Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/04/24 ore

Iran e Cuba. Dall’Avana a Teheran inni alla libertà in attesa che il mondo li ascolti



Il 19 ottobre 2022 è stato caricato sul canale YouTube “Azadi” un video che è un mashup di “Patria y Vida”, interpretato dai rapper cubani Yotuel Romero, Descemer Bueno, Maykel “Osorbo"Castillo, El Funky e il gruppo Gente de Zona e “Baraye …” eseguita dal cantante iraniano Shervin Hajipour.

 

Patria y Vida” è stato associato alle proteste del 2021 contro il regime cubano e il Partito Comunista di Cuba. Allo stesso modo, “Baraye…” è diventato l'inno delle proteste in corso contro la Repubblica islamica dell'Iran. "Per ballare per strada [nella Repubblica islamica è vietato ballare in pubblico]. Per ogni volta abbiamo avuto paura di baciare i nostri amanti. Per la vergogna di una tasca vuota. Per il desiderio di una vita normale... Per le donne , vita , libertà [lo slogan della protesta]. “Per la libertà”, recita il testo di “Baraye…”, estratto dai messaggi pubblicati sui social dagli iraniani.

 

 

 

- Mashup di canzoni associate alle proteste iraniane e cubane: niente più bugie, vogliamo libertà!

 

Entrambe le canzoni sono inni alla libertà. In effetti, entrambi i paesi sono sotto dittature (dittature alleate tra loro e dichiarate nemiche degli Stati Uniti), che sono iniziate con rivoluzioni “malvagie” (come dice la canzone “Patria y Vida”).

 

Nel 1959, la rivoluzione cubana portò al potere il dittatore Fidel Castro e nel 1979 (esattamente vent'anni dopo), la rivoluzione iraniana rovesciò la dinastia Pahlavi e la sostituì con la repubblica islamica sotto il governo dell'ayatollah Ruhollah Khomeini. Dopo la morte di Khomeini nel 1989, Sayyid Ali Hosseini Khamenei è diventato il leader supremo dell'Iran e il dittatore più longevo del Medio Oriente.

 

Vale la pena notare che Hajipour è stato arrestato dalle Guardie Rivoluzionarie, dopo aver diffuso su Instagram la canzone “Baraye…”. Allo stesso modo, il rapper cubano Maykel “Osorbo” è stato condannato a nove anni di reclusione, mentre l'artista e dissidente Luis Manuel Otero Alcántara (che ha anche partecipato al video del brano “Patria y Vida”) è stato condannato a cinque anni di reclusione.

 

Questo mashup mostra che le richieste di libertà continuano a risuonare forte e chiaro dall'Avana a Teheran, in attesa che il mondo le ascolti per una volta.

 


 

Gloria Estefan, la cantante cubana che nella sua trentennale carriera ha venduto più di 100 milioni di dischi in tutto il mondo, ha inviato a Anna Mahjar-Barducci, che ha rilanciato il video tramite il sito del Memri e poi di Agenzia Radicale, un suo like di sostegno…

 

- Mashup di canzoni associate alle proteste iraniane e cubane: niente più bugie, vogliamo libertà!

 

_____________________________________ 

 

APPENDICE

 

(traduzioni dei testi delle due canzoni, cubana e iraniana, poi remixate)

 

Patria e Vita 

 

Sei tu il mio canto di sirena (si riferisce a Cuba)

Perchè con la tua voce se ne vanno le mie pene

Questo sentimento ormai è vecchio

Mi fai così male anche se sei lontana

Oggi ti invito a camminare per le mie rovine

Per dimostrarti a cosa servono i tuoi ideali

Siamo umani anche se non la pensiamo uguale

Non trattiamoci o facciamoci male come animali

Questo è il mio modo di dirtelo

Piange il mio popolo e sento la sua voce

Tu cinque nove, io doppio due*

60 anni bloccati a domino*

Molta enfasi ai 500 anni dell’Havana

Mentre nelle case dentro alle pentole non hanno cibo

Cosa celebriamo se la gente va di fretta

Scambiando Che Guevara e Martí per la divisa

Tutto è cambiato, non è più lo stesso

Tra me e te c’è un abisso

Pubblicità di un paradiso a Varadero

Mentre le mamme piangono per i figli che se ne sono andati

E’ finita, tu cinque nove, io doppio due

60 anni bloccati a domino

Siamo artisti, siamo sensibilità

La storia vera, non quella mal raccontata

Siamo la dignità di un popolo intero calpestata

Con pistole puntate e parole che non valgono niente

Non più bugie, il mio popolo chiede libertà, niente più dottrine

Non gridiamo più Patria e Morte ma Patria e Vita

E abbiamo iniziato a costruire quello che sognavamo, quello che hanno distrutto con le loro mani

Che smetta di scorrere sangue, per il fatto di pensarla diversamente

Chi vi ha detto che Cuba è vostra, se Cuba è di tutta la mia gente

E’ finita, è scaduto il vostro tempo, è stato rotto il silenzio

E’ finita, sono finite le risate, le lacrime stanno scorrendo

E’ finita, non abbiamo paura, è finito l’inganno

E’ finita sono sessantadue anni che fate danni

Abbiamo vissuto lì con l’incertezza del passato, abbandonati

Quindici anni in posizione, pronti per morire

Issavamo la bandiera mentre ancora quotidianamente continuava la repressione del regime

Anamel e Ramon decisi con la loro poesia

Omara Ruiz Urquiola motivandoci la vita

Hanno rotto la nostra porta, violato il nostro templio**

E il mondo è cosciente del fatto che il movimiento San Isidro** continua

Continuiamo così, la sicurezza farà luce

Quanto mi indignano queste cose, è finito l’enigma

Lo sai già la tua rivoluzione è maligna, io sono funky style ti lascio la mia firma

Voi siete in eccesso, non ce n’è più per voi, andrete via a breve

Il popolo si è stancato di continuare a sopportare, una nuova alba stiamo aspettando.

 

(traduzione di Gloria Gallo)

 

* Nel testo ci sono vari riferimenti al DOMINO (gioco da tavola considerato come il secondo sport di Cuba dopo il baseball) La tranca è una mossa che fa terminare la partita perchè blocca l’altro giocatore dal poter fare la sua mossa “sesenta años trancando el domino” è come dire che non c’è stata possibilità per il popolo cubano di giocare, di fare la sua mossa perchè sono sempre stati “bloccati” dal regime per 60 anni.

 

** Il Movimento San Isidro è un’iniziativa promossa da artisti, attivisti, giornalisti, intellettuali e chiunque si senta indipendente, per la promozione, la tutela e la difesa della libertà di espressione, associazione, creazione e diffusione di arte e cultura a Cuba. In particolare nel testo viene citata l’entrata violenta della Sicurezza di Stato il 26 novembre nella sede del Movimento San Isidro per reprimere un momento di aggregazione in cui si leggevano poesie e si partecipava ad uno sciopero della fame per la liberazione del rapper contestatario Denis Solís.

 

 

*****************

 

 

Shervin Hajipour 

 

Baraye 

 

Per ballare per strada

Avere paura, baciarsi in tempo

Per mia sorella, tua sorella, le nostre sorelle

Per cambiare i cervelli che marciscono

Per vergogna, per mancanza di soldi

 

Perdere una vita normale

Per il bambino della spazzatura e i suoi sogni

Per questa economia di comando

Per quest'aria inquinata

Per Waliasr e alberi consumati

 

Per la vittoria e la possibilità della sua estinzione

Proibito per cani innocenti

Per un pianto senza fine

Perché l'immagine ripeta questo momento

Per un viso sorridente

Per gli studenti per il futuro

Per questo paradiso obbligatorio

Per le élite imprigionate

 

Per i bambini afgani

Per tutti questi “per…” non ripetitivi

Per tutti questi slogan vuoti

Per le macerie delle case finte

Per sentirsi rilassati

  

Per il sole dopo lunghe notti

Per i nervi e le pillole per l'insonnia

Per uomo, paese, insediamento

Per la ragazza che avrebbe voluto fosse un maschio

Per le donne, la vita, la libertà

per la libertà

per la libertà

per la libertà

  

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie