Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/02/24 ore

La città di Sanandaj guida la battaglia per la libertà – La ‘Leningrado’ del Kurdistan orientale è assediata dalla Repubblica islamica dell'Iran



di Arif Bawecani*

e Anna Mahjar-Barducci**

(da Memri)

 

Il Kurdistan orientale è la roccaforte della "rivoluzione" contro la Repubblica islamica iraniana.

 

Da metà settembre, subito dopo l'uccisione di Jina Amini (Jina era il nome curdo originale di Mahsa Amini),[1] la città di Sanandaj ("Sna" in curdo e la capitale della provincia natale di Amini, il Kurdistan) ha iniziato a protestare giorno e notte nelle strade contro il regime, sotto lo slogan curdo "Jin, Jiyan, Azadi" ("Donna, Vita, Libertà", che in persiano è "Zan, Zendegi, Azadi").

 

In Kurdistan sono attive milizie provenienti da Iraq, Siria e Libano

 

Di conseguenza, l'area intorno a Sanandaj è stata assediata dalle forze di sicurezza. Decine di manifestanti curdi sono stati uccisi e centinaia feriti, mentre migliaia di persone sono state portate nelle carceri della provincia e sottoposte a tortura. Inoltre, la strada da Sanandaj ad altre città è stata posta sotto il completo controllo delle milizie Basij, mentre l'accesso a Internet e al telefono è limitato o inesistente.

 

Vale la pena notare che i residenti di Sanandaj riferiscono che la maggior parte delle forze di sicurezza parlano arabo tra di loro. Ciò suggerisce che l'Iran abbia portato le proprie milizie dall'Iraq, dalla Siria e dal Libano per occupare la città.

 

La polizia iraniana ha anche danneggiato edifici civili, per intimidire il popolo curdo di Sanandaj. Pertanto, molti residenti sono ora senzatetto e sfollati. Tuttavia, Sanandaj non tace. Come riportato dai video sui social media, anche gli studenti e gli insegnanti dell'Università di Scienze Mediche del Kurdistan e di altre facoltà e scuole di Sanandaj hanno scioperato, si sono rifiutati di frequentare le lezioni e si sono uniti alle proteste.[2] 

 

Il sostegno ai manifestanti a Sanandaj si è diffuso in altre città del Kurdistan e in tutto l'Iran. In effetti, il coraggio dei curdi ha ispirato altri gruppi di persone oppresse sotto il regime islamico iraniano a scendere in piazza, come il popolo del Baluchistan e di Ahwaz, e le stesse donne iraniane.

 

Le persone sono sotto pressione

 

La ribellione in corso contro la Repubblica Islamica è molto diversa dalle proteste del passato. Ora è diventata una rivolta nazionale che finora si sta verificando in 33 contee e 173 città in Iran e nel Kurdistan orientale. Soprattutto, le persone in tutto il mondo stanno iniziando a esprimere il loro sostegno e a vedere il vero volto della Repubblica islamica. Anche i governi occidentali stanno intraprendendo alcune azioni contro il regime, ma non sono ancora sufficienti. Le persone sono molto sotto pressione. Migliaia di iraniani sono stati feriti e non possono accedere agli ospedali e tutti sperano che le organizzazioni internazionali possano fornire assistenza medica.

 

L'Occidente dovrebbe ora dare la priorità alla libertà del popolo iraniano rispetto ai propri interessi finanziari nel commercio di petrolio, gas e armi. Anche gli ambasciatori della Repubblica islamica dovrebbero essere espulsi dai Paesi occidentali, così come l'attuale rappresentante iraniano alle Nazioni Unite.

 

Non si torna indietro

 

Le proteste sono in corso da più di un mese e il regime sta iniziando a perdere il controllo della maggior parte delle città e delle regioni. Le forze di sicurezza del regime sparano e uccidono persone, ma i manifestanti non si tirano indietro e sono pronti a continuare la rivolta per i prossimi mesi, poiché la gente vuole che la Repubblica islamica cessi di esistere. Non c'è più spazio per il dialogo. Non si torna indietro.

 

Tutte le nazioni oppresse dell'Iran sono questa volta unite in un fronte, poiché hanno capito che solo essendo unite possono sconfiggere la Repubblica Islamica una volta per tutte. Vale la pena notare che anche gli azeri stanno partecipando ampiamente a Tabriz. Hanno cantato slogan sulla fratellanza curdo-azera. Questo è molto importante, considerando che il Leader Supremo Ali Khamenei è lui stesso azero. A Urmia, città curda in Iran, curdi e azeri hanno partecipato a scioperi e manifestato insieme, anche se il regime ha sempre cercato di creare problemi tra i due gruppi.

 

Il popolo curdo in prima linea contro la dittatura

 

Il popolo curdo e la nazione curda in generale sono sempre stati in prima linea nella lotta alla dittatura. In particolare, negli ultimi 43 anni il Kurdistan orientale si è costantemente opposto al regime dittatoriale islamico iraniano, chiedendo i diritti umani fondamentali e il suo diritto all’autodeterminazione.

 

Ora, la città di Sanandaj viene pesantemente bombardata e i manifestanti vengono presi di mira con proiettili veri, ma continuano a resistere. Sanandaj è l'odierna Leningrado, poiché le milizie Basij assediano la città, attaccando e uccidendo senza pietà i civili. Sanandaj, come Leningrado, ha un significato simbolico.

 

Qui è dove è iniziata la rivoluzione, e qui è da dove è arrivata Jina Amini.

 

Ancora una volta, il popolo curdo sente la responsabilità di lottare per la libertà, non solo per il Kurdistan, ma per tutto l'Iran, per il Medio Oriente e oltre. Infatti, una volta caduta la Repubblica islamica, movimenti terroristi come Hezbollah e Hamas, e regimi dittatoriali come quello di Maduro in Venezuela, si troveranno più isolati. Quindi, la battaglia contro la Repubblica islamica iniziata da Sanandaj è quella di contribuire a un mondo più pacifico e stabile.

 

* Arif Bawecani è Leader del Partito Serbesti Kurdistan (PSK) il partito curdo liberaldemocratico, originario del Kurdistan orientale; ed è attivo nella lotta per i diritti curdi e iraniani

** Anna Mahjar-Barducci è ricercatrice senior MEMRI e da sempre collaboratrice di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale.

  

___________________________________  

 

 

[1] Vedi MEMRI Daily Brief n. 420, Restituiscile il suo nome curdo: Jina Amini, 10 ottobre 2022.

[2] Rudaw.net/english/middleeast/iran/041020221, 4 ottobre 2022.

 

da MEMRI / 14 ottobre 2022 

 

Foto Manifestanti a Sanandaj (Source: HRANA)

 



 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie