Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/10/20 ore

Cina, Russia e creazione di un ordine mondiale multipolare: l’antiliberale prospettiva russa di Alexander Dugin


  • Anna Mahjar-Barducci

“… La storia non si ripete, ma fa rima, diceva Mark Twain. Oggi, infatti, stiamo assistendo alla stessa assenza di ordine mondiale, che i nostri nonni avevano vissuto all'indomani della fine della Grande Guerra…” - così Anna Mahjar-Barducci, direttrice del progetto MEMRI Russian Media Studies,  in suo articolo su Agenzia Radicale di cui è collaboratrice, ricostruiva i totalitarismi del XXI secolo. “…

 

L’Europa - aggiungeva -, in ogni caso, con l'ascesa economica della Cina, non può essere da sola un attore competitivo. La Cina è oggi un rivale degli stessi Stati Uniti. L'unico modo per l'Occidente di mantenere la propria influenza è di ritrovare la propria unità. Gli Stati Uniti sono legati all'Europa dallo stesso cordone ombelicale e la rottura di questo cordone può creare soltanto l'indebolimento dell'Occidente. "Da soli possiamo fare così poco, insieme possiamo fare così tanto," diceva l'imprenditore scozzese-americano Andrew Carnegie.Per prevenire l'autodistruzione dell'Occidente, è necessario trovare un equilibrio tra società liquida e società solida. La priorità è di costruire una nuova cultura liberale, un metodo che riporti un ordine, in cui i diritti di ogni individuo vengano rispettati, e al contempo in cui l'identità collettiva non sia negata o annullata.

 

Quello che segue è  la traduzione del secondo di due interventi che Anna Mahjar-Barducci ha redatto per il MEMRI e che consentono di comprendere quanto il nostro sistema informativo riesce a sottrarci larga parte delle notizie e degli approfondimenti dei contesti in cui ci muoviamo…

  

 

*******************

 

 

Introduzione

 

Nell'ultimo decennio, il principale filo conduttore della politica cinese e russa è stata la creazione di un ordine mondiale multipolare. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, durante il suo incontro dell'11 settembre 2020 con il suo omologo russo Sergey Lavrov a Mosca, ha sottolineato ancora una volta che la multipolarizzazione del mondo è una tendenza inevitabile nello sviluppo della società umana. [1] Pochi giorni dopo, Lavrov ha dichiarato che l'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) ha avviato una serie di iniziative importanti per la creazione di un nuovo mondo multipolare. [2]

 

Multipolarità vs. Unipolarità

 

La teoria del mondo multipolare è stata per lo più sviluppata da scienziati politici in Russia, in particolare dalla scuola eurasianista e dalla scuola russa di geopolitica. [3] Nel 2018, il filosofo anti-liberale russo e fondatore del Movimento Eurasia, Alexander Dugin, ha tenuto diverse conferenze sul tema del multipolarismo all'Università Fudan di Shanghai, una delle università d'élite della Cina. [4] Nelle sue lezioni, Dugin ha spiegato al suo pubblico cinese che per comprendere il multipolarismo, è importante prima di tutto definire unipolarismo. [5]

 

"L'unipolarità è esattamente ciò che abbiamo nella politica concreta dopo la caduta dell'Unione Sovietica. Questo è stato dichiarato il 'momento unipolare'. [6] Il multipolarismo è il concetto o la teoria che sfida questa unipolarità [cioè, la superiorità economica e militare degli Stati Uniti e la influenza o dominio, dal punto di vista russo, in tutto il mondo] ", ha spiegato Dugin. Il filosofo politico russo ha ulteriormente chiarito che il mondo è ora in una transizione dall'unipolarismo al multipolarismo.

 

Durante la Guerra Fredda, abbiamo assistito a un mondo bipolare, con gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica che rappresentavano le due principali potenze globali. In questo sistema, il Terzo Mondo esisteva "ai margini" di questo ordine mondiale generale. Con il crollo dell'Unione Sovietica, ha sottolineato Dugin, è stata promossa una nuova idea di unipolarismo.

 

"L'unipolarità ha guadagnato terreno nei dibattiti teorici nelle relazioni internazionali dopo il crollo dell'Unione Sovietica", ha spiegato Dugin. "Quel momento fu precisamente dichiarato il 'momento unipolare' da [pensatore politico americano] Charles Krauthammer. Il 'momento unipolare' significava la creazione del concetto di un sistema unipolare con un polo e una periferia nella realtà concreta. Ma Krauthammer non era sicuro se questo sarebbe durato per sempre, o se sarebbe finito nel tempo. Non era sicuro se fosse un ordine mondiale o una situazione temporanea. Così, ha chiamato il "momento unipolare" con questo termine molto corretto. "

 

Citando la fine della storia di Francis Fukuyama, Dugin ha sottolineato che, con il crollo dell'Unione Sovietica, l'Occidente non ha avuto altri poli o sistemi di confronto. Rimaneva un solo sOistema: la democrazia capitalista liberale, con l'Occidente riconosciuto come leader globale. "Quindi, c'erano l'Occidente e il Resto", ha valutato il filosofo russo. [7]

 

Il sistema unipolare inizia a erodere

 

Tuttavia, sostiene Dugin, questo sistema unipolare ha cominciato a erodersi con gli attacchi dell'11 settembre dei terroristi islamici al World Trade Center e con l'ascesa al potere del presidente russo Vladimir Putin: "Allora sembrava che il momento unipolare non fosse più unipolare ordine mondiale, che qualcosa è andato” storto'' con l'unipolarità. “Normalmente'' non avrebbe dovuto esserci qualcosa come l'attacco terroristico dell'11 settembre, perché non c'era nessuno stato che potesse attaccare gli Stati Uniti, nessuna civiltà, nessun sistema politico ... La Russia in quel momento era in una situazione molto bassa con Eltsin, ed era sull'orlo del collasso dopo l'Unione Sovietica. Ma Putin iniziò a riaffermare la Russia come paese sovrano. Questa era una sorta di sfida al sistema unipolare. "[8]

 

In effetti, vale la pena notare che nel 2007 Putin ha tenuto il suo famoso discorso di Monaco, in cui ha sfidato proprio la nozione di unipolarismo e la supremazia dell'Occidente nella politica globale. Putin ha detto: "Che cos'è un mondo unipolare? Per quanto si possa abbellire questo termine, alla fine si riferisce a un tipo di situazione, vale a dire un centro di autorità, un centro di forza, un centro di processo decisionale.

 

È un mondo in cui c'è un padrone, un sovrano. E alla fine questo è pernicioso non solo per tutti quelli all'interno di questo sistema, ma anche per il sovrano stesso perché si distrugge dall'interno.

 

E questo certamente non ha nulla in comune con la democrazia. Perché, come sapete, la democrazia è il potere della maggioranza alla luce degli interessi e delle opinioni della minoranza.

 

Per inciso, a noi, Russia, viene costantemente insegnata la democrazia. Ma per qualche ragione coloro che ci insegnano non vogliono imparare da soli.

 

Ritengo che il modello unipolare non sia solo inaccettabile ma anche impossibile nel mondo di oggi ... Ciò che è ancora più importante è che il modello stesso è difettoso perché alla sua base non ci sono e non possono esserci fondamenti morali per la civiltà moderna”. [ 9]

 

Parallelamente agli attacchi terroristici dell'11 settembre e all'ascesa al potere di Putin, Dugin ha sottolineato che un altro elemento ha iniziato a erodere l'unipolarità: l'ascesa della Cina come attore globale, che sfida ulteriormente il sistema unipolare. In effetti, secondo Dugin, viviamo alla fine dell'unipolarità.

 

La definizione di un polo

 

Secondo Dugin, il sistema che dovrebbe sostituire l'unipolarità è il multipolarismo, che può essere meglio definito descrivendo ciò a cui si oppone: "Il multipolarismo è contro l'unipolarità ... Il multipolarità è contro l'egemonia su tre livelli - prima di tutto strategico, cioè contro l'americano dominio militare del mondo con basi militari americane ovunque nel mondo ... Il multipolarismo è contro l'egemonia ideologica come globalizzazione, liberalismo e diritti umani ... "[10]

 

Vale la pena notare che Dugin sfida il concetto di diritti umani dell'Occidente. Secondo il filosofo russo, "l'ideologia dei diritti umani" è "razzista", poiché afferma l '"individuo", un concetto liberale, come "l'unico modo per comprendere la natura umana". [11]

 

Tuttavia, dopo aver definito cos'è la multipolarità in base a ciò a cui si oppone, è importante spiegare come definire un polo. Dugin ha spiegato che un polo non è solo strategico o politico: "È legato a una civiltà come cultura o tipo speciale di società con valori speciali. Allo stesso tempo, non è solo una cultura, ma anche uno spazio strategico. Quindi, nel concetto di polo, abbiamo entrambi i significati: potere e idea. I livelli ideologico e culturale e la forza militare sono inscritti nel polo nello spazio, nella geografia politica e nella geografia culturale allo stesso tempo. "[12]

 

La Russia come un polo

 

Per Dugin è essenziale avere la Russia come quarto polo nel nuovo ordine mondiale. Gli altri poli sarebbero Cina, Europa e Stati Uniti. Con la Russia come polo, Dugin ha ideato la creazione del progetto Eurasia, da Lisbona a Vladivostok. L'idea è di spostare l'Europa verso un'alleanza con Russia e Cina rompendo l'alleanza occidentale con gli Stati Uniti.

 

"Se accettiamo che non ci sarà più la Russia, ma solo un territorio balcanizzato e caotico come era più o meno il caso ai tempi di Eltsin, allora abbiamo l'unipolarità ... Ma con il quarto polo [cioè la Russia], abbiamo un situazione diversa ... Ora siamo in una posizione in cui possiamo salvare la Russia stessa salvando altri - Europa e Cina - dalla dominazione occidentale. Senza questo, non possiamo essere sicuri del nostro futuro "[13].

 

Il filosofo russo ha spiegato che la teoria del mondo multipolare è un progetto anti-occidentale volto a riposizionare geopoliticamente l'Europa. Dugin ha aggiunto che il mondo dovrebbe tornare alla "visione precolombiana", cioè quando gli Stati Uniti non esistevano come paese. "Se consideriamo la visione precolombiana, scopriamo subito che c'era un perfetto ordine mondiale dal punto di vista della civiltà, senza colonialismo o dominazione occidentale. C'erano imperi tradizionali: l'Impero iraniano, l'Impero ottomano, l'Impero russo , l'Impero Cinese, l'Impero Arabo ... La separazione tra America ed Europa che fa parte del mondo multipolare è essa stessa una sorta di ritorno all'epoca precolombiana. "[14]

 

Dugin ha poi sottolineato che il mondo multipolare è anche antimoderno perché "la modernità è un concetto occidentale" e "la teoria del mondo multipolare rifiuta i principi dell'Illuminismo" [15].

 

Dugin ha anche aggiunto che nella multipolarità c'è un altro cambiamento nella comprensione della geopolitica: "La geopolitica classica pensa in termini di potenza marittima, rappresentata dall'Occidente, e potenza terrestre, rappresentata dal cuore, la Russia". Ora, la potenza marittima, essendo l'Occidente, rappresenta l'unipolarità, cioè contro ciò contro cui combatte il multipolarismo, ma la potenza terrestre non è più solo la Russia, ma tutti i poli creati, tranne gli Stati Uniti. [16]

 

Cina come "Tianxia"

 

Secondo Dugin, la Cina è un polo nel sistema multipolare. Tuttavia, prima di spiegare come la Cina è diventata un polo, Dugin ha descritto cos'è la Cina: "La Cina è una civiltà ... Essendo una civiltà, la Cina rappresenta qualcosa di completo e perfetto, autonomo e autosufficiente ... Una civiltà può misurarne controllare e definire i propri valori, progresso o fallimento, utilizzando i propri strumenti ...

 

"In geopolitica, la Cina è un grande spazio. Ad esempio il Canada, che è un grande paese, non è un grande spazio, perché non potrebbe rappresentare uno spazio unificato, centralizzato e storicamente unito. Il Nord America è un grande spazio, non il Canada Non tutti i grandi spazi geografici sono un grande spazio geopolitico, ma la Cina lo è. La Cina storicamente controlla una grande zona geografica che è unita politicamente, socialmente, culturalmente, storicamente, religiosamente, dalla scrittura, dall'identità Han e così via.

 

"La Cina è una cultura. La cultura cinese è più dello stato cinese, perché il popolo di Taiwan e alcune persone non cinesi e non han condividono più o meno la stessa cultura, come i vietnamiti, i coreani e, in parte, i giapponesi. Le loro identità e culture si sono formate sotto l'enorme impatto e influenza della cultura cinese. La cultura cinese è qualcosa di sovra-cinese, qualcosa di più del cinese, perché questa cultura può essere data ad altri, e possono condividere questa cultura, come il sistema di scrittura per esempio.

 

"La Cina è una potenza, perché ha risorse politiche, economiche, demografiche, geopolitiche, strategiche e militari. Può obbligare gli altri a fare qualcosa. Se qualcuno volesse attaccare la Cina, la Cina potrebbe rispondere in qualsiasi modo. La Cina è una potenza che può difendere la sua sovranità ...

 

"La Cina è egemonia, ma ovviamente la Cina non è l'unica egemonia, o forza trainante. Ci sono altre egemonie al di fuori della Cina. La Cina è un'egemonia regionale. Potrebbe guidare ed esercitare la leadership in qualche circolo intorno alla Cina oltre i suoi confini, ma non troppo. In un certo spazio definito, come per la cultura, la civiltà e il potere, la Cina è una sorta di centro di egemonia che, rispetto ad altri paesi vicini alla Cina, è una vera forza trainante.

 

"La Cina è un impero, non solo nel senso tradizionale, ma anche nell'idea di unificare le unità politiche nazionali. Un impero non è uno stato politico, ma qualcosa di più - un sistema." [17]

 

Infine, Dugin ha affermato che la Cina è "Tianxia [tutto sotto il cielo, 天下]", un antico concetto culturale cinese che denota l'intero mondo geografico. Questo concetto è stato rinnovato e sviluppato dal famoso professor cinese Zhao Tingyang. È il fondatore e l'autore della teoria Tianxia (天下体系). "Tianxia" non è un paese, ma piuttosto un sistema globale, una civiltà.

 

Contrariamente a Zhao Tingyang, Dugin ritiene che la Cina sia una possibile Tianxia (天下), non l'unica, in quanto esistono altre strutture globali: "[Zhao Tingyang] ha detto che il suo concetto è stato dirottato da un professore americano che ha scritto un libro sulla Tianxia americana. Secondo questo professore, solo la Tianxia americana è la vera Tianxia e la Tianxia cinese è solo una versione provinciale. Ciò significa che puoi proporre il tuo sistema globale, ma non puoi essere sicuro che sarà accettato da tutti gli altri, almeno in teoria. C'è una lotta per Tianxia (天下). Questo è già importante perché gli studiosi americani stanno iniziando a prendere in prestito concetti cinesi - questo è un segno molto grande e positivo, un vero segno di multipolarità”.[18]

 

La Cina come polo

 

Tornando alla geopolitica, Dugin ha spiegato che se la Cina è dalla parte del potere terrestre, allora l'ordine mondiale è già multipolare.

 

Il filosofo russo ha sottolineato che nella geopolitica classica, sulle mappe di Sir Halford John Mackinder e Nicholas John Spykman, la Cina rappresenta Rimland, l'area costiera dell'Eurasia. Tuttavia, la Cina è troppo grande per essere solo una parte del Rimland. Potrebbe anche essere una parte indipendente di Heartland, con il proprio Rimland.

 

Secondo Dugin, nel 21 ° secolo, c'è un nuovo assioma relativo al crescente potere della Cina: "Chi controlla la Cina, controlla Rimland; chi controlla Rimland, controlla Heartland; chi controlla Heartland, governa il mondo." [19]

 

Ora, Dugin ha detto che ci sono tre soluzioni o scelte su quale paese dovrebbe controllare la Cina, e solo la Cina può prendere la decisione:

 

"La Cina può essere controllata dagli Stati Uniti / NATO. Ciò significa che l'Occidente governerà ... il mondo. Se i globalisti riusciranno a promuovere il loro controllo sulla Cina attraverso la globalizzazione, attraverso l'influenza sulla giovane generazione, la tecnologia, il capitalismo globale e teorie liberali, potrebbero governare il mondo.

 

"Nella vecchia versione della geopolitica, la Cina poteva essere controllata dalla Russia ... Questo è assolutamente impossibile oggi. Non era così impossibile in epoca zarista, o anche in epoca sovietica, quando Stalin cercò di aiutare Mao e la Russia influenzò la Cina. Ma oggi non c'è modo, volontà, desiderio, possibilità o risorse per farlo. Non possiamo controllare la Cina. La Cina è così grande e sviluppata che questo è fuori discussione. La nostra debolezza è quindi un'ottima cosa per il multipolarismo. Se tu logicamente, razionalmente non temere più la Russia, sei libero di accettarci non come una minaccia, ma come un alleato ...

 

"La Cina potrebbe essere controllata dalla Cina stessa. In questo senso, la Cina dovrebbe enfatizzare ... la sua identità tradizionale rappresentata oggi dall'ordine del Partito Comunista nella società cinese." [20]

 

Dugin ha mostrato sostegno alla terza opzione, ovvero il controllo cinese della Cina: "Se la scelta sarà fatta a favore della Cina, ciò significherà multipolarità". In quel caso, la Cina dovrebbe schierarsi con la Russia e non con gli Stati Uniti: "Da una parte c'è l'Occidente che propone il proprio sistema di valori, identità e civiltà, mentre dall'altra c'è il Russian Heartland .. . La Russia non propone nulla, tranne che la Cina diventi di nuovo Cina, [il che] renderà la Cina di nuovo grande ", [21] implicando che la Russia è l'unico alleato strategico per la Cina, e Mosca ha già accettato che la Cina diventerà il nuovo sovrano del mondo.

 

* Anna Mahjar-Barducci è direttrice del progetto MEMRI Russian Media Studies.

 

  

(Fonte: Eurasianist-archive.com)

 

[1] Fmprc.gov.cn/mfa_eng/zxxx_662805/t1814565.shtml, 11 settembre 2020.

 

[2] Mid.ru/en/web/guest/maps/us/-/asset_publisher/unVXBbj4Z6e8/content/id/4338337, 13 settembre 2020.

 

[3] Eurasianist-archive.com/2019/02/05/dugin-in-shanghai-china-in-international-relations/, 5 febbraio 2019.

 

[4] Vedere il messaggio speciale MEMRI n. 8710, filosofo russo antiliberale Dugin: Il nuovo ordine mondiale multipolare è su di noi, dove la Russia, la Cina e persino gli Stati Uniti possono sopravvivere sospendendo la democrazia, 22 aprile 2020; e MEMRI Inquiry and Analysis No.1491 Contemporary Russian Thinkers Series - Il filosofo anti-liberale russo Alexander Dugin articola l'ideologia non ufficiale della Russia: Eurasianismo, 2 dicembre 2019.

 

[5] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

 

[6] Il concetto di "momento unipolare" è stato introdotto per la prima volta dal defunto giornalista Charles Krauthammer nel 1990.

 

[7] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

 

[8] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

 

[9] En.kremlin.ru/events/president/transcripts/24034, 10 febbraio 2007.

 

[10] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

 

[11] Geopolitica.ru/en/article/dugins-expertise-globalization-abolished-what-comes-next, 11 maggio 2020.

 

[12] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

 

[13] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

 

[14] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

 

[15] Vedi il messaggio speciale MEMRI n. 6789 The Fourth Political Theory - Russian Anti-Liberal Philosopher Dugin: The Alternative To Liberalism Is 'Returning To The Middle Ages', 16 febbraio 2017.

 

[16] Dugin ha dichiarato: "La geopolitica si basa sul dualismo, sull'idea che ci sono due grandi potenze globali: il potere marittimo e il potere terrestre. E la storia delle relazioni tra Russia e Occidente nel passato, anche nel presente. come in futuro è inscritto in questa logica di confronto tra potenza marittima e potenza terrestre. Quindi una guerra fredda è una sorta di guerra eterna ... "News.cgtn.com/news/3d3d514e3151444e78457a6333566d54/share_p.html, 28 giugno 2018 .

 

[17] Eurasianist-archive.com/2019/02/05/dugin-in-shanghai-china-in-international-relations, 5 febbraio 2019.

 

[18] Eurasianist-archive.com/2019/02/05/dugin-in-shanghai-china-in-international-relations, 5 febbraio 2019.

 

[19] All'inizio del XX secolo, Mackinder aveva questa formula, per spiegare come funziona il potere nella geopolitica: "Chi controlla l'Europa orientale, controlla Heartland; chi controlla Heartland, governa il mondo". Poi, a metà del XX secolo, quando l'importanza di Rimland venne compresa, Spykman trasformò questa formula geopolitica: "Chi controlla Rimland, controlla Heartland; chi controlla Heartland, governa il mondo".

 

[20] Eurasianist-archive.com/2019/02/05/dugin-in-shanghai-china-in-international-relations, 5 febbraio 2019.

 

[21] Eurasianist-archive.com/2019/02/05/dugin-in-shanghai-china-in-international-relations, 5 febbraio 2019.

 

Memri 5 ottobre 2020

 

- Russia e Cina reclutano la storia della Seconda Guerra Mondiale per rafforzare la loro rivendicazione di vantaggio morale sugli Stati Uniti e per promuovere il multilateralismo di A.M.B.

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna