Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/11/20 ore

Per la Cina i diritti umani non possono essere universali


  • Anna Mahjar-Barducci

 

 

 

 

Anna Mahjar-Barducci, direttrice del progetto MEMRI Russian Media Studies, collabora da anni con Agenzia Radicale e Quaderni Radicali. Quello che segue è un suo articolo in cui analizza le contraddittorie politiche della Cina sui diritti umani… (da Memri)

 

 

 

 

********************* 

 

 

Introduzione

 

Il 13 ottobre 2020, Cina e Russia sono state rielette al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite per il mandato 2021-2023. Contrariamente alla Russia, che non ha rilasciato dichiarazioni trionfali, la Cina si è affrettata a congratularsi con se stessa per la sua rielezione al Consiglio.

 

"La Cina esprime sentita gratitudine agli Stati membri per il loro sostegno e si congratula vivamente con gli altri membri eletti", si legge in un comunicato stampa diffuso dalla missione cinese alle Nazioni Unite. Ha continuato: "La Cina attribuisce sempre grande importanza alla promozione e alla protezione dei diritti umani. Seguendo un percorso con caratteristiche cinesi, la Cina ha ottenuto grandi risultati nello sviluppo dei diritti umani”. [1]

 

Anche il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha esultato per le elezioni: "Questo [voto] riflette pienamente l'elevato riconoscimento da parte della comunità internazionale dello sviluppo e del progresso della causa dei diritti umani della Cina e della partecipazione della Cina alla governance globale dei diritti umani". [2]

 

Il 16 ottobre, il ministero degli Esteri cinese ha denunciato le accuse del 13 ottobre del Segretario di Stato americano Mike Pompeo di violazioni dei diritti umani. [3] In risposta, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha richiamato gli Stati Uniti per il loro "terribile record sui diritti umani e le libertà religiose". Ha poi aggiunto: "Esortiamo Pompeo a rispettare i fatti e smettere di fabbricare ogni tipo di menzogna legata alla Cina. Altrimenti, danneggerà ulteriormente la sua stessa credibilità, l'immagine e gli interessi degli Stati Uniti”. [4]

 

Portavoce del Partito Comunista Cinese Global Times: "La Cina è un costruttore di sforzi per i diritti umani"

 

In vista delle elezioni del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, il 9 ottobre 2020, l'editoriale Global Times, portavoce del Partito Comunista Cinese (PCC) proprio il 9 ottobre 2020, titolava "Le élite statunitensi non cercano più la verità dai fatti", ha accusato gli Stati Uniti di perdere "lo spirito più basilare di ricerca della verità" dai fatti in politica. Ha affermato che per gli Stati Uniti "mentire per scopi politici sta diventando normale". [5]

 

L'editoriale ha sottolineato in particolare che gli Stati Uniti mentono sempre più sulla Cina, in particolare sulle violazioni dei diritti umani, dal momento che Washington sente la pressione della crescente potenza di Pechino. "Basta guardare a come il potere dominante degli Stati Uniti e alcune élite occidentali hanno diffamato brutalmente la Cina. Hanno attaccato maliziosamente il Partito Comunista Cinese, un partito che guida lo sviluppo della Cina e mantiene un atteggiamento amichevole con il mondo. Descrivono la Cina come il la cosiddetta forza del male che sabota l'ordine mondiale e hanno definito la normale concorrenza tra la Cina e altri paesi, come gli Stati Uniti, come un'ostilità sovversiva. Hanno anche etichettato il potere tecnologico della Cina e gli studenti stranieri, considerandoli come parte del sistema di intelligence”.

 

Definendo il giudizio degli Stati Uniti sulla Cina "arrogante" e "vizioso", ha continuato: "I diritti umani di nessun paese sono perfetti. Gli Stati Uniti e la Cina hanno entrambi problemi di diritti umani". La Cina, ha detto, "è un costruttore di sforzi per i diritti umani" e Pechino "non perseguiterà mai maliziosamente i diritti di una certa minoranza o gruppo politico". Ha aggiunto che, tuttavia, per mantenere "l'ordine nazionale", la Cina ha adottato "le misure necessarie nell'ambito del suo sistema politico ... Gli Stati Uniti non amano alcune delle misure della Cina, e viceversa". [6]

 

Libro bianco del governo di Pechino: il popolo cinese ha tratto "il proprio punto di vista" sui diritti umani "dalle proprie condizioni storiche"

 

Un libro bianco del governo cinese sui diritti umani, intitolato "Diritti umani in Cina" e pubblicato dai siti web delle ambasciate e dei consolati cinesi, [7] ha spiegato che i diritti umani nella "vecchia Cina" erano stati violati dalle "tre grandi montagne" - imperialismo, feudalesimo e capitalismo burocratico. Ha proseguito affermando che dall'istituzione della Repubblica popolare cinese, la situazione dei diritti umani nel paese "ha preso una svolta fondamentale per il meglio":

 

"Facendo tesoro di questo risultato ottenuto a fatica, il governo cinese e il popolo non hanno risparmiato sforzi per salvaguardare i diritti umani e migliorare costantemente la loro situazione in materia di diritti umani, e hanno ottenuto risultati notevoli. Ciò ha ottenuto la piena conferma e l'equa valutazione da parte di tutte le persone che hanno un reale comprensione delle condizioni cinesi e che non hanno pregiudizi".

 

Il Libro bianco ha proseguito sottolineando che il popolo cinese ha tratto "il proprio punto di vista" sui diritti umani, "dalle proprie condizioni storiche, dalle realtà del proprio paese e dalla propria lunga esperienza pratica". Ha sottolineato che la situazione dei diritti umani di un paese "non dovrebbe essere giudicata in totale disprezzo della sua storia e delle condizioni nazionali, né può essere valutata secondo un modello preconcetto o le condizioni di un altro paese o regione". [8]

 

Il Libro bianco cinese fa eco al filosofo anti-liberale russo Dugin: la globalizzazione sta cercando di imporre i diritti umani a tutta l'umanità, sottoponendola alla standardizzazione del modello occidentale

 

Il libro bianco cinese "Diritti umani in Cina" fa eco alle idee del filosofo anti-liberale russo Alexander Dugin, che sfida il concetto occidentale di diritti umani. Dugin ha definito "l'ideologia dei diritti umani" ‘razzista’ perché afferma l 'individuo - un concetto liberale - come "l'unico modo per comprendere la natura umana". In una conferenza del 2018 al China Institute of Fudan University di Shanghai, Dugin ha affermato che il PCC è inaccettabile nel "piano degli americani", quindi Washington cerca di cambiare la Cina spingendo più liberalizzazione, capitalizzazione e diritti umani. [9]

 

Rifiutando la nozione di universalismo dei diritti umani, Dugin sostiene che essi, insieme alla democrazia, sono valori locali, non valori universali, in quanto emergono dal particolare sviluppo di una singola cultura. "La globalizzazione sta cercando di imporre [i diritti umani] a tutta l'umanità come qualcosa che è universale e dato per scontato. Questo tentativo sostiene implicitamente che i valori di tutti gli altri popoli e culture sono imperfetti, sottosviluppati e dovrebbero essere soggetti a modernizzazione e standardizzazione a imitazione del modello occidentale ", afferma Dugin. [10]

 

Il white paper cinese sottolinea questo principio esatto, vale a dire che la situazione dei diritti umani di qualsiasi paese deve essere vista nel contesto della sua storia e delle condizioni nazionali e non può essere valutata utilizzando un "modello preconcetto", ovvero un modello occidentale.

 

Il documento n. 9 sfida il concetto di "valori universali"

 

Vale la pena notare che il noto Documento n. 9, il documento interno riservato circolato all'interno del PCC il 22 aprile 2013 subito dopo l'elezione del 14 marzo a presidente della Repubblica popolare cinese di Xi Jinping, sfida questo stesso concetto di "universale valori." Afferma:

 

"L'obiettivo di sposare 'valori universali' è affermare che il sistema di valori dell'Occidente sfida il tempo e lo spazio, trascende la nazione e la classe e si applica a tutta l'umanità ... [Quelli che sposano i valori universali] credono che la libertà, la democrazia e i diritti sono universali ed eterni. Ciò è evidente nella loro distorsione della promozione della democrazia, della libertà, dell'uguaglianza, della giustizia, dello stato di diritto e di altri valori simili da parte del Partito; affermano che "l'accettazione dei valori universali da parte del PCC è una vittoria per valori ", che "i valori dell'Occidente sono la norma prevalente per tutta la civiltà umana, che solo quando la Cina accetta i valori occidentali avrà un futuro e che Riforma e apertura è solo un processo di accettazione graduale dei diritti universali ".

 

"Dato il predominio a lungo termine delle nazioni occidentali nei regni dell'economia, degli affari militari, della scienza e della tecnologia, questi argomenti possono essere confusi e ingannevoli. L'obiettivo [di tali slogan] è oscurare le differenze essenziali tra il sistema di valori dell'Occidente e il sistema di valori che sosteniamo, utilizzando in ultima analisi i sistemi di valori dell'Occidente per soppiantare i valori fondamentali del socialismo. “[11]

 

I diritti umani sono un pretesto per calunniare la Cina

 

Secondo il Global Times, quelle che gli Stati Uniti vedono come violazioni dei diritti umani sono in realtà misure necessarie prese dalla Cina nel "proprio sistema politico" per "mantenere l'ordine nazionale". Sottolineando che la definizione delle élite statunitensi e occidentali del mantenimento dell'ordine da parte della Cina è soggettiva, vale a dire una visione basata sul sistema di valori dell'Occidente, ha aggiunto che le accuse degli Stati Uniti sono "staccate dalla realtà cinese" e distorte dal Modello occidentale "egemonico". [12]

 

Nell'editoriale del giorno precedente, intitolato "L'ipocrisia dei diritti umani dell'Occidente [è] senza vergogna", pubblicato l'8 ottobre 2020, il giornale ha esposto il suo punto di vista in opposizione all'universalismo dei diritti umani. "I paesi in via di sviluppo sostengono la Cina sulle questioni relative ai diritti umani, perché si trovano in una situazione simile. Capiscono che i concetti e le pratiche dei diritti umani della Cina sono in linea con la realtà del paese." [13] Ha continuato affermando che gli Stati Uniti e l'Occidente non si preoccupano veramente dei diritti umani in Cina, ma stanno usando la questione come pretesto per diffamare la Cina. "L'ultima cosa che i politici occidentali, in particolare i politici americani, accettano è che la vita del popolo cinese sta migliorando sempre di più. Non amano la modernizzazione della Cina e desiderano che la Cina rimanga indietro. Non è stato il fulcro della politica cinese di Washington negli ultimi tempi? anni per costringere la Cina a fermare lo sviluppo? L'Occidente dovrebbe smetterla di fingere di preoccuparsi dei diritti umani in Cina. Tale ipocrisia è disgustosa "[14].

 

"Gli Stati Uniti dovrebbero vergognarsi"

 

Secondo il Global Times, gli Stati Uniti, e non la Cina, dovrebbero essere esaminati per le violazioni dei diritti umani. [15] Sottolineando che la risposta degli Stati Uniti alla pandemia di coronavirus era fallita, ha aggiunto che non era quindi in grado di dare lezioni alla Cina:

 

"Se prendono veramente sul serio i diritti umani, dovrebbero prima tenere sotto controllo l'epidemia di COVID-19 nel loro stesso paese, così meno persone saranno infettate, meno moriranno e meno saranno impoverite dall'epidemia. Che vergogna da parte degli Stati Uniti parlare di diritti umani quando hanno così tante morti ogni giorno. Gli Stati Uniti dovrebbero vergognarsi”. [16]

 

Promuovendo invece la narrazione che la lotta della Cina contro la pandemia è un successo e quindi la Cina è moralmente superiore agli Stati Uniti, il quotidiano ha proseguito: "L'epidemia ha dimostrato che il governo cinese è uno dei governi più responsabili per la salute delle persone. La Cina lo è uno dei paesi di maggior successo nella lotta contro il COVID-19. Con questo esempio, l'opinione pubblica americana e occidentale può verificare se la loro calunnia nei confronti del governo cinese è realistica “. [17]

 

Conclusione

 

La rielezione di Cina e Russia al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha suscitato critiche da parte dei gruppi per i diritti umani. Tuttavia, a differenza della Russia e di altri regimi non democratici del Consiglio, Pechino sta sviluppando un'ideologia antiliberale sponsorizzata dallo stato che ha al centro il concetto che i diritti umani sono relativi e possono essere compresi in modo diverso secondo le tradizioni culturali locali.

 

Pur riconoscendo la Dichiarazione universale dei diritti umani come un documento importante, il Libro bianco di Pechino "Diritti umani in Cina" afferma:

 

"L'evoluzione della situazione riguardo ai diritti umani è circoscritta dalle condizioni storiche, sociali, economiche e culturali di varie nazioni e implica un processo di sviluppo storico. A causa di enormi differenze nel contesto storico, sistema sociale, tradizione culturale ed economica sviluppo, i paesi differiscono nella loro comprensione e pratica dei diritti umani. Dalle loro diverse situazioni, hanno assunto atteggiamenti diversi nei confronti delle pertinenti convenzioni delle Nazioni Unite. Nonostante il suo aspetto internazionale, la questione dei diritti umani rientra in gran parte nella sovranità di ogni paese”. [18]

 

La rielezione della Cina al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite non solo contraddice la Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite, ma rappresenta anche un tentativo di sfidare, all'interno delle istituzioni internazionali, l'esistenza intrinseca dei diritti umani universali. Nel frattempo, la Cina porta avanti i suoi sforzi costanti per guadagnare un terreno morale elevato nell'arena internazionale.

 

* Anna Mahjar-Barducci è direttrice del progetto MEMRI Russian Media Studies.

 

_________________________________________ 

 

 

1] Xinhuanet.com/english/2020-10/14/c_139438114.htm, 14 ottobre 2020.

 

[2] Apnews.com/article/beijing-elections-china-united-nations-mike-pompeo-4d9e62090504f14b30c48ada554710d6, 14 ottobre 2020.

 

[3] Iri.org/resource/secretary-pompeo-leads-celebration-freedom-iris-annual-award-ceremony,

14 ottobre 2020; Globaltimes.cn/content/1203662.shtml, 16 ottobre 2020.

 

[4] Globaltimes.cn/content/1203662.shtml, 16 ottobre 2020.

 

[5] https://www.globaltimes.cn/content/1202994.shtml

 

[6] https://www.globaltimes.cn/content/1202994.shtml

 

[7] Lt.chineseembassy.org/eng/zt/zfbps/t125236.htm.

 

[8] Lt.chineseembassy.org/eng/zt/zfbps/t125236.htm.

 

[9] Eurasianist-archive.com/2019/01/02/dugin-in-shanghai-international-relations-and-geopolitics-lecture-2, 2 gennaio 2019

 

[10] Symbioid.com/pdf/Politics/The%20Fourth%20Political%20Theory%20-%20Dugin,%20Alexander.pdf?view=FitH, 2012.

 

[11] https://www.chinafile.com/document-9-chinafile-translation

 

[12] Globaltimes.cn/content/1202994.shtml, 9 ottobre 2020.

 

[13] Globaltimes.cn/content/1202918.shtml, 8 ottobre 2020.

 

[14] Globaltimes.cn/content/1202918.shtml, 8 ottobre 2020.

 

[15] Globaltimes.cn/content/1202918.shtml, 8 ottobre 2020.

 

[16] Globaltimes.cn/content/1202918.shtml, 8 ottobre 2020.

 

[17] Globaltimes.cn/content/1202994.shtml, 9 ottobre 2020.

 

[18] lt.chineseembassy.org/eng/zt/zfbps/t125236.htm.

 

° 19 ottobre 2019 (da Memri)

 

 

Foto: Human Rights Council (Source: universal-rights.org) 

 

 


Aggiungi commento