prevarremo. Allah è forte e potente." (Corano, 58:21)

 

"Dì: Questa è la mia via. Invoco Allah con certezza, io e coloro che mi seguono, e gloria ad Allah, non sono tra i politeisti." (Corano, 12:108)

 

Capitolo primo: Introduzione al Movimento

 

Premesse ideologiche

 

Articolo uno

 

Il Movimento di Resistenza Islamica: l’Islam è la sua via. È dall'Islam che deriva le sue idee, concetti e percezioni riguardanti l'universo, la vita e l'uomo, e si riferisce al giudizio dell'Islam in tutte le sue azioni. È dall'Islam che cerca la direzione per orientare i suoi passi.

 

Il rapporto tra il Movimento di Resistenza Islamica e i Fratelli Musulmani

 

Articolo due

 

Il Movimento di Resistenza Islamica è una delle ali dei Fratelli Musulmani in Palestina. Il movimento dei Fratelli Musulmani è un'organizzazione globale ed è il più grande dei movimenti islamici dei tempi moderni. Si distingue per la sua profonda comprensione e precisione concettuale e per il fatto che abbraccia la totalità dei concetti islamici in tutti gli aspetti della vita, nel pensiero e nel credo, nella politica e nell'economia, nell'istruzione e negli affari sociali, nella giurisprudenza degli affari e negli affari di governo, nella predicazione e nell'insegnamento, nell'arte e nelle comunicazioni, nel segreto e allo scoperto, e in tutti gli altri ambiti della vita.

 

Struttura e formazione

 

Articolo tre

 

Il Movimento di Resistenza Islamico si fonda su musulmani che hanno votato la loro fedeltà ad Allah e Lo hanno servito come dovrebbe essere servito. "Non ho creato jinns e uomini tranne che mi servissero." (Corano, 51:56)

 

[Questi musulmani] hanno riconosciuto il loro dovere verso se stessi, le loro famiglie e la loro patria, temendo Allah in tutto questo. Hanno alzato la bandiera del jihad di fronte agli oppressori, per liberare la terra e i credenti dalla sporcizia, dall’impurità e dal male. "Scagliamo la verità contro la menzogna e gli schiacciamo la testa, ed ecco, essa svanisce." (Corano, 21:18)

 

Articolo quattro

 

Il Movimento di Resistenza Islamico accoglie ogni musulmano che abbraccia il suo credo, adotta la sua ideologia, si impegna a seguire la sua via, mantiene i suoi segreti e desidera unirsi ai suoi ranghi per svolgere il proprio dovere, e la sua ricompensa è con Allah.

 

Il Movimento di Resistenza Islamica – Dimensioni di tempo e di luogo

 

Articolo cinque

 

La dimensione temporale del Movimento di Resistenza Islamica – in considerazione del fatto che ha adottato l’Islam come stile di vita – risale alla nascita del messaggio islamico e ai primi credenti giusti; Allah è il suo obiettivo, il Profeta è il suo esempio da seguire e il Corano è la sua costituzione.

 

La sua dimensione spaziale: ovunque ci siano musulmani che abbracciano l'Islam come stile di vita, ovunque sulla terra. Pertanto, [Hamas] affonda le sue radici in profondità nel terreno e si estende fino ad abbracciare i cieli.

 

"Non vedi come Allah ci ha dato una parabola? Una buona parola è come un buon albero; le sue radici sono salde e i suoi rami si estendono fino al cielo. Porta sempre i suoi frutti al momento giusto secondo la volontà di Dio. Allah recita parabole agli uomini affinché prestino attenzione." (Corano, 14:24-25)

 

Distintività e indipendenza

 

Articolo sei

 

Il Movimento di Resistenza Islamico è un movimento palestinese distinto che è fedele ad Allah, adotta l’Islam come stile di vita e lavora per innalzare la bandiera di Allah su ogni centimetro della Palestina. Sotto l'ala dell'Islam, i seguaci di altre religioni possono tutti vivere sicuri e protetti nella loro vita, proprietà e diritti; mentre in assenza dell’Islam sorgono discordie, si diffondono le ingiustizie, fiorisce la corruzione, ci sono conflitti e guerre. Allah benedica il poeta musulmano Muhammad Iqbal[5] che disse:

 

Quando la fede se ne va, non c’è sicurezza,

E non c'è vita per chi non ha religione.

Colui che si accontenta di vivere senza religione

Ha preso la morte come consorte della vita.

L'universalità del movimento di resistenza islamica

 

Articolo sette

 

I musulmani che adottano la via del Movimento di Resistenza Islamico si trovano in tutti i paesi del mondo e agiscono per sostenere [il movimento], per adottare le sue posizioni e per rafforzare la sua jihad. Pertanto, è un movimento mondiale, ed è qualificato per questo [ruolo] per la chiarezza della sua ideologia, l’altezza del suo scopo e l’esaltazione dei suoi obiettivi. È su questa base che dovrebbe essere considerato e valutato; è su questa base che il suo ruolo dovrebbe essere riconosciuto. Chi nega i suoi diritti, si astiene dall'aiutarla, diventa cieco [alla verità] e si sforza di cancellarne il ruolo, è come chi tenta di contestare la predestinazione [divina]. Chiunque chiuda gli occhi sui fatti, intenzionalmente o meno, alla fine si sveglierà [per scoprire che] gli eventi lo hanno sopraffatto e che il [peso delle] prove lo ha reso incapace di giustificare la sua posizione. La precedenza sarà data a coloro che vengono prima [al movimento]. L'iniquità dei propri parenti è più dolorosa per l'anima del colpo di una spada affilata.[6]

 

"Vi abbiamo rivelato il Libro in verità, confermando la Scrittura precedente e custodendola. Giudicate tra loro secondo ciò che Allah ha rivelato, e non seguite la loro volontà capricciosa, allontanandovi dalla verità che vi è stata rivelata. Allah ha assegnato a ciascuno di voi una legge e una via. Se Allah lo avesse voluto, avrebbe fatto di voi un'unica nazione. Tuttavia ha voluto mettervi alla prova in tutto ciò che vi ha dato. Quindi gareggiate gli uni con gli altri nel bene. opere. È ad Allah che ritornerete tutti, ed Egli allora vi rivelerà [la verità] sulle questioni in cui siete stati in disaccordo." (Corano 5:48)

 

Il Movimento di Resistenza Islamico è un anello della catena del jihad nel contrastare l’invasione sionista. È connesso e collegato alla [coraggiosa] rivolta del martire 'Izz Al-Din Al-Qassam e dei suoi fratelli, combattenti jihadisti dei Fratelli Musulmani, nell'anno 1936. È inoltre correlato e collegato ad un altro collegamento, [vale a dire] il jihad dei palestinesi, gli sforzi e il jihad dei Fratelli Musulmani nella guerra del 1948 e le operazioni jihadiste dei Fratelli Musulmani nel 1968 e successivamente. Sebbene questi legami siano distanti tra loro, e sebbene la continuità del jihad sia stata interrotta dagli ostacoli posti sul cammino dei combattenti jihadisti da coloro che ruotano nell’orbita del sionismo, il Movimento di Resistenza Islamico aspira a realizzare la promessa di Allah, non importa come tempo ci vuole. Il Profeta, la preghiera di Allah e la pace siano su di lui, dice: "L'ora del giudizio non verrà finché i musulmani non combatteranno gli ebrei e li uccideranno, in modo che gli ebrei si nascondano dietro alberi e pietre, e ogni albero e pietra diranno: ' Oh musulmano, oh servitore di Allah, c'è un ebreo dietro di me, vieni e uccidilo,' tranne l'albero di Gharqad, perché è l'albero degli ebrei." (Registrato nelle raccolte di Hadith di Bukhari e Muslim).

 

Il motto del Movimento di Resistenza Islamica

 

Articolo otto

 

Allah è il suo obiettivo, il Profeta il suo modello da seguire, il Corano la sua costituzione, la Jihad la sua via e la morte per amore di Allah il suo desiderio più alto.

 

Capitolo secondo: Obiettivi

 

Cause e obiettivi

 

Articolo nove

 

Il Movimento di Resistenza Islamico si è trovato in un periodo in cui l’Islam è assente dalla vita quotidiana. Di conseguenza gli equilibri sono stati disturbati, i concetti sono stati confusi, i valori sono stati alterati, i malvagi sono saliti al potere, l’ingiustizia e l’oscurità hanno prevalso, i codardi sono diventati tigri, la patria è stata violentata, i popoli sono stati scacciati e hanno vagato in tutti i paesi del mondo. Il governo della giustizia è assente e prevale il governo della menzogna. Niente è al suo posto. Così, quando l’Islam è assente, tutto si trasforma. Queste sono le cause.

 

Per quanto riguarda gli obiettivi, essi sono combattere la menzogna, sconfiggerla e sconfiggerla affinché la giustizia regni, la patria ritorni [al suo legittimo proprietario] e dall’alto delle sue moschee risuoni l’appello [musulmano] alla preghiera. annunciando l’ascesa del dominio dell’Islam, in modo che le persone e le cose ritornino al loro posto. Chiediamo aiuto ad Allah.

 

"Se Allah non respingesse un gruppo di persone per mezzo di un altro, la terra sarebbe certamente in uno stato di disordine. Allah è il più gentile con tutti gli esseri." (Corano, 2:251)

 

Articolo dieci

 

Il Movimento di Resistenza Islamico – mentre avanza – offre sostegno a tutti coloro che sono perseguitati e protegge tutti coloro che sono oppressi con tutte le sue forze. Non risparmia alcuno sforzo nel sostenere la verità e sradicare la menzogna, nelle parole e nei fatti, qui e in ogni luogo alla sua portata e alla sua influenza.

 

Capitolo terzo: Strategia e mezzi

 

La strategia del movimento di resistenza islamica

La Palestina è un Waqf islamico [cioè un patrimonio religioso islamico]

 

Articolo undici

 

Il Movimento di Resistenza Islamico sostiene che la terra di Palestina è terra Waqf data in dotazione a tutte le generazioni di musulmani fino al Giorno della Resurrezione. Non si dovrebbe trascurarlo o [anche] una parte di esso, né si dovrebbe abbandonarlo o [anche] una parte di esso. Nessuno stato arabo, o [anche] tutti gli stati arabi [insieme], hanno [il diritto] di farlo; nessun re o presidente ha questo diritto né tutti i re e presidenti insieme; nessuna organizzazione, o tutte le organizzazioni insieme – siano esse palestinesi o arabe – [hanno il diritto di farlo] perché la Palestina è la terra islamica Waqf data a tutte le generazioni di musulmani fino al Giorno della Resurrezione.

 

Questo è lo status giuridico della terra di Palestina secondo la legge islamica. Sotto questo aspetto, è come qualsiasi altra terra che i musulmani hanno conquistato con la forza, perché i musulmani l'hanno consacrata al momento della conquista come dotazione religiosa per tutte le generazioni di musulmani fino al Giorno della Resurrezione. Così avvenne: quando la conquista di Al-Sha'm[7] e dell'Iraq fu completa, i comandanti degli eserciti musulmani inviarono messaggi al Califfo 'Umar b. Al-Khattab, chiedendo istruzioni riguardo alla terra conquistata: dividerla tra le truppe o lasciarla nelle mani dei proprietari o cosa?

 

Dopo discussioni e consultazioni tra il Califfo 'Umar b. Al-Khattab e i Compagni del Profeta, decisero che la terra dovesse essere lasciata ai suoi proprietari [originari] per beneficiare dei suoi raccolti, ma la sostanza della terra, cioè la terra stessa, dovrebbe costituire Waqf per tutte le generazioni dei musulmani fino al Giorno della Resurrezione. Il possesso dei proprietari è solo usufrutto. Questo Waqf esisterà finché esisteranno il cielo e la terra. Qualsiasi misura che non sia conforme a questa legge islamica riguardante la Palestina è nulla. "Questa è sicuramente la verità. Pertanto, loda il grande nome del tuo Signore." (Corano, 56:95-96)

 

Patria e nazionalismo visti dal movimento di resistenza islamica

 

Articolo dodici

 

Il nazionalismo[8], come visto dal Movimento di Resistenza Islamico, fa parte del credo religioso [islamico]. Non c’è niente che parli di nazionalismo in modo più eloquente e profondo di quanto segue: quando il nemico calpesta il territorio musulmano, intraprendere la jihad e affrontare il nemico diventa un dovere personale di ogni uomo e donna musulmana. Una donna può andare a combattere il nemico [anche] senza il permesso del marito e uno schiavo senza il permesso del suo padrone.

 

Non esiste nulla di simile in nessun altro sistema politico: questo è un fatto indiscutibile. Mentre le varie altre [ideologie] nazionaliste sono legate a fattori fisici, umani e regionali, il nazionalismo del Movimento di resistenza islamica è [parimenti] caratterizzato da tutto quanto sopra e in più – e soprattutto – è caratterizzato da motivazioni divine. che lo dotano di spirito e di vita, poiché è legato alla fonte dello spirito e a Colui che dà la vita. [Il Movimento di Resistenza Islamica] sta issando il vessillo divino nei cieli della Patria, così da collegare saldamente cielo e terra.

 

Quando Mosè venne e gettò giù il suo bastone

Sia la stregoneria che lo stregone fallirono

 

"La retta via si distingue chiaramente dall'errore; pertanto, chiunque rinuncia alla menzogna e crede in Allah, ha infatti afferrato l'appiglio più saldo, che non si rompe mai, e Allah ascolta e conosce." (Corano, 2:256)

 

Soluzioni pacifiche, iniziative e convegni internazionali

 

Articolo tredici

 

Le iniziative, le cosiddette soluzioni di pace e le conferenze internazionali per la risoluzione del problema palestinese sono in contraddizione con i principi del Movimento di resistenza islamica, poiché trascurare qualsiasi parte della Palestina significa trascurare parte della fede islamica. Il nazionalismo del Movimento di Resistenza Islamico fa parte della sua fede [islamica]. È alla luce di questo principio che i suoi membri vengono educati e intraprendono la jihad per issare la bandiera di Allah sulla patria.

 

"E Allah ha il pieno controllo sui Suoi affari; ma la maggior parte delle persone non lo sa." (Corano, 12:21)

 

Di tanto in tanto si chiede di tenere una conferenza internazionale per cercare una soluzione al problema [palestinese]. Alcuni accettano questa [proposta] e altri la respingono, per un motivo o per l'altro, esigendo l'adempimento di alcune condizioni prima di accettare di tenere la conferenza e parteciparvi. Tuttavia, il Movimento di Resistenza Islamico – poiché conosce i partiti partecipanti alla conferenza e le loro posizioni passate e attuali sulle questioni dei musulmani – non crede che queste conferenze possano soddisfare le richieste o ripristinare i diritti [dei palestinesi ], o portare equità agli oppressi. Queste conferenze non sono altro che un modo per dare agli infedeli potere di arbitrato sulla terra musulmana, e quando mai gli infedeli sono stati equi nei confronti dei credenti?

 

"Gli ebrei non saranno mai contenti di te, e nemmeno i cristiani, finché non seguirai la loro religione. Di': 'La guida di Allah è la guida giusta.' Ma se segui i loro desideri dopo la conoscenza che ti è giunta, allora non avrai protettore o tutore da parte di Allah." (Corano, 2:120)

 

Non c’è soluzione al problema palestinese se non attraverso la jihad. Iniziative, proposte e convegni internazionali sono una perdita di tempo e una farsa. Il popolo palestinese è troppo importante perché si possa giocare con il suo futuro, i suoi diritti e il suo destino. Come affermato nell'Hadith: "Il popolo di Al-Sha'm è la verga [di Allah] nella Sua terra. Attraverso di loro, Egli si vendica su chiunque Egli desideri tra i Suoi servi. Agli ipocriti tra loro non è permesso essere superiori ai credenti tra loro, e moriranno nel dolore e nell’angoscia”. (Registrato da Al-Tabarani con una catena di trasmettitori a Maometto, e da Ahmad [Ibn Hanbal] con una catena incompleta di trasmettitori a Maometto che potrebbe essere la registrazione accurata, i trasmettitori in entrambi i casi sono affidabili: solo Allah è onnisciente).

 

I Tre Cerchi

 

Articolo quattordici

 

Il problema della liberazione della Palestina coinvolge tre ambiti: il circolo palestinese, il circolo [pan-]arabo e il circolo islamico. Ciascuno di questi tre circoli ha il suo ruolo nella lotta contro il sionismo e ha i suoi compiti. È un grave errore e una vergognosa ignoranza trascurare uno qualsiasi di questi circoli, perché la Palestina è una terra islamica. In essa si trova la prima delle due qiblas [direzioni di preghiera] e la terza moschea più sacra, dopo le moschee della Mecca e di Medina. È la destinazione del viaggio notturno del Profeta.

 

"Sia lode a Colui che di notte trasportò il suo servo dalla moschea più sacra alla moschea più lontana di cui benedimmo i dintorni, per mostrargli i Nostri segni. Egli è Colui che sente e vede". (Corano, 17:1)

 

Stando così le cose, la liberazione [della Palestina] è un dovere personale di ogni musulmano, ovunque si trovi. È su questa base che si dovrebbe considerare il problema, e ogni musulmano dovrebbe capirlo. Quando arriverà il giorno in cui il problema sarà trattato su questa base e tutte le capacità dei tre cerchi saranno mobilitate, le circostanze attuali cambieranno e il giorno della liberazione si avvicinerà.

 

"Tu infondi più paura nei cuori degli ebrei di quanto ne faccia Allah, perché sono persone che non capiscono." (Corano, 59:13)

 

La Jihad per la Liberazione della Palestina è un dovere personale

 

Articolo quindici

 

Il giorno in cui i nemici conquistano una parte della terra musulmana, il jihad diventa un dovere personale di ogni musulmano. Di fronte all’occupazione ebraica della Palestina è necessario alzare la bandiera del jihad. Ciò richiede la propagazione della coscienza islamica tra le masse, a livello locale [in Palestina], nel mondo arabo e nel mondo islamico. È necessario instillare lo spirito del jihad nella nazione, affrontare i nemici e unirsi alle fila dei combattenti jihadisti.

 

La campagna di indottrinamento deve coinvolgere gli ulama, gli educatori, gli insegnanti e gli esperti dell'informazione e dei media, oltre a tutti gli intellettuali, soprattutto i giovani e gli sceicchi dei movimenti islamici. È [anche] necessario introdurre cambiamenti essenziali nei programmi di studio, per eliminare gli influssi dell'invasione intellettuale inflitta loro dagli orientalisti e dai missionari. Questa invasione arrivò nella regione dopo che Salah Al-Din Al-Ayyubi sconfisse i crociati. I crociati allora si resero conto che era impossibile sconfiggere i musulmani a meno che la strada non fosse prima aperta da un'invasione intellettuale che confonderebbe il pensiero [dei musulmani], distorcerebbe la loro eredità e metterebbe in discussione i loro ideali. Solo dopo questa [invasione intellettuale] sarebbe arrivata l’invasione con le truppe. Questa [invasione intellettuale] preparò il terreno per l'invasione colonialista, come dichiarò il [generale] Allenby entrando a Gerusalemme: "Ora le crociate sono giunte alla fine". Il generale Gouraud si trovava davanti alla tomba di Salah Al-Din e disse: "Oh, Salah Al-Din, siamo tornati!" Il colonialismo ha contribuito a intensificare l’invasione intellettuale e l’ha aiutata a mettere radici. Lo fa ancora. Tutto ciò ha aperto la strada alla perdita della Palestina.

 

È necessario stabilire nella mente di tutte le generazioni musulmane che la questione palestinese è una questione religiosa e che deve essere affrontata come tale, poiché [la Palestina] contiene luoghi santi islamici, [vale a dire] la moschea di Al-Aqsa, che è inseparabilmente connesso, finché dureranno il cielo e la terra, alla santa moschea della Mecca attraverso il viaggio notturno del Profeta [dalla moschea della Mecca alla moschea di Al-Aqsa] e attraverso la sua ascensione al cielo da lì.

 

"Essere di stanza sulla frontiera per amore di Allah per un giorno è meglio di questo [intero] mondo e di tutto ciò che contiene; e il posto occupato in paradiso dalla frusta [del cavaliere] di ognuno di voi [combattenti della jihad] è migliore di questo [intero] mondo e di tutto ciò che contiene. Ogni sera [operazione] e [operazione] mattutina eseguita dai musulmani per amore di Allah è migliore di questo [intero] mondo e tutto ciò che contiene." (Registrato nelle raccolte di Hadith di Bukhari, Muslim, Tirmidhi e Ibn Maja)

 

"Nel nome di Colui che tiene in mano l'anima di Maometto, desidero lanciare un attacco per amore di Allah ed essere ucciso e attaccare ancora ed essere ucciso e attaccare ancora ed essere ucciso." (Registrato nelle raccolte di Hadith di Bukhari e Muslim)

 

Educare le prossime generazioni

 

Articolo sedici

 

È necessario educare le prossime generazioni islamiche nella nostra regione in modo islamico, basato sull'adempimento dei doveri religiosi, sullo studio attento del libro di Allah, sullo studio della Sunna [usanza] del Profeta, sulla lettura della storia islamica e dell'eredità basata su affidabili fonti sotto la guida di esperti e studiosi, e affidamento su metodi che produrranno una sana prospettiva nel pensiero e nella fede. Inoltre, è necessario studiare da vicino il nemico e le sue capacità materiali e umane, conoscere le sue debolezze e i suoi punti di forza, riconoscere le forze che lo assistono e lo sostengono. È anche necessario conoscere l'attualità, seguire i nuovi sviluppi e studiare le analisi e i commenti che li riguardano. È altresì necessario pianificare il futuro e studiare ogni singolo fenomeno, affinché i musulmani impegnati nel jihad vivano con piena consapevolezza del proprio scopo, obiettivo e percorso, e [con piena consapevolezza di] ciò che accade attorno a loro.

 

"Oh figlio mio! Se [una cosa] pesa solo quanto un granello di senape, anche se è in una roccia, o nei cieli, o sulla terra, Allah la farà emergere. Allah discerne anche la più piccola cosa; Egli è onnisciente. Oh figlio mio! Continua a pregare, a comandare il bene, a proibire il male, e persevera qualunque cosa ti accada; sicuramente questo [comportamento] è degna fermezza. Non volgere la tua guancia con disprezzo verso le persone; non camminare con arroganza in terra. Allah non ama gli arroganti e i presuntuosi." (Corano, 31:16-18)

 

Il ruolo delle donne musulmane

 

Articolo diciassette

 

Il ruolo della donna musulmana nella guerra di liberazione non è meno importante di quello dell'uomo, perché lei è la creatrice degli uomini. Il suo ruolo nel guidare ed educare la prossima generazione è molto importante. I nemici hanno capito [il significato del] suo ruolo, e credono che se riusciranno ad educarla secondo i loro desideri, allontanandola dall’Islam, avranno vinto la guerra. Scoprite, quindi, che fanno continuamente grandi sforzi [per fare questo] attraverso i media, il cinema e i programmi scolastici, attraverso i loro agenti incorporati in organizzazioni sioniste che assumono vari nomi e forme come la Massoneria, i Rotary Club , gruppi di spionaggio, ecc. – che sono tutti covi di sabotaggio e sabotatori. Queste organizzazioni sioniste hanno un’enorme abbondanza di risorse materiali, che consentono loro di giocare il loro gioco in [varie] società con l’obiettivo di realizzare il loro scopo mentre l’Islam è assente dalla scena e i musulmani sono estraniati [dalla loro fede]. I seguaci dei movimenti islamici[9] dovrebbero svolgere il loro ruolo nel contrastare i piani di questi sabotatori. Quando l’Islam sarà al timone, sradicherà totalmente queste organizzazioni, che sono ostili all’umanità e all’Islam.

 

Articolo diciotto

 

La donna nella casa e nella famiglia jihadista, in quanto madre o sorella, ha il ruolo primario nella gestione della casa, allevando i figli secondo le idee morali e i valori ispirati dall’Islam e insegnando loro a compiere i doveri religiosi in preparazione all’azione jihadista. ruolo che li attende. Occorre quindi prestare molta attenzione alle scuole in cui viene educata la ragazza musulmana e ai loro programmi di studio, affinché possa diventare una buona madre, consapevole del suo ruolo nella guerra di liberazione. Dovrebbe avere un'adeguata consapevolezza e comprensione riguardo alla gestione degli affari domestici, poiché l'economia e l'evitare gli sprechi nelle spese familiari sono tra i requisiti per poter persistere nelle attuali difficili circostanze. Dovrebbe sempre essere consapevole che i fondi disponibili sono come il sangue che deve scorrere solo nelle vene affinché la vita possa continuare sia nei giovani che negli anziani.

 

"Gli uomini e le donne musulmani, gli uomini e le donne credenti, gli uomini e le donne sinceri, gli uomini e le donne perseveranti, gli uomini e le donne umili, gli uomini e le donne caritatevoli, gli uomini e le donne che digiunano, gli uomini e le donne che custodiscono la loro castità, e gli uomini e le donne che ricordano frequentemente Allah – per loro Allah ha preparato il perdono e una grande ricompensa." (Corano, 33:35).

 

Il ruolo dell'arte islamica nella guerra di liberazione

 

Articolo diciannove

 

L'arte ha regole e standard in base ai quali è possibile determinare se è islamica o pagana. La liberazione islamica ha bisogno dell’arte islamica che eleva lo spirito senza sottomettere un aspetto della natura umana a un altro, ma piuttosto eleva tutti gli aspetti in [perfetto] equilibrio e armonia. L'uomo è una creatura meravigliosa e unica, fatta da un pugno di argilla e da un soffio di spirito. Su questa base l'arte islamica si rivolge all'uomo, mentre l'arte pagana si rivolge al corpo fisico e dà il sopravvento alla componente dell’argilla.

 

Libri, articoli, opuscoli, sermoni, epistole, canti tradizionali, poesie, canti [patriottici], opere teatrali, ecc. – quando hanno le caratteristiche dell’arte islamica, sono tra i mezzi necessari di indottrinamento ideologico. [Costituiscono] un nutrimento che si rinnova per continuare il viaggio e ristorare lo spirito, perché la strada è lunga, la sofferenza è grande e le anime si stancano. L'arte islamica rinnova le energie, ravviva il movimento e risveglia l'anima a ideali elevati e ad una condotta sana.

 

Niente guarisce l'anima quando è in ritiro se non il passaggio da una modalità all'altra.

 

Tutto ciò è assolutamente serio e non è uno scherzo, perché la nazione impegnata nella jihad non conosce scherzi.

 

Solidarietà sociale

 

Articolo venti

 

La società musulmana è caratterizzata dalla solidarietà. Il Profeta, la preghiera e la pace di Allah siano su di lui, dice: "Beati i Banu Al-Ash'ar. Quando sono colpiti dalla siccità - sia in città che in viaggio - raccolgono tutto ciò che hanno e lo dividono tra loro in parti uguali." Questo è lo spirito islamico che dovrebbe prevalere in ogni società musulmana. Una società che si trova ad affrontare un nemico malvagio con un comportamento nazista, che non fa distinzione tra uomini e donne, vecchi e giovani, ha ancora più bisogno di abbellirsi con questo spirito islamico [di solidarietà]. Il nostro nemico utilizza il metodo della punizione collettiva, privando le persone delle loro case e dei loro beni. Li perseguitò [anche] nei loro luoghi di esilio, rompendo ossa, sparando a donne, bambini e anziani con o senza motivo. Ha creato campi di detenzione per imprigionare migliaia e migliaia [di persone] in condizioni disumane, tutto questo oltre a distruggere case, rendere orfani i bambini e condannare ingiustamente migliaia di giovani a trascorrere i migliori anni della loro giovinezza nell’oscurità della prigione. Il nazismo degli ebrei prese di mira sia le donne che i bambini. Il terrore che diffondono è diretto a tutti. Combattono le persone distruggendo i loro mezzi di sostentamento, rubando i loro soldi e calpestando la loro dignità. Il trattamento orribile che riservano alle persone è simile a quello riservato ai peggiori criminali di guerra. La deportazione dalla propria patria è una forma di omicidio. Di fronte a tale comportamento, dobbiamo avere solidarietà sociale tra le persone e dobbiamo affrontare il nemico come un corpo solo, che, quando un arto soffre, il resto reagisce con insonnia e febbre.

 

Articolo ventuno

 

Solidarietà sociale significa offrire aiuto a chiunque si trovi nel bisogno, sia materiale che morale, o unirsi a lui per portare a termine qualche opera. I membri del Movimento di Resistenza Islamica dovrebbero considerare gli interessi delle masse come propri e non dovrebbero risparmiare alcuno sforzo per raggiungerli e proteggerli. Devono evitare di giocare in modo sconsiderato con questioni che riguardano il futuro delle prossime generazioni o che causano perdite alla loro società. Le masse sono di loro e per loro, e la forza delle masse è forza per loro; il loro futuro è loro. I membri del Movimento di Resistenza Islamica dovrebbero essere con la gente nelle occasioni gioiose e nei momenti di dolore. Dovrebbero sposare le richieste delle masse e sforzarsi di servire gli interessi delle masse, che sono in effetti i loro. Quando questo spirito prevarrà, l’amicizia si approfondirà e ci saranno cooperazione ed empatia, l’unità aumenterà e i ranghi si rafforzeranno per affrontare i nemici.

 

Le forze che sostengono il nemico

 

Articolo ventidue

 

I nemici pianificano da tempo in modo esperto e accurato per ottenere ciò che hanno ottenuto, impiegando mezzi che influenzano il corso degli eventi. Hanno cercato di accumulare enormi risorse finanziarie che hanno utilizzato per realizzare il loro sogno.

 

Con il denaro hanno preso il controllo dei media mondiali – agenzie di stampa, stampa, case editrici, servizi radiotelevisivi, ecc. Con il denaro hanno scatenato rivoluzioni in vari paesi del mondo per servire i loro interessi e trarre profitti. Erano dietro la Rivoluzione francese e la Rivoluzione comunista e [sono dietro] la maggior parte delle rivoluzioni di cui sentiamo parlare di tanto in tanto qua e là. Con il denaro hanno formato organizzazioni segrete, in tutto il mondo, per distruggere le società [di quei paesi] e servire gli interessi dei sionisti, come i Massoni, i Rotary Club, i Lions, i Sons of the Covenant [cioè i B'nei B'rith], ecc. Tutte queste sono organizzazioni di spionaggio e sabotaggio. Con il denaro riuscirono a prendere il controllo dei paesi colonialisti, e [li] spinsero a colonizzare molti paesi in modo che potessero sfruttare le loro risorse e diffondervi la corruzione morale.

 

Non c’è fine a ciò che si può dire sul [loro coinvolgimento nelle] guerre locali e mondiali. Erano dietro la prima guerra mondiale, attraverso la quale ottennero la distruzione del califfato islamico, raccolsero profitti materiali, presero il controllo di numerose risorse, ottennero la Dichiarazione Balfour e fondarono la Lega delle Nazioni Unite [sic] per governare il mondo attraverso questa organizzazione. Erano [anche] dietro la Seconda Guerra Mondiale, attraverso la quale raccolsero enormi profitti dal commercio di materiale bellico e aprirono la strada alla fondazione del loro Stato. Hanno [anche] suggerito la formazione delle Nazioni Unite e del Consiglio di Sicurezza per sostituire la Lega delle Nazioni Unite [sic] e governare il mondo attraverso questa [nuova organizzazione]. Ovunque ci sia una guerra nel mondo, sono loro che tirano le fila dietro le quinte. "Ogni volta che accendono il fuoco della guerra, Allah lo spegne. Si sforzano di diffondere il male nel paese, ma Allah non ama coloro che fanno il male." (Corano, 5:64)

 

Le potenze colonialiste, sia nell'Occidente capitalista che nell'Est comunista, sostengono il nemico con tutte le loro forze, sia materiali che umane, alternandosi l'una all'altra [nel dare sostegno]. Quando appare l’Islam, tutte le forze dell’incredulità si uniscono per opporsi ad esso, perché tutta l’incredulità è una denominazione.

 

"Oh voi che credete, non prendete come amici intimi coloro che sono al di fuori dei vostri ranghi, perché non risparmieranno alcuno sforzo per farvi del male. Desiderano ciò che vi causa sofferenza. L'odio è davvero uscito dalle loro bocche, ma ciò che nascondono in il loro cuore è ancora peggio. Vi abbiamo dato segni chiari, se capite» (Corano, 3,118). Non per niente il versetto termina con le sue parole "se capirai".

 

Capitolo quarto – Le nostre posizioni su:

 

A. I movimenti islamici

 

Articolo ventitré

 

Il Movimento di Resistenza Islamico guarda agli altri movimenti islamici con rispetto e apprezzamento, perché anche se è in disaccordo con loro sotto certi aspetti o pensieri, è d’accordo con loro sotto molti altri aspetti o pensieri, e li vede – a patto che le loro intenzioni sono buone e sono devoti ad Allah – in quanto rientrano nella categoria delle opinioni legittime, cioè finché le loro azioni rientrano nei limiti del circolo islamico. Chiunque lotta per la verità riceve la sua ricompensa.

 

Il Movimento di Resistenza Islamico ritiene che questi movimenti lo rafforzino e chiede ad [Allah] di guidarci e dirigerci tutti. Non dimentica mai di innalzare costantemente la bandiera dell'unità e di impegnarsi assiduamente per raggiungere l'unità in conformità con il Corano e la Sunna. "Tenetevi stretti alla corda di Allah, tutti voi. Non siate divisi tra di voi e ricordate il favore di Allah nei vostri confronti. Quando eravate nemici gli uni per gli altri, Egli ha unito i vostri cuori e grazie al suo favore siete diventati fratelli. sull'orlo di una fossa di fuoco e ti ha salvato da essa. Così Allah ti mostra i Suoi segni, affinché tu possa seguire la retta via." (Corano, 3:103)[10]

 

Articolo ventiquattro

 

Il Movimento di Resistenza Islamico non permette di contestare o infangare il nome di individui o gruppi, perché i [veri] musulmani non contestano né maledicono gli altri. Si dovrebbe fare una chiara distinzione tra questo e le posizioni o i comportamenti, perché il Movimento di Resistenza Islamica ha il diritto di smascherare l’errore e di dissuaderne le persone e di sforzarsi di far conoscere la verità e di adottarla in modo imparziale in ogni contesto. caso. La saggezza è ciò che il musulmano cerca e la porta ovunque la trovi.[11]

 

"Ad Allah non piace quando le persone parlano male in pubblico, tranne coloro che hanno subito un torto. Allah ascolta tutto e sa tutto. Quando fai del bene apertamente o in segreto, o perdoni un torto [fatto a te], sicuramente Allah è perdonatore e onnipotente." (Corano, 4:148-149)

 

B. I movimenti nazionalisti nell'arena palestinese

 

Articolo venticinque

 

[Il Movimento di Resistenza Islamico] li rispetta e apprezza le condizioni che li circondano e li colpiscono. Li sostiene finché non prestano fedeltà all’Est comunista o all’Ovest crociato, e sottolinea a tutti i membri e sostenitori [di questi movimenti] che si tratta di un movimento jihadista, etico, coscienzioso nella sua visione del mondo e nella sua il modo in cui tratta gli altri. Detesta l'opportunismo, vuole solo il bene delle persone, sia come individui che come gruppi, e non si sforza di ottenere guadagni materiali o fama per sé. Non cerca ricompense dalle persone, e va avanti con le proprie risorse e ciò che ha a portata di mano – «Mostra contro di loro tutte le forze che puoi» (Corano, 8,60) – per compiere il compito e vincere. Il favore di Allah. Non ha altro desiderio oltre a quello.

 

Rassicura tutti i [gruppi] nazionalisti di ogni orientamento che operano nell'arena palestinese per la liberazione della Palestina che ciò non sarà mai altro che un sostegno e un aiuto per loro, a parole e nei fatti, nel presente e nel futuro. futuro. Unisce e non separa, conserva e non disperde, unisce e non divide, valorizza ogni parola gentile, ogni sforzo sincero e ogni impegno lodevole. Chiude la porta di fronte a piccoli disaccordi. Non presta ascolto alle voci e alle affermazioni parziali, ma è pienamente consapevole del [suo] diritto di difendersi.

 

Tutto ciò che si oppone o contraddice questo orientamento è fabbricato dal nemico o dai suoi lacchè per creare confusione, dividere i ranghi e creare distrazione con questioni secondarie. "Oh voi che credete, se un malfattore vi porta informazioni [su qualsiasi persona], dovreste esaminarle attentamente per non ferire persone [innocenti] per ignoranza, e poi arrivare a pentirvene." (Corano, 49:6)

 

Articolo ventisei

 

Il Movimento di Resistenza Islamico – guardando con favore ai movimenti nazionalisti palestinesi – non si astiene dal discutere in modo obiettivo i nuovi sviluppi riguardanti il problema palestinese nell’arena locale e internazionale, per verificare in che misura [questi sviluppi] concordano o in disaccordo con gli interessi nazionali alla luce della visione islamica.

 

C. L'Organizzazione per la Liberazione della Palestina

 

Articolo ventisette

L’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) è la più vicina al cuore del Movimento di Resistenza Islamica. [Lo consideriamo come] un padre, un fratello o un amico, e un vero musulmano non disprezza suo padre, suo fratello o il suo amico. La nostra patria è una, la nostra sventura è una, il nostro destino è uno e condividiamo lo stesso nemico.

 

A causa delle circostanze che hanno circondato la fondazione dell’OLP, e [a causa] della confusione intellettuale che prevale nel mondo arabo a seguito dell’invasione intellettuale a cui è stato sottoposto dopo la sconfitta dei crociati, e che si è intensificata , e continua ad essere intensificato dall’orientalismo e dalle attività missionarie cristiane – l’OLP ha adottato l’idea di stato laico, e noi consideriamo [l’OLP] di conseguenza. L'ideologia secolarista è in totale contraddizione con l'ideologia religiosa, e sono le idee a costituire la base delle posizioni, dei comportamenti e delle decisioni.

 

Pertanto, con tutto il nostro apprezzamento per l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina e per ciò che potrebbe ancora diventare, e senza sminuire il suo ruolo nel conflitto arabo-israeliano, non possiamo rinunciare all’identità islamica della Palestina nel presente e nel futuro per adottare l’identità laicista ideologia – perché l’identità islamica della Palestina fa parte della nostra fede, e chi è negligente con la sua fede è perduto. "Chi disprezza la religione di Abramo se non chi si è reso stolto?" (Corano, 2:130)

 

Quando l’OLP adotterà l’Islam come suo stile di vita, allora noi saremo le sue truppe e il carburante per il suo fuoco che brucerà i nemici. Ma fino a quando non arriverà questo momento – e preghiamo Allah che sia presto – la posizione del Movimento di resistenza islamica nei confronti dell’OLP è quella di un figlio nei confronti di suo padre, di un fratello nei confronti di suo fratello o di un parente nei confronti del suo parente. Condivide il dolore dell'altro quando viene punto da una spina, lo sostiene nell'affrontare il nemico e desidera che trovi la guida divina e [segua] la retta via.

 

Tuo fratello, tuo fratello prima di tutti gli altri! Colui che non ha fratello

È come chi va in guerra disarmato.

Tuo cugino, devi conoscere la forza della sua ala,

Come può infatti levarsi in volo il falco senza ali?[12]

 

D. Stati e governi arabi e islamici

 

Articolo Ventotto

 

L’invasione sionista è un’invasione crudele, che non ha scrupoli di sorta; utilizza ogni metodo vizioso e vile per raggiungere i suoi obiettivi. Nelle sue operazioni di infiltrazione e spionaggio, fa molto affidamento sulle organizzazioni segrete che ne sono derivate, come i Massoni, i Rotary Club, i Lions e altri gruppi di spionaggio simili. Tutte queste organizzazioni, nascoste o palesi, lavorano per gli interessi del sionismo e sotto la sua direzione, e il loro scopo è quello di distruggere le società, minare i valori, distruggere l'onore delle persone, creare degenerazione morale e annientare l'Islam. [Il sionismo] è dietro ogni tipo di traffico di droga e alcol, in modo da rendergli più facile prendere il controllo ed espandersi.

 

Chiediamo che i paesi arabi attorno a Israele aprano i loro confini ai combattenti della jihad appartenenti ai popoli arabi e islamici, in modo che possano svolgere il loro ruolo e unire i loro sforzi a quelli dei loro fratelli – i fratelli musulmani in Palestina. Per quanto riguarda il resto dei paesi arabi e musulmani, chiediamo che facilitino il passaggio dei combattenti della jihad dentro e fuori di loro – questo è il minimo [che possano fare].

 

Non dovremmo mancare di ricordare a ogni musulmano che quando gli ebrei occuparono il luogo sacro [cioè Gerusalemme] nel 1967 e si fermarono sulla soglia della benedetta moschea di Al-Aqsa, gridarono: "Maometto è morto; i suoi discendenti sono donne". Israele con la sua identità ebraica e il suo popolo ebraico sta sfidando l’Islam e i musulmani. Possa il codardo non conoscere il sonno.

 

E. Gruppi e organizzazioni nazionaliste e religiose, intellettuali e mondo arabo e islamico

 

Articolo ventinove

 

Il Movimento di Resistenza Islamico spera che questi gruppi lo sostengano sotto ogni aspetto, lo aiutino, sostengano le sue posizioni, sostengano le sue attività e si sforzino di ottenere sostegno per esso, in modo che i popoli musulmani siano per esso un sostegno e un rafforzamento, e [fornirà] profondità strategica a tutti i livelli: [in termini di] risorse umane e materiali, informazioni, in ogni tempo e in ogni luogo. [Ciò dovrebbe essere fatto] tenendo conferenze, pubblicando opuscoli ideologici e indottrinando le masse riguardo alla questione palestinese – ciò che [i palestinesi] devono affrontare e ciò che viene complottato contro [loro]. [Allo stesso modo dovrebbero lavorare per] mobilitare i popoli islamici, ideologicamente, educativamente e culturalmente, in modo che svolgano il loro ruolo nella decisiva guerra di liberazione proprio come hanno fatto sconfiggendo i crociati e scacciando i mongoli, salvando così la civiltà umana. Questo non è difficile per Allah.

 

"Allah ha decretato: 'Io e i miei messaggeri prevarremo'; Allah è forte e onnipotente." (Corano, 58:21)

 

Articolo Trenta

 

Scrittori, intellettuali, operatori dei media, predicatori nelle moschee, educatori e tutti i vari settori del mondo arabo e islamico, sono tutti tenuti a svolgere il proprio ruolo e compiere il proprio dovere. [Ciò è necessario] a causa della ferocia dell’assalto sionista e del fatto che si è infiltrato in molti paesi e ha preso il controllo delle finanze e dei media – con tutte le conseguenze che ne conseguono – nella maggior parte dei paesi del mondo.

 

La Jihad non si limita a brandire armi e combattere i nemici faccia a faccia, poiché discorsi eloquenti, scritti persuasivi, libri efficaci, sostegno e aiuto – quando [sono] eseguiti con la sincera intenzione che la bandiera di Allah regnerà suprema – costituiscono tutti jihad per per amore di Allah.

 

[Come disse il profeta:] "Chiunque equipaggia un guerriero che combatte per amore di Allah è [lui stesso] un guerriero, e chiunque mantenga la famiglia di un guerriero [che ha deciso di combattere per amore di Allah] è [se stesso] un guerriero." (Registrato da Bukhari, Muslim, Abu Da'ud e Tirmidhi nelle loro raccolte di Hadith).

 

F. Seguaci delle altre religioni

 

Il Movimento di Resistenza Islamica è un Movimento Umano

 

Articolo trentuno

 

Il Movimento di Resistenza Islamica è un movimento umanitario che rispetta i diritti umani e si impegna nella tolleranza islamica verso i seguaci delle altre religioni. È ostile solo a coloro tra loro che mostrano ostilità nei suoi confronti o si mettono sulla sua strada, ostacolando le sue attività e vanificando i suoi sforzi. Sotto l’ala dell’Islam, i seguaci delle tre religioni – Islam, Cristianesimo ed Ebraismo – possono coesistere in tutta sicurezza. È solo sotto l’ala dell’Islam che la sicurezza e la protezione prevalgono. La storia recente e quella antica ne sono la prova migliore. I seguaci delle altre religioni dovrebbero smettere di competere con l’Islam per la sovranità in questa regione, perché, quando governano, non c’è altro che carneficina, tortura e deportazione, e non riescono ad andare d’accordo con la propria, tanto meno con i seguaci di altre religioni. Sia il presente che il passato sono pieni di prove di ciò.

 

"Non vi combattono insieme, se non all'interno di villaggi fortificati o dietro le mura. Combattono ferocemente tra loro. Li consideri uniti, ma i loro cuori sono divisi, perché sono un popolo senza senso." (Corano, 59:14)

 

L'Islam riconosce ad ogni persona i suoi diritti e impedisce qualsiasi violazione dei diritti degli altri. Le misure nazi-sioniste contro il nostro popolo non riusciranno a prolungare la durata della loro invasione, poiché il dominio dell’ingiustizia dura solo un’ora, mentre il dominio della verità durerà fino all’Ora della Resurrezione.

 

"Allah non vi proibisce di mostrare gentilezza e di agire giustamente verso coloro che non vi combattono a causa della vostra religione e non vi scacciano dalle vostre case. Allah ama coloro che agiscono giustamente." (Corano, 60:8)

 

G. Il tentativo di isolare il popolo palestinese

 

Articolo trentadue

 

Il sionismo mondiale e le potenze colonialiste tentano, con manovre intelligenti e pianificazione meticolosa, di tirare fuori gli stati arabi, uno per uno, fuori dal cerchio del conflitto con il sionismo, in modo da isolare infine il popolo palestinese. Ha già portato l’Egitto fuori dal cerchio del conflitto in larga misura attraverso gli insidiosi accordi di Camp David [del settembre 1978], e sta cercando di trascinare altri paesi [arabi] in accordi simili in modo che escano dal cerchio del conflitto.

 

Il Movimento di Resistenza Islamico invita tutti i popoli arabi e musulmani a impegnarsi seriamente e diligentemente per prevenire questo orribile progetto e ad allertare le masse sul pericolo insito nell’uscire dal cerchio del conflitto con il sionismo. Oggi è la Palestina, e domani qualche altro paese o paesi, perché il piano sionista non ha limiti, e dopo la Palestina vogliono espandere [il loro territorio] dal Nilo all’Eufrate, e quando finiscono di divorare un’area, hanno fame di ulteriore espansione e così via, indefinitamente. Il loro piano è esposto nei Protocolli dei Savi Anziani di Sion e il loro attuale [comportamento] è la migliore prova di ciò che stiamo dicendo.

 

Uscire dal cerchio del conflitto con il sionismo è un atto di alto tradimento; tutti coloro che faranno questo saranno maledetti. "Chiunque [quando combatte gli infedeli] volta loro le spalle, a meno che non stia manovrando per la battaglia o intenda unirsi a un'altra compagnia [combattente], incorre nell'ira di Allah e la sua dimora sarà l'inferno. Molto sfortunato è il suo destino." (Corano, 8:16)

 

Tutte le forze e le capacità devono essere messe in comune per affrontare questo feroce assalto mongolo e nazista, per evitare che le terre d’origine vadano perdute, le persone vengano esiliate, il male si diffonda sulla terra e tutti i valori religiosi vengano distrutti. Ogni persona dovrebbe sapere che è responsabile nei confronti di Allah.

 

"Chiunque fa una quantità di bene di un grano lo vedrà, e chiunque fa una quantità di male di un grano lo vedrà." (Corano, 99:7-8)

 

Nell’ambito del conflitto contro il sionismo mondiale, il Movimento di resistenza islamica si considera una punta di diamante o un passo avanti sulla strada [verso la vittoria]. Unisce i suoi sforzi a quelli di tutti coloro che sono attivi nell'arena palestinese. Resta ora il compito da intraprendere da parte del mondo arabo e islamico. [Il Movimento di Resistenza Islamico] è ben qualificato per la prossima fase [della lotta] contro gli ebrei, i guerrafondai.

 

"Abbiamo seminato inimicizia e odio tra loro [cioè tra gli ebrei] fino al Giorno della Resurrezione. Ogni volta che accendono il fuoco della guerra, Allah lo spegne. Si sforzano di spargere il male sulla terra, e Allah non ama coloro che fanno il male." (Corano, 5:64)

 

Articolo trentatré

 

Il Movimento di Resistenza Islamica – partendo da questi concetti generali che sono in armonia e accordo con le leggi della natura, e seguendo la corrente del destino divino verso il confronto con i nemici e il jihad contro di loro in difesa dei musulmani, della civiltà islamica e delle santità islamiche, principalmente la moschea di Al-Aqsa – invita i popoli arabi e islamici e i loro governi, nonché le loro ONG e organizzazioni ufficiali, a temere Allah nel loro atteggiamento nei confronti del Movimento di resistenza islamica e nel modo in cui lo trattano. Dovrebbero agire nei suoi confronti come Allah vuole che facciano, vale a dire appoggiarlo, sostenerlo, assisterlo e rafforzarlo continuamente, finché la parola di Allah non sarà soddisfatta. Allora i ranghi saranno tutti uniti, i combattenti della jihad si uniranno ad altri combattenti della jihad, e le masse di tutto il mondo islamico si precipiteranno fuori e risponderanno alla chiamata del dovere, gridando: "Affrettatevi alla jihad!" Questa chiamata penetrerà tra le nuvole del cielo e continuerà a risuonare finché la liberazione non sarà compiuta, gli invasori saranno sconfitti e la vittoria di Allah sarà rivelata.

 

"Allah sicuramente aiuta chiunque Lo aiuti; Allah è forte e potente." (Corano, 22:40)

 

Capitolo quinto:

Prove storiche attraverso le generazioni riguardo al confronto con gli aggressori

 

Articolo trentaquattro

 

La Palestina è il centro della Terra e il luogo d'incontro dei continenti; è sempre stato il bersaglio di avidi aggressori. È così fin dagli albori della storia. Il Profeta, la preghiera di Allah e la pace siano su di lui, sottolinea questo nelle sue nobili parole con cui si rivolse al suo esaltato compagno, Mu'adh b. Jabal, dicendo: "Oh Mu'adh, Allah ti darà la terra di Al-Sha'm dopo la mia morte, da Al-'Arish all'Eufrate. I suoi uomini, donne e ancelle saranno [costantemente] di stanza sulla frontiera fino al Giorno della Resurrezione, chiunque di voi scelga [di vivere in] qualche parte delle pianure costiere di Al-Sha'm o Bayt Al-Maqdis [cioè Palestina], sarà in uno stato [costante] di jihad fino al Giorno della Resurrezione."

 

Gli aggressori bramavano la Palestina in molte occasioni. L'hanno attaccata con grandi eserciti nel tentativo di realizzare le loro avide aspirazioni. Lì giunsero i grandi eserciti dei crociati, portando il loro credo religioso e issando la loro croce. Riuscirono a sconfiggere i musulmani per un po', e i musulmani riuscirono a riconquistarla solo quando combatterono sotto la loro bandiera religiosa, unirono le forze gridando "Allah Akbar" e iniziarono la jihad sotto il comando di Salah Al-Din Al-Ayyubi. per quasi due decenni, che portò ad una vittoria netta: i crociati furono sconfitti e la Palestina fu liberata.

 

"Dite ai miscredenti: certamente sarete sconfitti e raccolti nell'Inferno. Il più terribile sarà il vostro luogo di riposo." (Corano, 3:12)

 

Questa è l'unica via verso la liberazione, e non si può dubitare della testimonianza della storia. Questa è una delle regole dell'universo e le leggi della realtà. Solo il ferro può spezzare il ferro, e la loro fede falsa e fabbricata può essere superata solo dalla vera fede dell’Islam, poiché la fede religiosa non può essere attaccata se non attraverso la fede religiosa. E la verità alla fine trionferà, perché la verità è la più forte.

 

"Abbiamo già dato la Nostra Parola ai Nostri servi, i messaggeri, che saranno aiutati alla vittoria e che il Nostro esercito trionferà". (Corano, 37:171-173)

 

Articolo trentacinque

 

Il Movimento di Resistenza Islamico studia la sconfitta dei crociati per mano di Salah Al-Din Al-Ayyubi, la liberazione della Palestina da loro, così come la sconfitta dei mongoli ad 'Ayn Jalut e la rottura della loro forza militare mani di Qutuz e Al-Zahir Baybars, e la liberazione del mondo arabo dalla conquista mongola che distrusse tutti gli aspetti della civiltà umana.[13] [Il Movimento di Resistenza Islamico] studia seriamente questi [eventi] e ne trae lezioni ed esempi. L’attuale invasione sionista è stata preceduta dalle invasioni crociate da ovest e dall’invasione mongola da est. E proprio come i musulmani hanno affrontato queste invasioni, hanno fatto piani per combatterle e sconfiggerle, possono [ora] affrontare l’invasione sionista e sconfiggerla. Ciò non è difficile per Allah, a condizione che le intenzioni siano sincere e la risolutezza sia forte e che i musulmani traggano beneficio dalle esperienze del passato, si liberino delle influenze dell’invasione intellettuale e seguano le vie dei loro predecessori.

 

Conclusione:

Il Movimento di Resistenza Islamica – Soldati [per la Causa]

 

Articolo trentasei

 

Il Movimento di Resistenza Islamico, nella sua marcia in avanti, sottolinea ripetutamente a tutti i membri del nostro popolo e dei popoli arabi e musulmani che non cerca la fama per se stesso, o il guadagno materiale, o lo status sociale, e che non è rivolto contro alcun del nostro stesso popolo nel tentativo di competere con loro o di prendere il loro posto – niente del genere. Non si oppone a nessun musulmano o non musulmano che sia pacifico nei suoi confronti, qui [in Palestina] o altrove. Non offrirà mai altro che aiuto a tutti i gruppi e le organizzazioni che lottano contro il nemico sionista e contro i suoi lacchè.

 

Il Movimento di Resistenza Islamica adotta l'Islam come stile di vita. [L’Islam] è il suo credo e la sua legge. [Qualsiasi gruppo che] adotti l’Islam come stile di vita, qui o altrove – sia esso un’organizzazione, un’associazione, uno stato o qualsiasi altro gruppo – il Movimento di Resistenza Islamico fungerà da suoi soldati. Chiediamo ad Allah di guidarci, di guidare [gli altri] attraverso di noi e di giudicare tra noi e il nostro popolo con verità.

 

"Oh, Signore, giudica tra noi e il nostro popolo con verità. Tu sei il migliore dei giudici." (Corano, 7:89)

 

Alla fine imploriamo: Lode ad Allah, Signore dell’Universo.

 

 

***************

 

 

[1] Hasan Al-Banna' (1906-1949) fondò i Fratelli Musulmani nel 1928 e ne fu il direttore generale fino al suo assassinio nel 1949.

[2] Amjad Al-Zahawi era uno studioso religioso sunnita iracheno affiliato ai Fratelli Musulmani e attivo in varie iniziative a sostegno della causa palestinese.

[3] Hamas è l’acronimo arabo di Movimento di Resistenza Islamica (harakat al-muqawama al-islamiyya); è anche una parola araba che significa entusiasmo, ardore o zelo.

[4] A causa dell’importanza del concetto di jihad nell’ideologia di Hamas, lasciamo questo termine in arabo ovunque appaia nel testo.

[5] I versi di Muhammad Iqbal (1873-1938), poeta e pensatore religioso musulmano indiano, sono spesso utilizzati sia dai musulmani riformisti che da quelli conservatori a sostegno dei loro orientamenti opposti.

[6] Questo è un verso spesso citato del famoso poeta preislamico Tarafa.

[7] Negli scritti islamici medievali, Al-Sha'm si riferisce solitamente a un'area corrispondente grosso modo agli attuali Israele, Palestina, Libano, Giordania e Siria.

[8] La parola "nazionalismo" qui e altrove in questo documento è usata come l'equivalente del termine wataniyya, che deriva dalla parola araba watan ("patria"), e nel discorso arabo moderno significa nazionalismo territoriale particolarista, in contraddizione con a qawmiyya, che significa anche “nazionalismo”, ma è usato per riferirsi al nazionalismo panarabo.

[9] La frase "i seguaci dei movimenti islamici" è qui usata per tradurre il termine arabo al-islamiyyun.

[10] Nell'originale arabo il versetto è erroneamente indicato come 3:102.

[11] Questo è un Hadith ben noto (cioè un detto attribuito al Profeta).

[12] Questi sono due versi spesso citati dal poeta del VII secolo Miskin al-Darimi.

[13] Saif Al-Din Qutuz († 1260) fu il sultano mamelucco d'Egitto dal 1257 fino alla sua morte. Nel 1260, il comandante del suo esercito, Al-Zahir Baybars (1223-1277), sconfisse i mongoli nella battaglia di Ain-Jalut.

 

Documento da: MEMRI - Middle East Media Research Institute

 

Foto: Fanpage

 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie